Riccardi Andrea: sul web

Riccardi Andrea: sui social network

Riccardi Andrea: la rassegna stampa

change language
sei in: home - news contattinewsletterlink

Sostieni la Comunità

  
3 Settembre 2015 | BUDAPEST, UNGHERIA

Solo la pace può fermare i profughi: Sant'Egidio in Ungheria chiede leggi che rispettino i diritti umani

Nell'ambito del suo impegno per una cultura dell'accoglienza, la Comunità fa appello al Parlamento per una legislazione equa e umana. L'apprezzamento dell'arcivescovo di Budapest, il card. Peter Erdő

 
versione stampabile

Dai primi momenti della crisi umanitaria dei profughi provenienti dalla Siria e dalle altre zone di guerra in Medio Oriente, la Comunità di Sant'Egidio in Ungheria è impegnata nell'accoglienza dei richiedenti asilo e nello sforzo di comunicare una cultura di umanità e rispetto verso coloro che fuggono da situazioni drammatiche, anche a rischio della propria vita.

Qualche giorno fa, in occasione della festa nazionale di Santo Stefano, nel corso di una liturgia a cui hanno partecipato le massime autorità dello Stato, l'arcivescovo di Budapest, card. Péter Erdő, ha pubblicamente espresso il suo apprezzamento e invitato "al rispetto per l'impegno della Comunità di Sant’Egidio e di altri organismi e comunità cattolici i quali con amore e umanità soccorrono i più bisognosi.”

Ieri la Comunità ha divulgato un appello al Parlamento, in cui chiede di frenare l'emanazione di alcune proposte di legge volte a contrastare e a criminalizzare l'arrivo dei profughi.

 

Budapest, 2 settembre 2015

La Comunità di Sant’Egidio guarda con preoccupazione e compassione la vicenda dei richiedenti asilo che in Ungheria, e in via di transito, in altri Paesi dell’Europa cercano protezione, fuggendo dai propri Paesi lacerati da guerre e violenza. Simili tribolazioni possono ricordarle solo quei nostri compatrioti che hanno vissuto la seconda guerra mondiale, le conseguenti deportazioni, oppure coloro che hanno dovuto lasciare la loro patria nel 1956.

Certe misure prese dalle autorità aggravano la situazione di gente con grandi sofferenze alle spalle senza nemmeno contribuire alla soluzione del problema e alla salvaguardia dell’ordine pubblico – semmai, hanno degli effetti contrari. Consideriamo il filo spinato eretto al confine serbo-ungherese una di tali misure.

Abbiamo un simile parere su vari elementi del pacchetto legislativo messo in questi giorni sull’ordine del giorno del Parlamento. In particolare, la criminalizzazione del "passaggio non autorizzato” e del "danneggiamento della barriera frontaliera” sono motivi di grave preoccupazione. Le sanzioni penali conseguenti colpirebbero persone che atrraversano la frontiera non con intenzioni criminali ma perché disperati e in fuga. Un processo penale può disintegrare famiglie che neppure la guerra ha potuto disintegrare. Quanto alle eventuali espulsioni, tali sanzioni saranno comunque impossibili: il diritto internazionale e la Legge fondamentale (Costituzione) del nostro Paese vietano la deportazione in zone di guerra.

Allo stesso modo è preoccupante la regola progettata che in certi casi autorizzerebbe la polizia ad entrare in abitazioni private senza una precedente decisione del tribunale o della procura, qualora vi venga sospettata la presenza di un immigrato clandestino. Tale provvedimento colpirebbe quei nostri compatrioti che per motivi umanitari accolgono temporaneamente per esempio famiglie con bambini.

La prospettiva di una sanzione penale non fermerà coloro che, per paura per la propria vita e per quella dei propri cari si erano messi in fuga dalla morte certa, attraversando parecchi confini, soppravvivendo a numerosi pericoli. L’asserzione secondo cui i profughi aumenteranno  se bene accolti ma invece diminuiranno se trattati con rigore, viene contraddetta dall’esperienza: non i fattori di attrazione, ma piuttosto la gravità dei motivi che spingono alla fuga influenzano il numero degli arrivi. Il rigore penale o altre misure di severità non sono adatti per risolvere la crisi dei profughi. Solo la pace nei Paesi d’origine potrà fermare l’esodo dei rifugiati.



OGGETTI ASSOCIATI

 LEGGI ANCHE
• NEWS
17 Giugno 2015
ROMA, ITALIA

Profughi, Sant'Egidio: il degrado non è di chi fugge dalle guerre, ma di chi non è capace di accogliere e integrare

IT | ES | FR
19 Maggio 2015
FIUMICINO, ITALIA

Commozione a Fiumicino in preghiera per le vittime del Mediterraneo

2 Novembre 2015
RIMINI, ITALIA

Corridoi umanitari: Sant'Egidio, Chiesa Valdese e Comunità Giovanni XXIII insieme per salvare vite umane

IT | ES | DE | FR | PT | CA | RU
6 Luglio 2017
ROMA, ITALIA

Madri e figli rifugiati: dall'accoglienza all'inclusione. Non un'utopia ma una realtà possibile

6 Dicembre 2016
GINEVRA, SVIZZERA

Sant’Egidio diventa Osservatore permanente al Consiglio dell'Organizzazione Internazionale per le Migrazioni

IT | ES | DE | FR | PT
tutte le news
• STAMPA
17 Dicembre 2015
Radio France International

Sant'Egidio crée des corridors humanitaires avec le Maroc et le Liban

24 Giugno 2017
Magyar Kurir

„Akik a remény útján haltak meg” – Ökumenikus imaórát tartottak Budapesten a menekültekért

12 Luglio 2016
OSCE

Beyond Good Intentions: Creating Safe Passage to Italy

4 Febbraio 2016
Diario Vasco

Una familia siria, primera que llega a Italia por programa humanitario

17 Dicembre 2015
Avvenire

Migranti, l'Italia lancia i canali umanitari

17 Settembre 2017
La Vanguardia

Corredores de paz

tutta la rassegna stampa
• DOCUMENTI

L'omelia di Mons. Marco Gnavi alla preghiera Morire di Speranza, in memoria dei profughi morti nei viaggi verso l'Europa

Comunità di Sant'Egidio

Cinque proposte sull’immigrazione

Appello al Parlamento ungherese sui profughi e i minori richiedenti asilo

SCHEDA: Cosa sono i corridoi umanitari

Omelia di S.E. Card. Antonio Maria Vegliò alla preghiera "Morire di Speranza". Lampedusa 3 ottobre 2014

tutti i documenti
• LIBRI

Il grande viaggio





Leonardo International
tutti i libri

FOTO

434 visite

1584 visite

420 visite

1516 visite

481 visite
tutta i media correlati