Riccardi Andrea: sul web

Riccardi Andrea: sui social network

Riccardi Andrea: la rassegna stampa

change language
sei in: home - news contattinewsletterlink

Sostieni la Comunità

  
18 Giugno 2015 | ROMA, ITALIA

L'omelia del card. Antonio Maria Vegliò alla preghiera "Morire di speranza"

In una basilica gremita, risuonano i canti delle comunità etiope e siriaca, mentre vengono scanditi i nomi di coloro che hanno perso la vita nei viaggi della speranza

 
versione stampabile

In una Santa Maria in Trastevere piena all'inverosimile, mentre risuonano i canti della comunità etiope e di quella siriaca, una grande croce fatta con il legno delle barche naufragate al largo di Lampedusa, attraversa la navata e viene collocata sull'altare.

Inizia così la preghiera "Morire di speranza", promossa dalla Comunità di Sant'Egidio insieme al Pontificio Consiglio per i Migranti e i Rifugiati e un folto gruppo di associazioni cattoliche e di diverse denominazioni cristiane.

Quando si leggono i nomi di coloro che hanno perso la vita - e quanti sono i bambini tra di loro- in tanti si alzano silenziosamente dai banchi per andare ad accandere una candela. Tra il popolo ci sono anche i parenti di alcune delle vittime. E' un momento di intensa commozione. 

La veglia di preghiera è presieduta dal card. Antonio Maria Vegliò, presidente del POntificio Consiglio per i Migranti e i Rifugiati, di cui pubblichiamo l'omelia.

 

Cari fratelli e sorelle,

        

         Riuniti nella Basilica di Santa Maria in Trastevere, abbiamo accolto l’invito della Comunità di Sant’Egidio assieme alle ACLI, alla Caritas Italiana, alla Migrantes, al Jesuit Refugee Service, alla Comunità Giovanni XXIII, e e alla Federazione delle Chiese Evangeliche in Italia, a ricordare con il loro nome almeno una parte di quanti hanno perso la vita durante il viaggio verso l’Europa.

         Rivolgiamo, quindi, a Dio le nostre preghiere per le anime di tante persone innocenti travolte dalle onde del mare. La loro odissea si è conclusa nel Mediterraneo, per il naufragio di imbarcazioni fatiscenti e sovraffollate. Erano uomini, donne e bambini che provenivano da Paesi in guerra dai quali fuggivano per aver salva la vita. Senza potere scegliere vie alternative, con in mano solo la speranza e la forza della disperazione.

         Ci sono giunte le testimonianze di superstiti e di persone che hanno perso amici, familiari o conoscenti che erano a bordo delle carrette del mare. Con questa veglia, desideriamo manifestare la nostra vicinanza e abbracciare nella preghiera ai parenti delle vittime e ai rifugiati qui presenti.

         Siamo tutti chiamati ad ascoltare i drammi dei racconti di coloro che sono scampati a questi terribili viaggi e le storie che si celano dietro i loro occhi. Una giovane poetessa keniana, Warsan, nata da genitori somali in fuga dalla guerra civile, scrive:

Nessuno lascia la casa a meno che la casa non sia la bocca di uno squalo /

Scappi al confine solo quando vedi tutti gli altri scappare / I tuoi vicini corrono più veloci di te / il fiato insanguinato in gola /

Devi capire che nessuno mette i figli su una barca / A meno che l’acqua non sia più sicura della terra /

Nessuno si brucia i palmi sotto i treni / Sotto le carrozze /

Nessuno passa giorni e notti nel ventre di un camion nutrendosi di carta di giornale / A meno che le miglia percorse non siano più di un semplice viaggio /

Nessuno striscia sotto i reticolati / Nessuno vuole essere picchiato / compatito / Nessuno sceglie campi di rifugiati o perquisizioni a nudo che ti lasciano il corpo dolorante / Né la prigione. […]

Nessuno ce la può fare / Nessuno può sopportarlo / Nessuna pelle può essere tanto resistente […]

Voglio tornare a casa, ma casa mia è la bocca di uno squalo /

Casa mia è la canna di un fucile / E nessuno lascerebbe la casa /

A meno che non sia la casa a spingerti verso il mare /

A meno che non sia la casa a dirti / Di affrettare il passo / Lasciarti dietro i vestiti / Strisciare nel deserto / Attraversare gli oceani.

Annega / Salvati / Fai la fame/

Chiedi l’elemosina, Dimentica l’orgoglio.

È più importante che tu sopravviva […]

 

         Questa poesia, come tante altre testimonianze di rifugiati, ci permette di capire la loro voglia di vivere e di conoscere le innumerevoli sofferenze a cui sono costrette popolazioni; ci aiuta a comprendere i motivi per cui sono forzate a fuggire dal proprio Paese, rischiando ancora la vita in viaggi pericolosi e dolorosi che possono durare settimane, mesi e addirittura anni. La maggior parte di queste persone,  una volta approdate sulle coste europee, non ha finito il suo doloroso cammino, ma si fa strada verso altri Paesi in Europa per raggiungere familiari o conoscenti.

         Cari fratelli e sorelle, non possiamo permettere che si espanda un mare di indifferenza nei confronti di sopravvissuti giunti da noi via terra, o via mare, attraverso viaggi gestiti da trafficanti. Nessuno può scegliere su quali sponde del mare nascere. Ogni persona creata a immagine di Dio sta “legalmente” al mondo con il diritto di vivere una vita dignitosa.

         Al momento, purtroppo, la risposta internazionale rimane inadeguata e la questione migratoria viene affrontata come un problema di sicurezza e non come una crisi umanitaria. Il destino di esseri umani non può essere conteggiato come si trattasse di numeri e sarebbe troppo comodo affrontarlo con un pilatesco “lavarsi le mani”. La condizione di lentezza che i Paesi Europei stanno adoperando nel mettere a punto un piano di responsabilità condivisa per la protezione di queste persone, divide le Nazioni sul rispetto dei diritti umani e lascia spazio ad una propaganda di paura usata da fazioni politiche nei confronti di migranti e rifugiati.

         Impegniamoci a non operare la divisione tra noi e questi nostri fratelli di altro credo religioso e di lingua diversa perché, insieme, siamo figli dell’unico Dio creatore. Non lasciamo dividere la nostra umanità! La divisione è un male profondo che deforma e distrugge la bellezza dell’immagine e somiglianza di Dio che è in noi. Ricordiamo che accogliere lo straniero, il rifugiato, è un’esperienza d’amore di Dio che siamo chiamati a testimoniare con un modo d’agire corrispondente alla volontà del Signore, con un amore preferenziale a difesa della dignità di questi fratelli e sorelle.

         Le parole del profeta Michea riassumono come il Signore ci chiede di agire. Egli dice: “Uomo, ti è stato insegnato ciò che è buono e ciò che richiede il Signore da te: praticare la giustizia, amare la pietà, camminare umilmente con il tuo Dio” (Michea 6, 8). Questo versetto nella sua essenzialità apre un programma di vita universale che parla a tutti i popoli. Il Signore, nella mitezza, chiede di agire. Affidiamoci al Signore e camminiamo umilmente con Lui per testimoniare il nostro incontro personale e solidale con la vita e sostenendo i diritti dei fratelli e delle sorelle migranti e rifugiati.

OGGETTI ASSOCIATI
FOTO

339 visite

324 visite

310 visite

331 visite

318 visite

295 visite

301 visite

 LEGGI ANCHE
• NEWS
19 Maggio 2015
FIUMICINO, ITALIA

Commozione a Fiumicino in preghiera per le vittime del Mediterraneo

2 Novembre 2015
RIMINI, ITALIA

Corridoi umanitari: Sant'Egidio, Chiesa Valdese e Comunità Giovanni XXIII insieme per salvare vite umane

IT | ES | DE | FR | PT | CA | RU
17 Giugno 2015
ROMA, ITALIA

Profughi, Sant'Egidio: il degrado non è di chi fugge dalle guerre, ma di chi non è capace di accogliere e integrare

IT | ES | FR
6 Luglio 2017
ROMA, ITALIA

Madri e figli rifugiati: dall'accoglienza all'inclusione. Non un'utopia ma una realtà possibile

14 Novembre 2011

A Roma, cerimonia per l'inaugurazione del nuovo anno scolastico della Scuola di lingua e cultura italiana e la consegna dei diplomi

IT | ES | DE | FR | PT | CA | NL
tutte le news
• STAMPA
17 Dicembre 2015
Radio France International

Sant'Egidio crée des corridors humanitaires avec le Maroc et le Liban

12 Luglio 2016
OSCE

Beyond Good Intentions: Creating Safe Passage to Italy

17 Dicembre 2015
Avvenire

Migranti, l'Italia lancia i canali umanitari

1 Luglio 2014
L'Osservatore Romano

Risposte da dare

29 Giugno 2014
Roma sette

In preghiera per ricordare i tanti «morti di speranza»

15 Giugno 2014
Credere La Gioia della Fede

Quando un fratello chiede rifugio

tutta la rassegna stampa
• EVENTI
19 Ottobre 2017 | GENOVA, ITALIA

Un prete nel mirino dei narcos. Incontro con Alejandro Solalinde, difensore dei diritti dei migranti in Messico

tutti gli Incontri di Preghiera per la Pace
• DOCUMENTI

L'omelia di Mons. Marco Gnavi alla preghiera Morire di Speranza, in memoria dei profughi morti nei viaggi verso l'Europa

Comunità di Sant'Egidio

Cinque proposte sull’immigrazione

Appello al Parlamento ungherese sui profughi e i minori richiedenti asilo

Omelia di S.E. Card. Antonio Maria Vegliò alla preghiera "Morire di Speranza". Lampedusa 3 ottobre 2014

Omelia di S.E. Card. Vegliò durante la preghiera "Morire di speranza"

Nomi e storie delle persone ricordate durante la preghiera "Morire di speranza". Roma 22 giugno 2014

tutti i documenti
• LIBRI

Il grande viaggio





Leonardo International
tutti i libri

FOTO

1571 visite

422 visite

1588 visite

359 visite

382 visite
tutta i media correlati