Riccardi Andrea: sul web

Riccardi Andrea: sui social network

Riccardi Andrea: la rassegna stampa

change language
sei in: home - news contattinewsletterlink

Sostieni la Comunità

  
24 Luglio 2015 | VENEZIA, ITALIA

Comunicato Stampa

Immigrazione, Sant'Egidio: solidarietà e apertura al mondo sono il vero volto del Veneto

A Mestre (Italia) la Comunità con Cisl e Caritas: “Accoglienza doverosa e possibile”

 
versione stampabile

MESTRE (Italia) – Di fronte a episodi di aperta ostilità nei confronti dei profughi o ai recenti, gravi, scontri registrati a Quinto di Treviso, originati da chi crede, a torto, di essere davanti ad un’”invasione” di stranieri, è necessario fermarsi a riflettere e far emergere il “vero volto” del Veneto, cioè la solidarietà. E’ ciò che è emerso oggi in una conferenza promossa dalla Comunità a Mestre, in collaborazione con la CISL Veneto.

L’opinione pubblica appare disorientata: le cifre, se assolutizzate, ingannano. Dei 170 mila sbarcati nel 2014, già più di centomila non sono più in Italia. In Veneto ne sono rimasti 2.000, in una provincia come Treviso appena 230. Non si tratta di un’emergenza ma di un fenomeno complesso che deve essere governato con lungimiranza.

Oggi sembra esservi un corto-circuito della solidarietà, legato alla crisi, alla paura di perdere le proprie ricchezze, che fa vedere gli altri come nemici, soprattutto chi appare diverso, i poveri, gli stranieri. Eppure – ha sottolineato Alessandra Coin della Comunità di Sant’Egidio – “l’accoglienza è molto più larga della protesta anche se fa meno rumore: le nostre iniziative a favore dei profughi hanno coinvolto non solo altre associazioni ma anche un rilevante numero di uomini e donne che spontaneamente hanno offerto il loro aiuto”. Guardando alla storia dei veneti, c’è una grande tradizione da ereditare, che guida a comprendere le sfide di oggi: la regione ha nel suo DNA i geni della solidarietà e dell’accoglienza. Lo ha ribadito anche don Marino Callegari, coordinatore delle Caritas diocesane del Veneto, raccontando le tante manifestazioni di aiuto ai profughi, pure in un clima difficile, nelle parrocchie, nei quartieri, in ogni parte del Veneto. La paura si dissolve se ci si incontra e ci si conosce: serve allora uno sforzo maggiore a coinvolgere i cittadini, a renderli partecipi delle attività di accoglienza.

Per il sociologo Stefano Allievi, il problema dell’accoglienza non è né economico né sociale, ma culturale. Il Veneto ha di fronte a sé la sfida di diffondere tra la gente una cultura aperta al mondo mentre le istituzioni sono chiamate a scegliere finalmente di collaborare per gestire il problema e non esorcizzarlo. Il vero tema è accogliere e “accogliere bene”. Perché è possibile. E perché l’integrazione paga sempre, anche a livello economico. La presenza degli stranieri è infatti un dato strutturale del nostro Paese, come ha osservato la segretaria generale della CISL Veneto Franca Porto: occorre informare di più e avere una prospettiva più larga e di più lungo periodo sul tema dell’immigrazione, in modo da costruire una società del convivere.

La giornata si è conclusa con le testimonianze di buone pratiche di accoglienza, dall’esperienza del Comune di Rubano nel padovano all’amicizia tra giovani di Sant'Egidio e profughi, raccontata dalla viva voce alcuni ragazzi del Mali e del Gambia.


 LEGGI ANCHE
• NEWS
22 Maggio 2017
MILANO, ITALIA

Milano risponde al razzismo con un #20maggiosenzamuri: il realismo dell’accoglienza

17 Maggio 2017
ANVERSA, BELGIO

Prove di convivenza e integrazione nelle periferie multietniche del Belgio

IT | FR
27 Aprile 2017
ROMA, ITALIA

I corridoi umanitari, volto umano dell'Italia che salva. Tanti i bambini arrivati oggi dalla Siria

IT | DE | FR | PT | RU
22 Aprile 2017
ROMA, ITALIA

Il Papa con profughi: un sopravvissuto di Lampedusa gli dona una cartolina con i volti delle vittime dei naufragi

IT | ES | FR | PT | NL
22 Aprile 2017
ROMA, ITALIA

La preghiera di Papa Francesco per i martiri del nostro tempo. Le immagini della visita

IT | EN | ES | DE | FR | PT | HU
4 Aprile 2017
UNGHERIA

Al confine... e oltre. Un racconto dai campi profughi tra Serbia e Ungheria.

IT | ES | DE | NL | HU
tutte le news
• STAMPA
20 Maggio 2017
Avvenire

Marcia pro migranti. A Milano in centomila per abbattere i muri e costruire ponti

18 Maggio 2017
La Repubblica - Ed. Milano

"Dobbiamo ribadire il modello Milano sull'accoglienza"

4 Maggio 2017
AlfayOmega

Un año salvando vidas: el éxito de los corredores humanitarios. Todo a punto en España

23 Aprile 2017
Corriere della Sera

Papa Francesco: «Campi profughi come quelli di concentramento»

23 Aprile 2017
Radio Vaticana

Papa a San Bartolomeo. Mons. Paglia: testimoni della fede per vincere il male

22 Aprile 2017
Domradio.de

"Was braucht die Kirche heute?"

tutta la rassegna stampa
• EVENTI
25 Maggio 2017 | ROMA, ITALIA

Presentazione del libro "Rifugi e dintorni" di Filippo Grandi

20 Maggio 2017 | ANVERSA, BELGIO

Refugees Welcome: festa con i rifugiati e richiedenti asilo

17 Maggio 2017 | ROMA, ITALIA

I profughi e noi. Incontro con Alejandro Solalinde, difensore dei diritti dei migranti in Messico

14 Maggio 2017 | MILANO, ITALIA

''Le rotte dell'accoglienza'', un incontro per parlare di migrazioni e dei corridoi umanitari

tutti gli Incontri di Preghiera per la Pace
• DOCUMENTI

Appello al Parlamento ungherese sui profughi e i minori richiedenti asilo

SCHEDA: Cosa sono i corridoi umanitari

Omelia di S.E. Card. Antonio Maria Vegliò alla preghiera "Morire di Speranza". Lampedusa 3 ottobre 2014

Omelia di S.E. Card. Vegliò durante la preghiera "Morire di speranza"

Nomi e storie delle persone ricordate durante la preghiera "Morire di speranza". Roma 22 giugno 2014

tutti i documenti
• LIBRI

Le città vogliono vivere





Giuliano Ladolfi Editore
tutti i libri

FOTO

1563 visite

461 visite

1743 visite

412 visite

353 visite
tutta i media correlati