Riccardi Andrea: sul web

Riccardi Andrea: sui social network

Riccardi Andrea: la rassegna stampa

change language
sei in: home - news contattinewsletterlink

Sostieni la Comunità

  
28 Settembre 2015 | TRIESTE, ITALIA

Accogliere i rifugiati si può: a Trieste storie di una solidarietà che diventa contagiosa #welcomerefugees

L'impegno quotidiano di Sant'Egidio con i profughi e i rifugiati della città e la generosità di tanti che scelgono per l'accoglienza

 
versione stampabile

Le immagini dei profughi che attraversano il Mediterraneo sui gommoni o intraprendono il cammino attrevrso i Balcani hanno negli ultimi mesi toccato il cuore dell'opinione pubblica europea. Accanto alle tragedie, sono tante le storie di accoglienza e solidarietà che si sono succedute a partire da questa estate. A Trieste la Comunità di Sant'Egidio è in prima linea nell'incontrare e aiutare i rifugiati, il cui numero in questi ultimi anni è aumentato, comunicando alla città il valore e il senso dell’accoglienza verso chi fugge in cerca di pace.

Sono nate storie d'amicizia con i richiedenti asilo che stanno per strada, nei pressi della stazione centrale o nei locali abbandonati del silos, dove da tempo vivono circa cento giovani, provenienti soprattutto dall'Afghanistan e dal Pakistan. Li abbiamo incontrati, avevano bisogno soprattutto di scarpe e torce elettriche. Per ognuno di loro abbiamo preparato di volta in volta un sacchetto col nome, il numero di scarpe e le cose necessarie, così da rendere la distribuzione più personale. Grazie all’aiuto generoso di tanti è stato possibile raccogliere tutto il necessario: vestiti, coperte, scarpe, generi per l'igiene personale, luci.

Di fronte all'emergenza dei profughi in cerca di aiuto, è possibile trovare insieme una risposta, che faccia di Trieste una città solidale e accogliente. Importante è anche la collaborazione con molti amici pakistani che studiano alla scuola di lingua e cultura italiana di Sant'Egidio, che hanno sostenuto il lavoro della Comunità per l' accoglienza dei profughi. Uno di loro, Sony, un ragazzo pachistano perseguitato per motivi religiosi che ha perso tutta la sua famiglia e per questo ha deciso di lasciare il suo paese, al termine dei festeggiamenti ci ha detto: "Sono molto contento, gli amici della scuola di italiano mi hanno aiutato tantissimo, oggi qui mi sento in famiglia". La solidarietà è "contagiosa": lui stesso ha poi deciso di ospitare la festa per il compleanno di un bambino rom e della sua famiglia che vivono per strada.


 LEGGI ANCHE
• NEWS
17 Giugno 2015
ROMA, ITALIA

Profughi, Sant'Egidio: il degrado non è di chi fugge dalle guerre, ma di chi non è capace di accogliere e integrare

IT | ES | FR
2 Novembre 2015
RIMINI, ITALIA

Corridoi umanitari: Sant'Egidio, Chiesa Valdese e Comunità Giovanni XXIII insieme per salvare vite umane

IT | ES | DE | FR | PT | CA | RU
6 Luglio 2017
ROMA, ITALIA

Madri e figli rifugiati: dall'accoglienza all'inclusione. Non un'utopia ma una realtà possibile

28 Gennaio 2017

Profughi, corridoi umanitari: lunedì mattina altri 40 arrivi a Fiumicino

IT | DE | FR
28 Ottobre 2016
TRIESTE, ITALIA

Cultura e integrazione a Trieste: la consegna della Costituzione e dei diplomi di italiano della scuola di Sant'Egidio

tutte le news
• STAMPA
14 Settembre 2017
Il Piccolo

Dall'affitto solidale nascono borse di studio

12 Luglio 2016
OSCE

Beyond Good Intentions: Creating Safe Passage to Italy

2 Novembre 2017
Adista Segni Nuovi

Rifugiati: sarà vera svolta?

21 Agosto 2017
Radio Vaticana

Sant'Egidio: preoccupazione per sgomberi di rifugiati a Roma

20 Agosto 2017
OnuItalia

Sgombero rifugiati a Roma: preoccupazione UNHCR e Sant’Egidio

11 Marzo 2017
Vatican Insider

La rifugiata siriana che lavora da biologa nell’ospedale del Papa

tutta la rassegna stampa
• DOCUMENTI

L'omelia di Mons. Marco Gnavi alla preghiera Morire di Speranza, in memoria dei profughi morti nei viaggi verso l'Europa

Appello al Parlamento ungherese sui profughi e i minori richiedenti asilo

SCHEDA: Cosa sono i corridoi umanitari

Omelia di S.E. Card. Antonio Maria Vegliò alla preghiera "Morire di Speranza". Lampedusa 3 ottobre 2014

Omelia di S.E. Card. Vegliò durante la preghiera "Morire di speranza"

tutti i documenti