Riccardi Andrea: sul web

Riccardi Andrea: sui social network

Riccardi Andrea: la rassegna stampa

change language
sei in: home - news contattinewsletterlink

Sostieni la Comunità

  
11 Agosto 2015 | BUDAPEST, UNGHERIA

'Welcome in Ungheria'. Giovani migranti e una società civile che sa accogliere

Il numero degli arrivi tramite la frontiera meridionale del Paese ha raggiunto i 70 mila dall’inizio di quest’anno

 
versione stampabile

Nelle ultime settimane si è moltiplicato drammaticamente il numero di richiedenti asilo in Ungheria. Il numero degli arrivi tramite la frontiera meridionale del Paese ha raggiunto i 70 mila dall’inizio di quest’anno. I profughi, tante famiglie con bambini, provengono da paesi martoriati da guerre e miseria, in particolare da Afganistan e Pakistan, ma anche paesi africani come il Congo o il Senegal.

Sui giornali e in televisione c’è chi grida all'invasione. La risposta delle autorità fino ad ora è stato innalzare un filo spinato sul confine serbo-ungherese e con l'inasprimento delle leggi sull'immigrazione e i richiedenti asilo. Ma c'è una parte della società civile che sta reagendo in modo completamente diverso, con gesti di solidarietà e umanità a volte inaspettati. Anche la Comunità di Sant'Egidio ha cominciato a rispondere, fermandosi ogni settimana alla stazione ferroviaria di Nyugati, a Budapest, dove i profughi arrivano per poi transitare verso i centri di accoglienza dove saranno temporaneamente accolti.

Con l'aiuto di tante persone di buona volontà, ai giovani profughi non mancano bibite, frutta, dolci ma soprtattutto parole, sorrisi e gesti di amicizia. Molti di loro non parlano nemmeno inglese eppure la parola 'welcome' provoca sorrisi e fa capire loro che esiste un’Europa, un’Ungheria in cui loro non sono solo un problema da risolvere o da allontanare ma persone in difficoltà, donne, uomini, bambini. Ospiti da accogliere.
 


 LEGGI ANCHE
• NEWS
2 Dicembre 2016
ROMA, ITALIA

Ecco i volti e le voci dei profughi siriani fuggiti dalla guerra, oggi in Italia con i #corridoiumanitari

IT | ES | DE | FR | PT
1 Dicembre 2016

Altri 100 in salvo con i #corridoiumanitari. Il progetto compie un anno e arriva a quota 500

IT | DE | FR | PT
30 Novembre 2016
KOSTELEC, REPUBBLICA CECA

Ecco i giovani di Praga che rifiutano la propaganda xenofoba: ''vogliamo essere amici dei rifugiati''

IT | DE | FR
30 Novembre 2016
CATANIA, ITALIA

Al CARA di Mineo si celebra l'inizio dell'Avvento con i richiedenti asilo

23 Novembre 2016
BARCELLONA, SPAGNA

L'integrazione dei profughi è un segno del Giubileo: la storia di Diana, giovane rifugiata da Aleppo a Barcellona

IT | ES | CA | HU
3 Novembre 2016
BUDAPEST, UNGHERIA

Spirito di Assisi in Ungheria: cristiani, ebrei e musulmani si incontrano a tavola con i poveri di Budapest

IT | ES | DE | FR | RU
tutte le news
• STAMPA
1 Dicembre 2016
OnuItalia

Corridoi umanitari: 40 profughi a Fiumicino; Sant’Egidio, modello per Europa

22 Novembre 2016
Osnabrücker Kirchenbote

Eine Kerze für jeden toten Flüchtling

22 Novembre 2016
Corriere della Sera

La casa di pace che accoglie tutti: l'utopia (possibile) di Sant'Egidio

20 Novembre 2016
Catalunya Cristiana

«Ser refugiada és començar de zero»

16 Novembre 2016
Münstersche Zeitung

"Grazie mille, Papa Francesco"

3 Novembre 2016
Famiglia Cristiana

Ma sugli immigrati la UE deve fare di più

tutta la rassegna stampa
• EVENTI
14 Novembre 2016 | MESSINA, ITALIA

L'accoglienza oltre l'emergenza: i corridoi umanitari

tutti gli Incontri di Preghiera per la Pace
• DOCUMENTI

SCHEDA: Cosa sono i corridoi umanitari

Omelia di S.E. Card. Antonio Maria Vegliò alla preghiera "Morire di Speranza". Lampedusa 3 ottobre 2014

Omelia di S.E. Card. Vegliò durante la preghiera "Morire di speranza"

Nomi e storie delle persone ricordate durante la preghiera "Morire di speranza". Roma 22 giugno 2014

Le vittime dei viaggi della speranza - grafici

tutti i documenti
• LIBRI

Il grande viaggio





Leonardo International
tutti i libri

FOTO

351 visite

372 visite

353 visite

440 visite

417 visite
tutta i media correlati

Per Natale, regala il Natale! Aiutaci a preparare un vero pranzo in famiglia per i nostri amici più poveri