Riccardi Andrea: sul web

Riccardi Andrea: sui social network

Riccardi Andrea: la rassegna stampa

change language
sei in: home - news contattinewsletterlink

Sostieni la Comunità

  
29 Aprile 2015 | BARI, ITALIA

1a giornata del Summit Intercristiano di Sant’Egidio: ascoltare il grido delle Chiese d’Oriente e lavorare per la pace

Le sessioni pubbliche del summit sono trasmesse in streaming come da palinsesto su santegidio.org #christians4middleast

 
versione stampabile

BARI – Un incontro fra cristiani per ascoltare il grido di dolore delle Chiese d’Oriente e trovare insieme le soluzioni possibili e opportune ai drammatici problemi del momento presente, e per lavorare insieme per la pace. Così il Presidente della Comunità di Sant’Egidio Marco Impagliazzo nella sessione di apertura dei lavori del primo summit intercristiano su “Cristiani nel Medio Oriente: quale futuro?” organizzato da Sant’Egidio e dalla diocesi di Bari. “Il tempo di Pasqua, tempo di Resurrezione – ha detto Impagliazzo – è anche il tempo più opportuno per interrogarci sul futuro e al tempo stesso per aiutare le comunità del Medio Oriente a superare l’isolamento in cui sono state lasciate. Non possiamo negarci, ha aggiunto, che le cosiddette grandi potenze non sono mai state lontane dal Medio Oriente come oggi, e così il Medio Oriente è più solo, mentre potenze minori esercitano un potere negativo. L’incontro di oggi vuol essere l’incontro di una forza buona di fronte a tante forze cattive che hanno creato situazioni di dolore: vogliamo mettere insieme forza, intelligenza e fede per trovare insieme un futuro per le comunità cristiane in Medio Oriente”.

L’inquietante interrogativo sul futuro dei cristiani in Medio Oriente è risuonato dunque già nella prima sessione di lavoro presieduta, nella sala consiliare della Città Metropolitana di Bari, dall’arcivescovo mons. Francesco Cacucci, presenti, insieme ad autorità della Curia romana e della Cei, patriarchi e rappresentanti delle Chiese ortodosse e cattoliche del Medio Oriente: Siria, Libano, Iraq, Turchia, Egitto, Cipro. “Avvertiamo molto – ha detto l’arcivescovo – le sofferenze di quelle Chiese, e ci auguriamo che anche questo incontro contribuisca a superare la congiura del silenzio circa la persecuzione dei cristiani, denunciata da papa Francesco”. Ancora più decisa la denuncia del segretario della Conferenza episcopale italiana mons. Nunzio Galantino, che non ha esitato a ripetere “consapevolmente” una frase che – ha ricordato – ha già provocato polemiche: “Diventa urgente e vitale non arrendersi e condannare con forza e insieme con convinzione quello che presenta sempre di più i tratti di un vero e proprio olocausto cristiano in Medio Oriente”. “La cronaca – ha aggiunto – aggiorna tristemente l’elenco dei morti destinati a non finire, e il pericolo maggiore è lasciarci vincere dall’impotenza”. Ha poi ricordato il suo incontro con i profughi cristiani nel Kurdistan iracheno, “vittime di persecuzioni ma ancor più preoccupati di essere dimenticati da un’opinione pubblica mondiale indifferente o tristemente rassegnata”, ed ha citato l’impegno della Chiesa italiana, che ha stanziato la somma di due milioni e 600 mila euro per la costruzione di una università ad Erbil.

“L’agonia del Medio Oriente – ha poi detto mons. Brian Farrel, segretario del Pontificio Consiglio per la promozione dell’unità dei cristiani – tocca ogni Chiesa, come tocca pure altri gruppi religiosi nella regione”, motivo per cui “oggi più che mai, un discorso astratto sarebbe un’assurdità davanti alla violenza, alla miseria, ai drammi sociali causati dai vari conflitti”. Precisato che nella “tragica situazione” in cui versano i cristiani in Medio Oriente è fondamentale evitare ogni forma di esclusivismo ecclesiale”, dato che “o i cristiani sopravvivranno insieme, o non sopravvivranno affatto”,  mons. Farrel ha indicato nel rilancio del dialogo ecumenico la strada da percorrere per “conseguire la pace”, come sollecitato dalla Dichiarazione comune tra Papa Francesco e il Patriarca ecumenico Bartolomeo dello scorso maggio, dove si incoraggiavano “tutte le parti, indipendentemente dalle loro convinzioni religiose, a continuare a lavorare per la riconciliazione e per il giusto riconoscimento dei diritti dei popoli”.

E’ proprio questo uno degli obiettivi del summit intercristiano, il primo che si svolge a questo livello e in una città che è da sempre un ponte naturale fra Europa e Levante: rinsaldare in primo luogo “la dimensione di convivenza che oggi vediamo non solo messa in pericolo, ma di cui sembra già in atto – ma speriamo in modo non inarrestabile – un vero e proprio smantellamento”, come ha detto il cardinale Leonardo Sandri, Prefetto della Congregazione vaticana per le Chiese Orientali. Ci si augura, ha detto il cardinale, che la “sofferenza dei cristiani in Medio Oriente”, il vero e proprio “martirio dei giorni nostri”, riescano a scalfire l’ “indifferenza” e l’ “inazione” a cui sembra essersi nei fatti rassegnata la comunità internazionale per le tragedie che ormai da anni si consumano in Siria e in Iraq”; ma anche altri, di natura geopolitica sono i problemi aperti che compromettono la stabilità della regione: “l’incapacità in Libano di esponenti pure cristiani di trovare il consenso sul nuovo presidente”, il prevalere di “interessi ed equilibri di potere e di ricchezza” sulla “sopravvivenza” ormai più che sul benessere delle popolazioni, l’ ”annosa questione israeliana e palestinese”, che non può essere risolta senza trascurare l’esigenza che tutti gli Stati, compreso Israele, “debbano esistere ed essere tutelati e non minacciati”.

In questa situazione così complessa, compito dei pastori cristiani di tutto il Medio Oriente, ha concluso Sandri, è predicare perdono e misericordia, poiché “se non ci si muoverà in questa direzione, non dubitiamo che le sacche di ‘potere impazzito’ quale è l’ISIS, si moltiplicheranno, anche perché sostenute con armi e risorse dai diversi schieramenti di interesse”.

Denuncia ma anche autocritica, dunque, negli interventi della prima giornata di lavori. E l’autocritica non è mancata nel contributo del prof. Tarek Mitri, greco-ortodosso, docente all’università americana di Beirut, già ministro del governo libanese e già negoziatore per conto dell’Onu per la crisi libica, che ha svolto l’ultimo degli interventi introduttivi prima dell’inizio dei colloqui fra i partecipanti al summit. “L’incertezza e la paura” ampiamente condivise nel mondo arabo, ha detto, “rivelano un senso di abbandono e di impotenza” che potrebbe determinare una percezione univoca della realtà di un mondo arabo come “un tutto indifferenziato”, trascurando il dovere di “discernere e riconoscere la resistenza di molti dei loro compatrioti musulmani alla tendenza egemonica di quello che  viene spesso chiamato ‘islam politico’ “. I cristiani devono insomma sfuggire “dall’allarmismo della paura”: i tempi della sofferenza, della paura e dell’incertezza sono anche “momenti di cambiamento”, nei quali “i cristiani non sono solo le vittime che lamentano la loro situazione, essi sono ancora chiamati ad essere protagonisti”.


 LEGGI ANCHE
• NEWS
5 Novembre 2015
TIRANA, ALBANIA

Andrea Riccardi al Global Christian Forum sulla persecuzione e il martirio dei cristiani in Albania.

IT | ES | DE | FR | RU
19 Ottobre 2015
ATENE, GRECIA

Convegno "Pluralismo religioso e coesistenza pacifica in Medio Oriente". Andrea Riccardi: si apre una via di azione comune dei cristiani

IT | ES | DE | PT | RU
20 Giugno 2015
ROMA, ITALIA

Sant'Egidio e il patriarca siro ortodosso Aphrem II ricordano Seyfo: un martirio cristiano da non dimenticare

IT | ES | CA
20 Giugno 2015
ROMA, ITALIA

Il patriarca siro ortodosso Aphrem II consegna alla Comunità di Sant'Egidio le reliquie dei martiri del Seyfo

IT | ES | DE | FR
19 Giugno 2015
ROMA, ITALIA

Convegno a Sant'Egidio "Seyfo: una storia cristiana dimenticata"

IT | EN | ID
19 Giugno 2015
ROMA, ITALIA

A Sant'Egidio si parla di "Seyfo": la storia dimenticata del massacro dei cristiani orientali. IN STREAMING alle h.16,30

tutte le news
• STAMPA
15 Luglio 2016
Sette: Magazine del Corriere della Sera

Il triste destino dei cristiani d'Oriente

3 Maggio 2016
La Stampa

L’accoglienza di un 82enne armeno di una famiglia scampata al genocidio

30 Aprile 2016
Corriere della Sera

Andrea Riccardi: Il sangue dei cristiani

24 Aprile 2016
Corriere del Mezzogiorno

Migranti,Yousefi tre mesi in tour tra le montagne

11 Marzo 2016
La Gazzetta del Mezzogiorno

«Nuova moschea a Bari per aprire al dialogo»

21 Dicembre 2015
Corriere della Sera

Medio Oriente senza cristiani, sotto i colpi dell'islamismo

tutta la rassegna stampa
• EVENTI
10 Dicembre 2015 | ROMA, ITALIA

Sotto la spada di Cesare: La risposta dei cristiani alla persecuzione

tutti gli Incontri di Preghiera per la Pace
• DOCUMENTI

Messaggio del Patriarca ecumenico Bartolomeo I, inviato al Summit Intercristiano di Bari 2015

Incontro di Preghiera per la Pace

Cristiani in Medio Oriente: quale futuro?

Sant’Egidio: Migranti, Siria, Cristiani in Medio Oriente

Christians in the Middle East: What Future?

Gli aiuti umanitari in Siria e Libano

tutti i documenti
• LIBRI

Il martirio degli armeni





La Scuola

La strage dei cristiani





Edizioni Laterza
tutti i libri

FOTO

335 visite

415 visite

347 visite

328 visite

335 visite
tutta i media correlati

Per Natale, regala il Natale! Aiutaci a preparare un vero pranzo in famiglia per i nostri amici più poveri