Riccardi Andrea: sul web

Riccardi Andrea: sui social network

Riccardi Andrea: la rassegna stampa

change language
sei in: home - news contattinewsletterlink

Sostieni la Comunità

  
11 Agosto 2015 | BUDAPEST, UNGHERIA

'Welcome in Ungheria'. Giovani migranti e una società civile che sa accogliere

Il numero degli arrivi tramite la frontiera meridionale del Paese ha raggiunto i 70 mila dall’inizio di quest’anno

 
versione stampabile

Nelle ultime settimane si è moltiplicato drammaticamente il numero di richiedenti asilo in Ungheria. Il numero degli arrivi tramite la frontiera meridionale del Paese ha raggiunto i 70 mila dall’inizio di quest’anno. I profughi, tante famiglie con bambini, provengono da paesi martoriati da guerre e miseria, in particolare da Afganistan e Pakistan, ma anche paesi africani come il Congo o il Senegal.

Sui giornali e in televisione c’è chi grida all'invasione. La risposta delle autorità fino ad ora è stato innalzare un filo spinato sul confine serbo-ungherese e con l'inasprimento delle leggi sull'immigrazione e i richiedenti asilo. Ma c'è una parte della società civile che sta reagendo in modo completamente diverso, con gesti di solidarietà e umanità a volte inaspettati. Anche la Comunità di Sant'Egidio ha cominciato a rispondere, fermandosi ogni settimana alla stazione ferroviaria di Nyugati, a Budapest, dove i profughi arrivano per poi transitare verso i centri di accoglienza dove saranno temporaneamente accolti.

Con l'aiuto di tante persone di buona volontà, ai giovani profughi non mancano bibite, frutta, dolci ma soprtattutto parole, sorrisi e gesti di amicizia. Molti di loro non parlano nemmeno inglese eppure la parola 'welcome' provoca sorrisi e fa capire loro che esiste un’Europa, un’Ungheria in cui loro non sono solo un problema da risolvere o da allontanare ma persone in difficoltà, donne, uomini, bambini. Ospiti da accogliere.
 


 LEGGI ANCHE
• NEWS
6 Luglio 2017
ROMA, ITALIA

Madri e figli rifugiati: dall'accoglienza all'inclusione. Non un'utopia ma una realtà possibile

28 Luglio 2016
RÖSZKE, UNGHERIA

Gli aiuti di Sant'Egidio alle famiglie di profughi al confine tra Serbia e Ungheria, che cercano la pace in Europa

IT | ES | FR | PT
2 Novembre 2015
RIMINI, ITALIA

Corridoi umanitari: Sant'Egidio, Chiesa Valdese e Comunità Giovanni XXIII insieme per salvare vite umane

IT | ES | DE | FR | PT | CA | RU
3 Settembre 2015
BUDAPEST, UNGHERIA

Solo la pace può fermare i profughi: Sant'Egidio in Ungheria chiede leggi che rispettino i diritti umani

IT | EN | ES | DE | FR | PT
6 Dicembre 2016
GINEVRA, SVIZZERA

Sant’Egidio diventa Osservatore permanente al Consiglio dell'Organizzazione Internazionale per le Migrazioni

IT | ES | DE | FR | PT
tutte le news
• STAMPA
4 Aprile 2016
La Vanguardia

Organizaciones italianas dicen que es "día triste" por expulsión refugiados

24 Giugno 2017
Magyar Kurir

„Akik a remény útján haltak meg” – Ökumenikus imaórát tartottak Budapesten a menekültekért

12 Luglio 2016
OSCE

Beyond Good Intentions: Creating Safe Passage to Italy

19 Ottobre 2017
La Croix

Migrants: « le pape François appelle les politiques à sortir du cynisme ». Entretien avec Marco Impagliazzo

17 Settembre 2017
La Vanguardia

Corredores de paz

9 Agosto 2017
La Stampa

''Anche le Ong che non firmano sono legittimate a salvare vite''

tutta la rassegna stampa
• DOCUMENTI

L'omelia di Mons. Marco Gnavi alla preghiera Morire di Speranza, in memoria dei profughi morti nei viaggi verso l'Europa

Comunità di Sant'Egidio

Cinque proposte sull’immigrazione

Appello al Parlamento ungherese sui profughi e i minori richiedenti asilo

SCHEDA: Cosa sono i corridoi umanitari

Omelia di S.E. Card. Antonio Maria Vegliò alla preghiera "Morire di Speranza". Lampedusa 3 ottobre 2014

tutti i documenti
• LIBRI

Il grande viaggio





Leonardo International
tutti i libri

FOTO

424 visite

438 visite

425 visite

1768 visite

490 visite
tutta i media correlati