Riccardi Andrea: sul web

Riccardi Andrea: sui social network

Riccardi Andrea: la rassegna stampa

change language
sei in: home - news contattinewsletterlink

Sostieni la Comunità

  
10 Novembre 2014 | NOVARA, ITALIA

Novara celebra i 30 anni della Scuola di Italiano di Sant'Egidio: "un laboratorio per la società del vivere insieme"

Studenti ed ex alunni da tutto il mondo si sono riuniti per festeggiare una storia trentennale di integrazione e di amicizia

 
versione stampabile

Centinaia di persone hanno celebrato ieri a Novara i 30 anni della Scuola di Lingua e Cultura Italiana della Comunità di Sant’Egidio. Presenti gli studenti e gli ex-alunni, provenienti da diverse città del Piemonte, insieme a delegazioni dalle scuole di italiano di Sant’Egidio di Genova e Trieste e a molti profughi africani (da Mali, Gambia e Nigeria) che studiano la lingua per cominciare un nuovo percorso in Italia. Molte anche le autorità presenti, tra cui il Prefetto e il Sindaco di Novara, gli assessori regionali all’immigrazione e alle politiche sociali, e rappresentanti dell’Università del Piemonte Orientale, che con il comune di Novara ha dato il patrocinio alla giornata.

In questi anni oltre 6500 studenti di 107 paesi hanno frequentato i diversi corsi. Durante la cerimonia sono stati consegnati 303 diplomi dell’anno scolastico 2013-14. Daniela Pompei, responsabile della Comunità di Sant’Egidio per i servizi ai migranti, ha ripercorso trent’anni di immigrazione in Italia e della Scuola di Italiano, iniziata a Roma 30 anni fa e aperta anche a Novara nel 1989, anno della caduta del muro di Berlino.

Si sono poi succedute le testimonianze di alcuni degli studenti di quei primi anni, come Agostino, dell’Angola, ora cittadino italiano, che ha ricordato: “Mi incuriosiva sapere chi fossero questi stranieri anche perché in quegli anni eravamo pochi immigrati a Novara. Decisi di andare a scuola con due obbiettivi: il primo imparare bene la lingua italiana, il secondo conoscere gli altri studenti di diverse nazionalità, e mi piacque molto perché eravamo insieme tra diversi, come siamo noi oggi, la stessa cosa”. Insieme a lui è intervenuta Sabrina, dalla Romania, già laureata in lingue a Vercelli, che in perfetto italiano ha detto: “Non so cosa sia stato più importante: imparare la lingua oppure imparare a stare bene vicino al prossimo, che spesso è tanto diverso da te”.

Una scuola di lingua dove cristiani e musulmani imparano a vivere insieme, come ha ricordato Kashif, dal Pakistan: “La scuola di italiano e questa bella rete di amicizie hanno reso meno triste la mia  lontananza da casa. I maestri non si sono mai dimenticati di me e di tutti noi musulmani. Hanno festeggiato con noi la festa di Ramadan e la festa di Eid e noi abbiamo partecipato in tanti al pranzo di Natale con i poveri  del mio quartiere”. 

Dagli studenti della prima ora ai profughi appena giunti come Osman, 17 anni, fuggito da solo dalla Somalia che ha ricordato il dramma del suo paese: “In Somalia la guerra impedisce ai giovani di pensare al futuro”. Un futuro a cui la Scuola di Lingua e Cultura Italiana aiuta a guardare con fiducia e speranza, come ha ricordato Daniela Sironi, della Comunità di Sant’Egidio di Novara, che ha definito la scuola un laboratorio di futuro per una nuova città e una nuova società del vivere insieme.




 LEGGI ANCHE
• NEWS
22 Maggio 2017
MILANO, ITALIA

Milano risponde al razzismo con un #20maggiosenzamuri: il realismo dell’accoglienza

IT | ES | CA
17 Maggio 2017
ANVERSA, BELGIO

Prove di convivenza e integrazione nelle periferie multietniche del Belgio

IT | ES | FR | CA
10 Maggio 2017
NOVARA, ITALIA

Un centro per l'innovazione dei servizi agli anziani a Novara

27 Aprile 2017
ROMA, ITALIA

I corridoi umanitari, volto umano dell'Italia che salva. Tanti i bambini arrivati oggi dalla Siria

IT | DE | FR | PT | RU
22 Aprile 2017
ROMA, ITALIA

La preghiera di Papa Francesco per i martiri del nostro tempo. Le immagini della visita

IT | EN | ES | DE | FR | PT | HU
22 Aprile 2017
ROMA, ITALIA

Il Papa con profughi: un sopravvissuto di Lampedusa gli dona una cartolina con i volti delle vittime dei naufragi

IT | ES | FR | PT | NL
tutte le news
• STAMPA
17 Maggio 2017
La Stampa

Una "rete" protegge duemila anziani

11 Maggio 2017
Il Messaggero Veneto

Rogo camper. Obiettivo integrazione: il rimedio mai adottato

14 Aprile 2017
Giornale di Arona

Riscoprire il vero significato della Pasqua con i volontari della Comunità di Sant'Egidio

7 Aprile 2017
Vatican Insider

Giornata dei Rom, Sant’Egidio: “Antigitanismo ancora diffuso contro un popolo di bambini”

29 Marzo 2017
Avvenire

Novara. I bambini in marcia per difendere la pace

27 Marzo 2017
Corriere di Novara

Marcia della pace dei bambini mercoledì a Novara

tutta la rassegna stampa
• EVENTI
25 Maggio 2017 | ROMA, ITALIA

Presentazione del libro "Rifugi e ritorni" di Filippo Grandi

17 Maggio 2017 | ROMA, ITALIA

I profughi e noi. Incontro con Alejandro Solalinde, difensore dei diritti dei migranti in Messico

14 Maggio 2017 | MILANO, ITALIA

''Le rotte dell'accoglienza'', un incontro per parlare di migrazioni e dei corridoi umanitari

10 Maggio 2017 | TORINO, ITALIA

Conferenza sul martirio dei cristiani e il futuro della Siria

tutti gli Incontri di Preghiera per la Pace
• DOCUMENTI

Appello al Parlamento ungherese sui profughi e i minori richiedenti asilo

Corso di Alta Formazione professionale per Mediatori europei per l’intercultura e la coesione sociale

Omelia di S.E. Card. Antonio Maria Vegliò alla preghiera "Morire di Speranza". Lampedusa 3 ottobre 2014

Omelia di S.E. Card. Vegliò durante la preghiera "Morire di speranza"

Nomi e storie delle persone ricordate durante la preghiera "Morire di speranza". Roma 22 giugno 2014

Le vittime dei viaggi della speranza da gennaio 2013 a giugno 2014

tutti i documenti
• LIBRI

Dopo la paura, la speranza





San Paolo
tutti i libri

FOTO

1150 visite

1173 visite

1168 visite

1253 visite

1223 visite
tutta i media correlati