Riccardi Andrea: sul web

Riccardi Andrea: sui social network

Riccardi Andrea: la rassegna stampa

change language
sei in: home - news contattinewsletterlink

Sostieni la Comunità

 
23 Dicembre 1999

Incontro di preghiera con il patriarca armeno di Costantinopoli Mesrob II

 
versione stampabile

Il 23 dicembre 1999 il patriarca armeno di Costantinopoli, Mesrob II Mutafyan, ha visitato la Comunità ed ha presieduto la preghiera serale nella Basilica di Santa Maria in Trastevere. Nella sua omelia ha ricordato la lunga amicizia nei confronti della Comunità ed ha espresso, con parole affettuose, il suo riconoscimento per il cammino che la Comunità ha saputo percorrere in questi anni.

Testo dell'omelia di Sua Beatitudine Mesrob II

 

Cari fratelli e care sorelle,

un saluto affettuoso nel nome di Gesù Cristo, nostro Signore.

Io sono Mesrob, la mia gente mi chiama Mesrob II. Sono il Patriarca Armeno di Costantinopoli da quattordici mesi. Ma alcuni fra voi sapranno che da circa quattordici anni sono un amico e un membro in spirito dell'amata Comunità di Sant'Egidio.

Sono a Roma per un pellegrinaggio in occasione della festa di Natale, che l'occidente celebra il 25 dicembre, mentre siamo alla soglia del terzo millennio.

La Comunità è stata il ponte per questa visita. A Genova, dove sono stato invitato da voi, ho avuto ancora una volta l'opportunità di incontrare il card. Roger Etchegaray, un vecchio amico, attualmente presidente della Commissione Pontificia per il Grande GiubiIeo. Lui mi ha invitato a Roma per essere presente all'apertura della Porta Santa, insieme al Papa Giovanni Paolo II. E qui sono un pellegrino a Roma e un amico.

Questo è il mio secondo Natale a Roma. Nel 1988 ero qui per alcuni corsi aIl'Angelicum. Non vedevo l'ora di passare il Natale con voi. E in realtà così è avvenuto, anche se qualcosa ha profondamente toccato e ferito il mio cuore.

Due settimane prima di Natale l'otto dicembre, un terribile terremoto ha devastato il Nord dell'Armenia. Il mio cuore sanguinava e i miei pensieri erano con il mio popolo. Ho capito allora come la Comunità condividesse questo dolore nel modo più profondo. Non riesco a ricordare ora quante parrocchie ho visitato in Roma, insieme agli amici della comunità, predicando a innumerevoli gruppi di cittadini romani, per suscitare un aiuto concreto per l'Armenia. E' stato un Natale differente da quello che mi sarei aspettato. Ma ad ogni modo è stato un Natale speciale. Mi sono sentito vicino a Giuseppe e Maria, esausti, rigettati, poveri, ma ciò nonostante, capaci di proteggere la vita che era in loro, ripieni di speranza.

È nuovamente Natale. E di nuovo sono in Roma, dopo un altro terribile terremoto che ha devastato, questa volta, il Nord ovest della Turchia, della quale sono cittadino e Patriarca. Attraverso di voi, vorrei ringraziare tutti coloro che sono stati di aiuto con la loro generosità.

La gente a Istanbul, Nicomedia, Nicea sono pieni di paura, perché centri internazionali di sismologia hanno annunciato un prossimo terremoto, di dimensioni maggiori, a causa di una grande cavità al di sotto del mar di Marmara. Molti ricchi stanno consolidando la struttura delle loro case. Ma cosa avverrà ai più poveri? Cosa sarà di quelli che lottano per mettere sul tavolo dei loro figli una fetta di pane? Per questo preghiamo. Preghiamo che la paura lasci spazio alla speranza, l'ansia sia rimpiazzata dalla fiducia. La gente è assetata di una parola di conforto. Ma questa parola è già incarnata in loro, in quanti hanno occhi per vedere e orecchie per udire.

Ecco, sono passati circa duemila anni dall'evento salvifico di Betlemme. La Parola si è fatta carne, vive in mezzo a noi, e noi abbiamo visto la sua gloria, piena di grazia e verità. La Parola, come unigenito figlio di Dio, ha ricevuto la sua gloria dal Padre.

Il Verbo esisteva prima di tutto. Ma si è incarnato nello spazio e nel tempo. È come uno di noi, eccetto il peccato. E' stato inviato per tutti, offerto e ricevuto come un sacrificio gradito a Dio. E' espressione dell'amore del Padre, che ha amato il mondo tanto da mandare il suo unico figlio. Chi crede in lui non morirà ma riceverà la vita eterna. La sua missione salvifica continua attraverso di noi, quando obbediamo. La missione della parola incarnata si realizza quando ci pentiamo. La parola germina, quando siamo uniti nell'amore.
Pentimento, obbedienza, amore incorruttibile di Dio e amore fraterno. E qui noi ci sentiamo deboli e poveri.
Ma questa è la nostra chiamata, fratelli e sorelle. Tutti abbiamo ereditato peccati antichi, antichi malintesi, antichi problemi ed errori. Questi sono ostacoli, inferriate che devono essere rimosse come dice il salmo ventiquattro. E' così che il Re della gloria, il Verbo incarnato, potrà entrare nei cuori e guarirli.
Siamo gioiosi. Entriamo nel nuovo millennio. Per portare frutti per e con Cristo dobbiamo insieme aprire le porte, rimuovere le inferriate.

Amen.

Un giovane di diciotto anni ha avuto una visione per vivere il Vangelo. Anche in tempi di materialismo e secolarismo, ha creduto fosse possibile. Il seme del Vangelo nel suo cuore ha portato frutto.

Il Signore ha usato il suo servo obbediente e suo amico per creare una Comunità. Questa Comunità di amore ogni giorno, dal 7 febbraio 1968, trentuno anni fa, ha attraversato il Tevere per ascoltare la Parola di Dio, vivere il Vangelo e toccare la vita degli uomini e delle donne. E ora, è tempo di varcare la soglia del secondo millennio, in fede, speranza e amore, ancora la stessa visione evangelica dei primi giorni.

Andrea, la tua visione e la tua perseveranza nell'amore di Cristo hanno toccato anche il mio cuore.
Vorrei riconoscere ciò offrendoti questa piccola croce. Il simbolo dell'amore e del trionfo.


 LEGGI ANCHE
• NEWS
20 Luglio 2016

Le religioni mondiali tornano ad Assisi per dare voce alla sete di pace dei popoli

IT | ES | DE | FR | PT | CA | NL
30 Giugno 2016
MONACO, GERMANIA

Insieme per l'Europa: comunità e movimenti cristiani si incontrano a Monaco

IT | DE | FR
20 Giugno 2016

ASSISI 2016 SETE DI PACE: dal 18 al 20 settembre l'Incontro di dialogo e preghiera tra le religioni e le culture

IT | ES | DE | CA
24 Maggio 2016
PARIGI, FRANCIA

Andrea Riccardi e il Grand Imam Al Tayyeb rendono omaggio alle vittime dell'attentato al Bataclan

IT | EN | ES | DE | FR | PT | RU
23 Maggio 2016
ISTANBUL, TURCHIA

Istanbul, Sant'Egidio è presente con il suo presidente al primo vertice mondiale umanitario promosso dall'ONU

IT | EN | ES | DE | FR | PT | NL | RU | HU
20 Aprile 2016
BAMAKO, MALI

Sant'Egidio mette in dialogo giovani cristiani e musulmani che grazie ai poveri imparano a convivere

IT | DE | FR | PT
tutte le news
• STAMPA
26 Agosto 2016
Sette: Magazine del Corriere della Sera

Francesco sta salvando le nostre radici cristiane e sta aiutando i musulmani a costruire quel rinascimento senza pregiudizi che noi abbiamo già conosciuto

6 Agosto 2016
La Sicilia

Integrarsi con Giochi senza frontiere

2 Agosto 2016
Avvenire

Musulmani a Messa, abbraccio di svolta. In cammino di pace da credenti. Con pazienza e sapienza

4 Luglio 2016
Tagespost

Europa ohne Mauern bauen

2 Luglio 2016
POW - Pressestelle des Ordinariates Würzburg

„Barmherzigkeit ist das Schlüsselwort“

2 Luglio 2016
Aleteia.org

Rifugiati, Riccardi: “Convocare presto un sinodo ecumenico dei cristiani europei”

tutta la rassegna stampa
• DOCUMENTI

Ahmad Al Tayyeb - Oriente e Occidente - Dialoghi di civiltà - Parigi 2016

Andrea Riccardi - Oriente e Occidente - Dialoghi di civiltà

Milano 2015: Preghiera e incontri ecumenici con i poveri

Saluto del Patriarca di Mosca e di tutte le Russie, Kirill, al prof. Andrea Riccardi in occasione dell’udienza del 31 ottobre 2014

tutti i documenti
• LIBRI

L'Altro, l'Atteso





San Paolo
tutti i libri