Riccardi Andrea: sul web

Riccardi Andrea: sui social network

Riccardi Andrea: la rassegna stampa

change language
sei in: home - news contattinewsletterlink

Sostieni la Comunità

  
26 Novembre 2014 | NAPOLI, ITALIA

A Napoli la scuola di italiano di Sant'Egidio celebra 30 anni di integrazione e cultura

 
versione stampabile

Domenica 23 novembre un migliaio di persone provenienti da ogni parte del mondo si sono riunite alla Città della Scienza per festeggiare i 30 anni della Scuola di Lingua e Cultura Italiana della Comunità di Sant’Egidio.
Nata Roma, la scuola ha preso avvio a Napoli pochi anni dopo e in 25 anni ha diplomato quasi 15.000 studenti provenienti da 115 diversi paesi del mondo.

La sala era gremita di studenti della Scuola provenienti da ogni continente: Sri Lanka, Filippine, Kyrgyzstan, India, Ucraina, Georgia, Bulgaria, Romania, Russia, Perù, Ecuador, Salvador, Guinea Conakry, Brasile, Nigeria, Senegal, Algeria, Marocco, per citare solo alcuni dei Paesi rappresentati.
Vi erano studenti delle Scuole di Lingua Italiana per immigrati di Caserta, Castel Volturno Marigliano e Quarto, gemmate dalla Scuola di Napoli. Tutti uniti dalla stessa convinzione: la lingua italiana è la chiave – come ha ricordato Daniela Pompei – e deve essere usata per aprire le porte dell’amicizia e del vivere insieme.

Tanti gli interventi di studenti ed ex studenti che hanno raccontato la loro esperienza attraverso la Scuola. Jacoube, del Benin, ha detto: “Non saprei dire come sarebbe stata la mia vita oggi senza la Scuola, perché la conoscenza della lingua è una chiave che non si compra, ma che si dona, grazie alla Comunità di Sant’Egidio, a tutti coloro che vengono da lontano”.
Mohamed, un mediatore culturale algerino, ha ricordato come la Scuola l’ha aiutato a coltivare il sogno di aiutare gli immigrati che vengono dall’Africa. Ajith, dello Sri Lanka, ha sottolineato come la Scuola è sempre aperta a tutte le etnie e le religioni: “Gli insegnanti della Comunità di Sant'Egidio sono persone che seguono il Vangelo, aiutano gli altri in modo gratuito, senza pretendere nulla in cambio“.

La Scuola è diventata come una famiglia per tanti e anche un ponte tra mondi diversi, un luogo dove "imparare a conoscersi e rispettarsi tra persone di cultura e religione diversa". Questo è un "segno di civiltà, ma soprattutto è un arricchimento culturale, intellettuale  e umano che favorisce la nostra crescita".
Molti gli studenti che sempre attraverso la scuola hanno conosciuto i bisogni dei più deboli, come ha ricordato Lizbeth, giunta dal Perù in Italia ancora giovanissima per sostenere la famiglia e che attraverso la scuola ha iniziato a collaborare con l’ambulatorio della Comunità di Sant’Egidio che assiste madri e bambini Rom. O come Yurij, dall’Ucraina, che ogni giovedì aiuta a preparare i pasti per le persone che vivono per strada: "Qui ho incontrato tante belle persone, con il cuore grande, ma, soprattutto, ho scoperto la gioia di aiutare le persone povere, chi è meno fortunato di noi".

Non sono mancate le testimonianze dei rifugiati giunti in Campania negli ultimi anni. Ndagho, dal Ghana, è scampato ad una guerra etnica che ha causato la morte del padre e che dalla Libia ha raggiunto Lampedusa in un barcone. "La vita in Italia non è facile – ha raccontato Ndagho - anche fare amicizia non è facile, per questo la Scuola è importante!"

Al termine dell’assemblea una grande festa, con balli e canti di diversi luoghi del mondo, è stata l'occasione per rinnovare il proprio desiderio di vivere insieme, nella pace e nella solidarietà.


 LEGGI ANCHE
• NEWS
27 Aprile 2017
ROMA, ITALIA

I corridoi umanitari, volto umano dell'Italia che salva. Tanti i bambini arrivati oggi dalla Siria

IT | DE | RU
22 Aprile 2017
ROMA, ITALIA

La preghiera di Papa Francesco per i martiri del nostro tempo. Le immagini della visita

IT | EN | ES | DE | FR | PT | HU
22 Aprile 2017
ROMA, ITALIA

Il Papa con profughi: un sopravvissuto di Lampedusa gli dona una cartolina con i volti delle vittime dei naufragi

IT | ES | FR | PT | NL
6 Aprile 2017
NAPOLI, ITALIA

A Torino, Napoli e Berlino le preghiere in memoria dei martiri del nostro tempo

5 Aprile 2017
NAPOLI, ITALIA

Girando per le vie del centro storico di Napoli, entriamo in una casa speciale: ci accolgono gli anziani

4 Aprile 2017
UNGHERIA

Al confine... e oltre. Un racconto dai campi profughi tra Serbia e Ungheria.

IT | ES | DE | NL | HU
tutte le news
• STAMPA
7 Aprile 2017
Vatican Insider

Giornata dei Rom, Sant’Egidio: “Antigitanismo ancora diffuso contro un popolo di bambini”

28 Marzo 2017
Corriere del Mezzogiorno

Giù le Vele a Scampia, su Nagorà dibattito tra urbanisti e intellettuali

17 Marzo 2017
Sette: Magazine del Corriere della Sera

Andrea Riccardi: Le politiche sulle migrazioni devono partire dai giovani africani che usano Internet e il cellulare

27 Febbraio 2017
L'huffington Post

Andrea Riccardi: Un anno di corridoi umanitari. L'integrazione protegge più dei muri

26 Febbraio 2017
Il Mattino

Sant'Egidio: 270 clochard morti in Campania negli ultimi anni

23 Febbraio 2017
Main-Post

Abschiebung in die Ungewissheit

tutta la rassegna stampa
• DOCUMENTI

Appello al Parlamento ungherese sui profughi e i minori richiedenti asilo

La guida "Dove mangiare, dormire, lavarsi a Napoli e in Campania" 2016

Corso di Alta Formazione professionale per Mediatori europei per l’intercultura e la coesione sociale

Dove Napoli 2015

Omelia di S.E. Card. Antonio Maria Vegliò alla preghiera "Morire di Speranza". Lampedusa 3 ottobre 2014

Omelia di S.E. Card. Vegliò durante la preghiera "Morire di speranza"

tutti i documenti
• LIBRI

Trialoog





Lannoo Uitgeverij N.V

Dopo la paura, la speranza





San Paolo
tutti i libri

FOTO

666 visite

753 visite

259 visite

646 visite

679 visite
tutta i media correlati