Riccardi Andrea: sul web

Riccardi Andrea: sui social network

Riccardi Andrea: la rassegna stampa

change language
sei in: home - news contattinewsletterlink

Sostieni la Comunità

  
30 Dicembre 2014 | LIBANO

Bambini siriani in fuga dalla guerra a scuola di pace a Al Fakiha, nel nord della Bekaa, Libano

A conclusione di un anno durissimo, segnato da un costante arrivo di profughi dalla Siria, la scuola ha visto quasi raddoppiato il numero degli iscritti.

 
versione stampabile

Il 2014 è stato un anno duro nell'alta valle della Bekaa, in Libano. A causa dei combattimenti tra le truppe di Hezbollah e i ribelli siriani, proprio a ridosso del confine, attorno alla piccola città libanese di Al Fakiha ci sono stati scontri a fuoco, rapimenti, e alcune zone si sono trovate sotto il tiro continuo di colpi di mortaio.

Sono arrivati migliaia di profughi, famiglie con tanti bambini, spesso molto piccoli, che fuggivano dalla zona di Yabrud, una cittadina siriana vicina al confine, teatro di combattimenti per molte settimane.

Essere bambini in una zona di guerra espone a pericoli continui e rende difficile tutto: anche la Scuola della Pace, aperta ormai da tre anni, ha sofferto di questa situazione. Nella prima parte dell'anno le lezioni non hanno potuto svolgersi regolarmente, perchè a volte era troppo pericoloso perfino andare a prendere i ragazzi nei campi profughi coi pulmini, oppure le strate erano bloccate.

Per recuperare il tempo perduto, le lezioni sono durate fino a tutto luglio, a estate inoltrata. Durante i mesi estivi sono continuati i disordini sia ad Al Fakiha che a Ras Baalbek. I profughi hanno abbandonato i campi - uno dei quali è stato incendiato. Chi non è riuscito a fuggire ha trovato riparo in città, dove ora le famiglie rifugiate vivono accampate in tende o ricoveri di fortuna, ma si sentono più protette.

Col nuovo anno scolastico, per fare fronte alla nuova situazione, la Scuola della Pace di Al Fakiha è stata strutturata meglio, in modo da accogliere un numero maggiore di bambini. Sono state prese in affitto altre stanze, e oggi ci sono 7 aule. Gli iscritti sono 557 e quindi le lezioni si articolano su due turni, mattina e pomeriggio.

Anche i docenti sono aumentati: tra i nuovi profughi c’erano infatti anche alcuni maestri e professori siriani, che la la direttrice ha coinvolto, portando a 11 il numero degli insegnanti. 

Questa scuola, aperta tre anni fa grazie ad una colletta che coinvolse tutte le Comunità di Sant'Egidio nel mondo, pur trovandosi in Libano segue i programmi scolastici siriani: perchè non cessi la speranza che torni la pace in Siria e i bambini possano tornare nelle loro case.


 LEGGI ANCHE
• NEWS
8 Luglio 2011

Garoua (Camerun):Alla Scuola della Pace si impara ad essere solidali con i più poveri: una visita ai bambini abbandonati nell'istituto pubblico della città

IT | EN | ES | DE | FR | CA | NL
3 Giugno 2010

Parma (Italia): Con il Paese dell'Arcobaleno, una festa per dire che è bello vivere insieme

24 Ottobre 2009

Buenos Aires (Argentina): Festa del movimento del Paese dell'Arcobaleno "I volti dell'amicizia"

IT | ES | DE | FR | NL | RU
30 Giugno 2009

Djicoroni (Mali) - La festa del Paese dell'Arcobaleno supera il muro che separa il quartiere dal "villaggio dei lebbrosi"

IT | ES | DE | FR | PT | CA | ID
13 Giugno 2009

Bari (Italia): La manifestazione del Paese dell'Arcobaleno "I colori dell'amicizia"

IT | DE | PT | NL
3 Giugno 2009

"W i COLORI": la festa del Paese dell'Arcobaleno a Parma

tutte le news
• STAMPA
28 Maggio 2017
Catalunya Cristiana

Els corredors, una gran esperança

8 Giugno 2017
La Repubblica - Ed. Genova

Il Cep in festa con la Scuola della pace

23 Aprile 2017
Radio Vaticana

Papa a San Bartolomeo. Mons. Paglia: testimoni della fede per vincere il male

4 Aprile 2017
Avvenire

Vaticano. Famiglie accolte dal Papa hanno trovato una nuova casa

23 Marzo 2017
Famiglia Cristiana

Profughi, la rotta della salvezza

28 Febbraio 2017
El Pais (Spagna)

Un grupo católico de Italia recibe más refugiados que 15 países de la UE

tutta la rassegna stampa
• DOCUMENTI

L'omelia di Mons. Marco Gnavi alla preghiera Morire di Speranza, in memoria dei profughi morti nei viaggi verso l'Europa

Appello al Parlamento ungherese sui profughi e i minori richiedenti asilo

SCHEDA: Cosa sono i corridoi umanitari

#savealeppo: salvare aleppo e proteggere i cristiani in medio oriente

Gli aiuti umanitari in Siria e Libano

tutti i documenti

FOTO

985 visite

901 visite

812 visite

847 visite
tutta i media correlati