Riccardi Andrea: sul web

Riccardi Andrea: sui social network

Riccardi Andrea: la rassegna stampa

change language
sei in: home - news contattinewsletterlink

Sostieni la Comunità

  
3 Marzo 2015

Conversione è fare una strada diversa dal male. Imparate a fare il bene, difendendo orfani e vedove.

Fate giustizia a loro, andate dove sono le piaghe dell’umanità, dove c’è tanto dolore

 
versione stampabile

“Cessate di fare il male, imparate a fare il bene” difendendo orfani e vedove. Vale a dire  “quelli che nessuno ricorda” tra i quali ci sono anche “gli anziani abbandonati” “i bambini che non vanno a scuola” e quelli “che non sanno fare il segno della Croce”. Dietro l’imperativo c’è in sostanza l’invito di sempre alla conversione.

“Ma come posso convertirmi? ‘Imparate a fare il bene!’. La conversione. La sporcizia del cuore non si toglie come si toglie una macchia: andiamo in tintoria e usciamo puliti… Si toglie col ‘fare’:

“Cessate di fare il male, imparate a fare il bene” difendendo orfani e vedove. Vale a dire  “quelli che nessuno ricorda” tra i quali ci sono anche “gli anziani abbandonati” “i bambini che non vanno a scuola” e quelli “che non sanno fare il segno della Croce”. Dietro l’imperativo c’è in sostanza l’invito di sempre alla conversione.

“Ma come posso convertirmi? ‘Imparate a fare il bene!’. La conversione. La sporcizia del cuore non si toglie come si toglie una macchia: andiamo in tintoria e usciamo puliti… Si toglie col ‘fare’: fare una strada diversa, un’altra strada da quella del male. ‘Imparate a fare il bene!’, cioè la strada del fare il bene. E come faccio il bene? E’ semplice! ‘Cercate la giustizia, soccorrete l’oppresso, rendete giustizia all’orfano, difendete la causa della vedova’. Ricordiamo che in Israele i più poveri e i più bisognosi erano gli orfani e le vedove: fate giustizia a loro, andate dove sono le piaghe dell’umanità, dove c’è tanto dolore… E così, facendo il bene, tu laverai il tuo cuore”.

E come faccio il bene? E’ semplice! ‘Cercate la giustizia, soccorrete l’oppresso, rendete giustizia all’orfano, difendete la causa della vedova’. Ricordiamo che in Israele i più poveri e i più bisognosi erano gli orfani e le vedove: fate giustizia a loro, andate dove sono le piaghe dell’umanità, dove c’è tanto dolore… E così, facendo il bene, tu laverai il tuo cuore”.


 LEGGI ANCHE
• NEWS
9 Dicembre 2016

Per entrare a far parte del Regno di Dio bisogna compiere un cambiamento nella nostra vita, cioè convertirci, fare un passo avanti ogni giorno

21 Novembre 2016

Sarebbe opportuno che ogni comunità, in una domenica dell’Anno liturgico, potesse rinnovare l’impegno per la diffusione, la conoscenza e l’approfondimento della Sacra Scrittura: una domenica dedicata interamente alla Parola di Dio

IT | EN | ES | DE | FR | PT
17 Novembre 2016

I poveri insegnano la solidarietà al mondo! Quando c’è molta ricchezza ci si dimentica di essere solidali

IT | ES | FR | PT
7 Novembre 2016

Dove alla violenza si risponde con il perdono, là anche il cuore di chi ha sbagliato può essere vinto dall’amore

IT | EN | ES | DE | FR | PT
29 Ottobre 2016

Ad Assisi tutti insieme abbiamo parlato della pace e abbiamo chiesto la pace. Abbiamo detto insieme parole forti per la pace,

IT | DE | FR | PT
26 Ottobre 2016

L’opera di chi si prodiga per profughi e migranti oscurata dal rumore di chi dà voce a un istintivo egoismo. Ma la chiusura non è una soluzione, anzi finisce per favorire i traffici criminali. L’unica via è la solidarietà.

tutte le news
• STAMPA
31 Ottobre 2015
La Repubblica

Papa Francesco, Romero martire due volte: "Dopo la sua morte per mano dei vescovi"

28 Luglio 2014
Il Mattino

Riccardi: svolta storica, la preghiera può unirci

4 Settembre 2013
L'Osservatore Romano

Associazioni e movimenti laicali in vista della giornata di digiuno e orazione

3 Settembre 2013
L'Eco di Bergamo

«Papa Francesco così ha spiazzato tutte le diplomazie»

22 Agosto 2013
Famiglia Cristiana

La via aperta da Francesco al dialogo tra le religioni

tutta la rassegna stampa

Per Natale, regala il Natale! Aiutaci a preparare un vero pranzo in famiglia per i nostri amici più poveri