Riccardi Andrea: sul web

Riccardi Andrea: sui social network

Riccardi Andrea: la rassegna stampa

change language
sei in: home - news contattinewsletterlink

Sostieni la Comunità

  
25 Agosto 2000

Chibuto (Mozambico) - La Comunità di Sant’Egidio inizia la ricostruzione delle case per le famiglie colpite dall’alluvione

 
versione stampabile

Alcuni momenti della cerimonia di inaugurazione Ormai non è più solo un sogno. Dopo la posa della prima pietra gli abitanti di Chibuto hanno capito che la rinascita è davvero cominciata. Perché dopo gli interventi di emergenza che sono seguiti all'alluvione, si tratta del primo progetto per la ricostruzione in Mozambico. La cerimonia si è svolta il 25 agosto davanti alle principali autorità di questa cittadina, 200 chilometri a Nord di Maputo. Ma soprattutto davanti alla popolazione in festa. Si tratta di 70 case in muratura e di due pozzi per l'acqua potabile. A costruirli, nel quartiere di Chimundo, ci penserà la Comunità di Sant'Egidio, artefice dell'accordo di pace mozambicano, che nel '92 pose fine a 16 anni di sanguinosa guerra civile. Le case saranno consegnate ad alcune famiglie colpite dalle inondazioni che nei primi mesi dell'anno devastarono il Paese seminando morte e distruzione.

Chibuto si trova nella provincia di Gaza, una delle zone più duramente segnate dall'alluvione. Sorvolando la zona è ancora possibile vedere vaste aree sommerse dall'acqua e moltissime famiglie ancora alloggiate nelle tende. Le case della Comunità di Sant'Egidio saranno tra le prime in muratura ad essere costruite. Nel periodo dell'emergenza Chibuto diventò uno dei grandi poli di accoglienza di chi riusciva a salvarsi dalla violenza dei venti e della pioggia. Ma ormai, delle 16 mila famiglie che vi avevano trovato rifugio, la maggior parte si è stabilita definitivamente nella città, non potendo più fare ritorno nei villaggi d'origine.

La festa spontanea con canti e danze al termine della cerimonia Alla cerimonia, che è stata presieduta da don Matteo Zuppi della Comunità di Sant'Egidio, hanno preso parte il Nunzio Apostolico in Mozambico Mons. Janus Juliusz, il Vescovo della diocesi di Xai Xai, Mons. Julio Langa, il Presidente della Caritas Mozambicana mons. Paulo Mandlate, Erano anche presenti il Presidente della Pontificia Commissione Justitia e Pax, Mons. Nguyên Van Thuân, il Presidente del CELAM Mons. Jimenez Carvajal, il Presidente della SECAM Mons. Monsengwo Pasinya, ed il Presidente della Caritas Internationalis Mons. Fouad El Haje, nonostante in quegli stessi giorni partecipassero al Convegno "Riconciliazione, risoluzione dei conflitti e costruzione della pace" di cui diamo notizia in un altro servizio.

La festa spontanea con canti e danze al termine della cerimonia Erano presenti anche numerose autorità civili ed alcuni rappresentanti delle numerose Comunità di Sant'Egidio del Mozambico. Don Matteo Zuppi nel suo discorso ha ricordato l'amicizia che da tanti anni lega la Comunità di Sant'Egidio al Mozambico. Si è trattato di momenti difficili, come gli anni della carestia che all'inizio degli anni Ottanta aveva colpito il Paese, e periodi ancora più drammatici come quello della guerra, fino al raggiungimento dell'accordo di pace che venne firmato a Roma il 4 ottobre 1992 dopo due anni e mezzo di trattative svolte a Sant'Egidio.

L'area prescelta per la ricostruzione. Il bairro Chimundo è stato scelto perchè si trova in una zona alta, pianeggiante e non soggetta ad erosione.Don Matteo ha anche spiegato che la realizzazione del progetto, che costerà 525.000 dollari, è stata possibile grazie all'impegno, per la raccolta dei fondi, di tutte le Comunità di Sant'Egidio sparse nel mondo. Non solo di quella di Roma e di quelle europee. Hanno partecipato alla raccolta, con un grande impegno di solidarietà, anche le realtà di Sant'Egidio presenti in Africa, in America Latina e in Asia, con il coinvolgimento non solo dei giovani e degli adulti, ma anche dei movimenti dei bambini e degli anziani che fanno capo alla Comunità. E già si pensa al futuro: dopo la realizzazione delle 70 case e dei due pozzi è prevista, nello stesso quartiere, la costruzione di una scuola e di un centro di salute.


 LEGGI ANCHE
• NEWS
1 Dicembre 2016

1 dicembre, Giornata Mondiale contro l'AIDS 2016. Per il futuro dell'Africa

IT | DE | FR | HU
23 Novembre 2016
GOMA, REPUBBLICA DEMOCRATICA DEL CONGO

Floribert, giovane martire della corruzione: aperta ufficialmente la causa di beatificazione dal vescovo a Goma

IT | ES | DE | FR | PT | HU
21 Novembre 2016
ROMA, ITALIA

Pace in Centrafrica: i leader religiosi di Bangui a Sant'Egidio rilanciano la piattaforma per la riconciliazione

IT | ES | DE | FR | PT | CA
19 Novembre 2016
ROMA, ITALIA

Centrafrica: incontro lunedì a Sant’Egidio. Dissociare le religioni dalla guerra e lanciare un modello di riconciliazione

IT | ES | FR | PT | CA
18 Novembre 2016
ABIDJAN, COSTA D'AVORIO

Costa d'Avorio, il pellegrinaggio dei bambini delle bidonvilles di Abidjan al termine del Giubileo

IT | ES | DE
17 Novembre 2016
BENIN

In Benin, verso la conclusione del Giubileo della Misericordia con poveri e lebbrosi

IT | ES | DE
tutte le news
• STAMPA
1 Dicembre 2016
Zenit

Africa: 300mila sieropositivi curati da Sant’Egidio

16 Novembre 2016
Münstersche Zeitung

"Grazie mille, Papa Francesco"

11 Novembre 2016
Radio Vaticana

Aids in Africa: premiato progetto Dream di Sant'Egidio

10 Novembre 2016
Vatican Insider

Aids, il Premio “Antonio Feltrinelli” dell’Accademia dei Lincei al programma DREAM di S.Egidio

2 Novembre 2016
Il Sole 24 ore - Sanità

Connessi al Centrafrica

31 Ottobre 2016
Vatican Insider

Iraq, Sant’Egidio: servono aiuti umanitari e dialogo per superare la crisi

tutta la rassegna stampa
• NO PENA DI MORTE
31 Ottobre 2014

Inaugurata a Bukavu la campagna "Città per la vita"

12 Ottobre 2014
All Africa

Africa: How the Death Penalty Is Slowly Weakening Its Grip On Africa

20 Settembre 2014

Ciad: il nuovo codice penale prevede l'abolizione della pena di morte

20 Settembre 2014
AFP

In Ciad rischio criminalizzazione gay, ma abolizione pena morte

vai a no pena di morte
• DOCUMENTI

Libia: L'accordo umanitario per il Fezzan firmato a Sant'Egidio il 16 giugno 2016

Burkina Faso - La Paix est l'avenir: Rencontre des religions pour la paix

Comunicato stampa contro i linciaggi in Mali

The Goal of a DREAM

Dichiarazione dell'Unione Africana sul Patto Repubblicano firmato a Bangui

Jean Asselborn

Discours du Vice-Premier ministre, ministre des Affaires étrangères Grand-Duché de Luxembourg Jean ASSELBORN

tutti i documenti
• LIBRI

Eine Zukunft für meine Kinder





Echter Verlag
tutti i libri

FOTO

155 visite

156 visite

158 visite

152 visite

264 visite
tutta i media correlati

Per Natale, regala il Natale! Aiutaci a preparare un vero pranzo in famiglia per i nostri amici più poveri