Riccardi Andrea: sul web

Riccardi Andrea: sui social network

Riccardi Andrea: la rassegna stampa

change language
sei in: home - news contattinewsletterlink

Sostieni la Comunità

  
22 Dicembre 2014 | ADJUMANI, UGANDA

La scuola contro la guerra: esami alla Sant'Egidio Primary School nel campo profughi di Nyumanzi in Nord Uganda

dove circa il 70% dei rifugiati sono minori

 
versione stampabile

Una delegazione euro-africana (dall’Uganda, dal Kenya e dall’Italia) della Comunità di Sant'Egidio ha visitato nei giorni scorsi  il “Nyumanzi Settlement”, un insediamento nel Nord dell’Uganda dove da un anno vivono profughi del Sud Sudan e dove la Comunità ha aperto una scuola primaria.

Proprio un anno fa, a metà del dicembre 2013, iniziava la crisi del Sud Sudan. Gli scontri interetnici (tra dinka e nier) hanno dilaniato il giovanissimo stato (nato nel 2011) provocando decine di migliaia di morti, 1,4 milioni di sfollati interni e circa 480.000 rifugiati (di cui il 70% minori).

Secondo le ultime stime dell’UNHCR (Alto Commissariato dell’ONU per i Rifugiati) nella sola provincia di Adjumani vivono 84.300 profughi del Sud Sudan.

Il Nyumanzi Settlement, nato come un campo-profughi, con il passare del tempo si sta trasformando in un insediamento semi-permanente, una sorta di cittadina sudanese in territorio ugandese.

Qui, all'inizio del mese di marzo 2014 la Comunità di Sant'Egidio ha aperto una scuola elementare. La scuola - finanziata con una colletta a cui hanno partecipato tutte le Comunità di Sant'Egidio nel mondo - ha sette classi: quattro P1 (Primary 1 - prima elementare), due P2 e una P3. Gli insegnanti impegnati sono 11. L’età dei ragazzi è molto variabile, dai sei ai quattordici anni. Molti non erano mai andati a scuola.

Alla fine del primo anno scolastico - che si è concluso proprio a dicembre  - 767 studenti (439 maschi e 328 femmine) hanno sostenuto l’esame finale, obbligatorio in Uganda alla fine di ogni “term".

La Scuola di Sant’Egidio è stata ufficialmente riconosciuta dal governo dell’Uganda a novembre 2014 e opera in collaborazione con la diocesi di Arua. Sorge su un grande terreno nel blocco E del campo, a poco più di cinquecento metri dal mercato. Presto saranno costruite delle aule in muratura. Dopo aver cominciato le lezioni sotto gli alberi, da ottobre, abbiamo potuto utilizzare tre tende attrezzate con i banchi (dono dell’UNICEF e di una ONG che lavora con l’UNHCR).

La buona qualità del lavoro fatto dagli insegnanti sudanesi, spesso in condizioni difficili (la stagione delle piogge è stata più lunga del solito) è apparsa evidente anche se qualche classe non ha potuto ancora usufruire delle tende. I bambini e i ragazzi sono in grado di leggere e scrivere, sanno presentarsi in inglese e, un po’ a sorpresa, amano la matematica. Con il prossimo anno saranno aperte delle classi di quarta e quinta elementare e gli studenti dovrebbero superare quota mille.

 

 LEGGI ANCHE
• NEWS
4 Maggio 2015
ADJUMANI, UGANDA

Tutti in classe... anche quando piove! La nuova scuola nel campo profughi di Nyumanzi

IT | EN | ES | DE | FR | PT
23 Luglio 2016
ADJUMANI, UGANDA

La School of Peace per i bambini profughi del Sud Sudan diventa ancora più grande e bella

IT | EN | ES | DE | FR | PT
26 Gennaio 2016
MILANO, ITALIA

Giovani artisti narrano il Binario 21 da simbolo della deportazione a luogo di accoglienza

10 Aprile 2015
ADJUMANI, UGANDA

Una nuova scuola per i bambini profughi del Sud Sudan

IT | EN | ES | DE | FR | PT | CA | NL
19 Ottobre 2016
KAMPALA, UGANDA

Sete di Pace: anche in Uganda una giornata di preghiera nello Spirito di Assisi

IT | EN
tutte le news
• STAMPA
17 Settembre 2017
La Vanguardia

Corredores de paz

6 Luglio 2017
Vida Nueva

Francia ya cuenta con su corredor humanitario para refugiados

20 Novembre 2016
Catalunya Cristiana

«Ser refugiada és començar de zero»

29 Luglio 2016
El Mundo

El Papa pide a los jóvenes que sean "sembradores de esperanza"

4 Maggio 2016
RTVE.es

'Corredores humanitarios' para refugiados, cruzar el Mediterráneo para vivir, no para morir

tutta la rassegna stampa
• DOCUMENTI

L'omelia di Mons. Marco Gnavi alla preghiera Morire di Speranza, in memoria dei profughi morti nei viaggi verso l'Europa

Appello al Parlamento ungherese sui profughi e i minori richiedenti asilo

SCHEDA: Cosa sono i corridoi umanitari

Omelia di S.E. Card. Antonio Maria Vegliò alla preghiera "Morire di Speranza". Lampedusa 3 ottobre 2014

Omelia di S.E. Card. Vegliò durante la preghiera "Morire di speranza"

tutti i documenti

FOTO

1156 visite

1006 visite

1195 visite

1228 visite
tutta i media correlati