Riccardi Andrea: sul web

Riccardi Andrea: sui social network

Riccardi Andrea: la rassegna stampa

change language
sei in: home - news contattinewsletterlink

Sostieni la Comunità

  
24 Gennaio 2015 | GENOVA, ITALIA

Il vescovo armeno di Damasco: "Non chiudiamoci, noi cristiani possiamo convivere con l'Islam"

Il vescovo Armash Nalbandian, a Genova con la Comunità di Sant'Egidio per la settimana di preghiera per l'unità dei cristiani, ha parlato dei cristiani in Siria e ha ricordato la strage degli armeni

 
versione stampabile

«La tolleranza non è abbastanza. La vendetta non è giusta. E neanche rinchiudersi in un ghetto è la soluzione. I cristiani devono prendere consapevolezza del ruolo che hanno avuto e che possono ancora avere nella convivenza con l’Islam in Medio Oriente».

A pochi mesi dal centenario del genocidio degli armeni, il vescovo armeno ortodosso di Damasco, Armash Nalbandian, ha portato in Italia la testimonianza dei cristiani siriani e ha provato a ragionare sul futuro, senza nascondere che quello che è in atto nel suo Paese «è come un nuovo genocidio». L’occasione è stata la conferenza “A 100 anni dal genocidio degli armeni una testimonianza dalla Siria in guerra”, organizzata a Genova dalla Comunità di Sant’Egidio, in occasione della Settimana di preghiera per l’unità dei cristiani, e seguita da una preghiera ecumenica nella basilica dell’Annunziata.

Il vescovo Nalbandian proviene da una delle comunità cristiane più antiche e da un paese, la Siria, con una lunga storia di convivenza interreligiosa, in cui «i cristiani non si sentono un corpo estraneo». Ha raccontato delle conseguenze del Medz Yeghern – il "Grande Male", quando vennero massacrati un milione e mezzo di armeni e 500 mila siriaci – del vuoto che si costruì attorno al suo popolo, del silenzio del mondo, delle difficoltà attuali a riconoscere l’entità del dramma.

A fine aprile, a un secolo esatto dagli episodi più cruenti dell’eccidio, la Chiesa armena canonizzerà i martiri del genocidio «santi per la pace e per la patria». Un modo per portare luce su vicende dolorose e tragicamente ignorate dalla comunità internazionale, ma anche per riflettere sulle sofferenze attuali delle donne e degli uomini in Medio Oriente: la Siria, ha raccontato il Primate di Damasco, è devastata da un conflitto lacerante – con rapimenti, stragi, fughe in massa – che in quattro anni ha distrutto 85 chiese, 1800 moschee e lasciato senza casa circa otto milioni di siriani. «Oggi più di quattro milioni di nostri concittadini vivono delle elargizioni del World Food Program – ha spiegato – in un paese che per anni è stato completamente autosufficiente: le vittime non siamo solo noi cristiani, ma tutti gli abitanti della Siria».

A Genova, il vescovo ha visitato anche la chiesa di San Bartolomeo degli Armeni, dove ha pregato di fronte alla veneratissima icona del Santo Volto e ha incontrato alcuni armeni “figli della diaspora”. «Siamo un piccolo gregge – ha spiegato congedandosi – ma io non sono spaventato dalle sfide. Abbiamo un’arma potente che è la preghiera: continuate a pregare per noi».


 LEGGI ANCHE
• NEWS
24 Marzo 2017
ROMA, ITALIA

Preghiera ecumenica per l'Europa alla vigilia del 60° anniversario dei Trattati di Roma

IT | DE | FR
20 Marzo 2017
MOSCA, RUSSIA

La carità nelle differenti tradizioni religiose: a Mosca una serata di dialogo nello Spirito di Assisi

IT | DE
16 Marzo 2017
GENOVA, ITALIA

Anziani, senza casa: ma tutto può cambiare! Succede a Genova

4 Marzo 2017
GENOVA, ITALIA

A Genova DOVE mangiare dormire e lavarsi se si è poveri? E' disponibile la nuova guida. Anche online

28 Febbraio 2017
GENOVA, ITALIA

La storia del piccolo Abdul, dai bombardamenti in Siria a una nuova vita in Italia

IT | NL
28 Febbraio 2017

L'Abuna Matthias, patriarca della Chiesa etiope, ha scritto una lettera alla Comunità all'indomani della sua visita

IT | EN | ES | DE | FR
tutte le news
• STAMPA
11 Marzo 2017
La Repubblica - Ed. Genova

Raddoppiati i bambini tra i nuovi poveri

2 Febbraio 2017
Il Secolo XIX

Gli anziani siano un'opportunità, non un problema

19 Gennaio 2017
ANSA

Coperte per senzatetto raccolte a Genova

2 Gennaio 2017
Il Secolo XIX

Marcia della pace, in 1.500 con i profughi

1 Gennaio 2017
La Repubblica - Ed. Firenze

Genova, anche i migranti alla marcia della pace di Sant'Egidio

31 Dicembre 2016
Il Secolo XIX

La pace è un cantiere aperto che attende i suoi artefici

tutta la rassegna stampa
• EVENTI
24 Marzo 2017 | ROMA, ITALIA

Preghiera ecumenica per l'Europa nel 60° anniversario dei Trattati di Roma

tutti gli Incontri di Preghiera per la Pace
• DOCUMENTI

La Comunità di Sant'Egidio e i poveri in Liguria - report 2015

La Guida Dove mangiare, dormire, lavarsi - Genova 2016: alcuni dati

Guida DOVE Mangiare, dormire, lavarsi - Genova 2016

Milano 2015: Preghiera e incontri ecumenici con i poveri

Saluto del Patriarca di Mosca e di tutte le Russie, Kirill, al prof. Andrea Riccardi in occasione dell’udienza del 31 ottobre 2014

tutti i documenti
• LIBRI

La strage dei cristiani





Edizioni Laterza

Il martirio degli armeni





La Scuola
tutti i libri

VIDEO FOTO
1:21
Sant'Egidio a Gerusalemme
1:38
Paolo VI e Athenagoras - lo storico incontro

311 visite
tutta i media correlati