Riccardi Andrea: sul web

Riccardi Andrea: sui social network

Riccardi Andrea: la rassegna stampa

change language
sei in: home - news contattinewsletterlink

Sostieni la Comunità

  
18 Settembre 2015 | MILANO, ITALIA

La rivincita della storia: ad oggi più di 3000 profughi accolti da Sant'Egidio nel Memoriale della Shoah di Milano

Un luogo di dolore è diventato luogo di rifugio, ristoro, accoglienza per i rifugiati che arrivano soprattutto da Siria e Eritrea

 
versione stampabile

Sono 3mila i profughi accolti in due mesi e mezzo dalla Comunità di Sant’Egidio di Milano, soprattutto famiglie siriane in fuga dalla guerra e giovanissimi eritrei che scappano dall’arruolamento a vita nell’esercito. Fanno parte degli oltre 80mila profughi ospitati nei dormitori cittadini negli ultimi due anni: sbarcati al Sud, transitano a Milano e dopo pochi giorni ripartono verso il Nord Europa.

Il luogo in cui la Comunità ha allestito l’accoglienza serale e notturna rappresenta una rivincita della storia. Sono i sotterranei del binario 21 della Stazione Centrale, ora trasformati nel Memoriale della Shoah, da cui partivano i treni merci carichi di centinaia di ebrei destinati alle camere a gas. Si salvarono in pochissimi, tra cui Liliana Segre, con cui è stata condivisa l’idea di accogliere i profughi. Nel 1943 la sua famiglia aveva pagato un trafficante per passare la frontiera con la Svizzera, ma trovò un poliziotto elvetico che sentenziò: «Non potete entrare…la barca è piena». «Mi buttai ai suoi piedi – ricorda l’allora tredicenne – supplicandolo tra i singhiozzi di non rimandarci in Italia». Non ci fu nulla da fare, furono portati al carcere di San Vittore e poi ad Auschwitz.

La solidarietà gratuita è contagiosa: chi porta il latte e i biscotti per la colazione, chi offre le ricariche telefoniche per chiamare i paesi d’origine, chi il bagnoschiuma per la doccia.

Il servizio ai profughi diventa anche dialogo interreligioso vissuto nella città. Al Memoriale della Shoah, le cene sono, infatti, offerte da un’armoniosa alternanza tra parrocchie cattoliche, ebrei Lubavitch della cucina solidale Betavon e dai buddisti del tempio di via dell’Assunta. Volontari anglicani, ebrei e musulmani si alternano la sera e la mattina coordinati dalla Comunità.

Nelle notti al Memoriale si ascoltano le storie della Terza guerra mondiale a pezzetti di cui parla Papa Francesco. Un’ottantenne siriana di Homs con la casa distrutta dalle bombe, una famiglia irachena in fuga da Erbil, un giovane afghano scappato perché ricercato dai talebani e un sedicenne solo partito due anni fa dall’Eritrea e con la gamba ferita da un proiettile in Libia.

Anche Khaled ha 16 anni e viaggia senza genitori: il padre è già in Svezia, mentre la mamma attende di partire in Egitto. È siriano di Aleppo: «Nella mia città l’acqua è avvelenata e la gente soffre la sete». Si commuove raccontando che non sa se i suoi compagni di classe siano ancora vivi. Poi mangia un gelato insieme ai nuovi amici di Sant’Egidio e dice: «Ha il gusto dell’amicizia. Grazie a tutti».

OGGETTI ASSOCIATI

 LEGGI ANCHE
• NEWS
26 Gennaio 2016
MILANO, ITALIA

Giovani artisti narrano il Binario 21 da simbolo della deportazione a luogo di accoglienza

17 Luglio 2017
MILANO, ITALIA

Il Memoriale della Shoah di Milano riapre le porte per l'accoglienza ai profughi

IT | ES
22 Maggio 2017
MILANO, ITALIA

Milano risponde al razzismo con un #20maggiosenzamuri: il realismo dell’accoglienza

IT | ES | CA
17 Giugno 2015
ROMA, ITALIA

Profughi, Sant'Egidio: il degrado non è di chi fugge dalle guerre, ma di chi non è capace di accogliere e integrare

IT | ES | FR
16 Settembre 2015
BUDAPEST, UNGHERIA

Sant'Egidio in Ungheria risponde all'appello del papa e accoglie i profughi in transito per Budapest

IT | EN | ES | DE | FR | HU
tutte le news
• STAMPA
17 Agosto 2017
Sette: Magazine del Corriere della Sera

Sotto la stazione, contro l'indifferenza

12 Luglio 2016
Il Giorno

Milano. Quaranta profughi ospitati al Memoriale della Shoah

16 Novembre 2017
La Vanguardia

Un alma global

19 Aprile 2016
Radio Vaticana

La gioia delle famiglie siriane portate dal Papa a Roma da Lesbo

18 Aprile 2016
La Repubblica

Le lasagne, l'acqua calda e una passeggiata: il primo giorno a Roma di Nour e della sua famiglia

18 Aprile 2016
Avvenire

I profughi di Lesbo si sentono già a casa

tutta la rassegna stampa
• EVENTI
22 Ottobre 2017 | MILANO, ITALIA

Da stranieri a cittadini: dialogo sulla riforma della cittadinanza

tutti gli Incontri di Preghiera per la Pace
• DOCUMENTI

L'omelia di Mons. Marco Gnavi alla preghiera Morire di Speranza, in memoria dei profughi morti nei viaggi verso l'Europa

Appello al Parlamento ungherese sui profughi e i minori richiedenti asilo

SCHEDA: Cosa sono i corridoi umanitari

Dove Napoli 2015

Comunità di Sant'Egidio: Brochure Viva gli Anziani

tutti i documenti
• LIBRI

Milano, 30 gennaio 1944





Guerini e Associati

Il martirio degli armeni





La Scuola
tutti i libri

FOTO

986 visite

971 visite

997 visite

1042 visite
tutta i media correlati