Riccardi Andrea: sul web

Riccardi Andrea: sui social network

Riccardi Andrea: la rassegna stampa

change language
sei in: home - news contattinewsletterlink

Sostieni la Comunità

  
9 Ottobre 2015 | ROMA, ITALIA

Rifugiati: Il primo nucleo di profughi, ospiti della Comunità, partito oggi da Ciampino per la Svezia

La "ricollocazione" è un segnale positivo per l'accoglienza e l'integrazione

 
versione stampabile

Una delegazione della Comunità di Sant’Egidio ha accompagnato stamattina il gruppo di profughi eritrei, partiti da Trastevere dove erano ospiti della Comunità, all’aeroporto di Ciampino. Felici, ed emozionati hanno ringraziato e compiuto l’ultima parte del viaggio in sicurezza.

La Comunità di Sant’Egidio ritiene che si tratti di un primo passo importante per la soluzione del dramma dei rifugiati, accanto all’impegno ad affrontare le cause che provocano la fuga di tanti, lavorando per la pace incentivando la cooperazione internazionale e aprendo canali umanitari e sponsorizzazioni per evitare le morti e i terribili disagi durante i viaggi verso l’Europa.

La Comunità di Sant’Egidio esprime apprezzamento per l’inizio della “ricollocazione” dei profughi arrivati in Italia all’interno degli altri paesi della Comunità Europea.

Il primo nucleo di profughi è partito oggi da Ciampino per raggiungere la Svezia.

La “ricollocazione” è una delle risposte più serie all’esodo umano che in questi ultimi anni ha coinvolto vari paesi, soprattutto della sponda sud dell’Europa.

Il dramma dei rifugiati non ha soluzione nello sforzo di un solo paese ma rappresenta un problema comune a tutta l’Europa da affrontare con una politica comune.

La ricollocazione dei profughi è la dimostrazione che è possibile trovare soluzioni condivise che rendano possibile l’accoglienza e l’integrazione.

 

 

 LEGGI ANCHE
• NEWS
2 Dicembre 2016
ROMA, ITALIA

Ecco i volti e le voci dei profughi siriani fuggiti dalla guerra, oggi in Italia con i #corridoiumanitari

IT | ES | DE | FR | PT
1 Dicembre 2016

Altri 100 in salvo con i #corridoiumanitari. Il progetto compie un anno e arriva a quota 500

IT | DE | FR | PT
30 Novembre 2016
KOSTELEC, REPUBBLICA CECA

Ecco i giovani di Praga che rifiutano la propaganda xenofoba: ''vogliamo essere amici dei rifugiati''

IT | DE | FR
30 Novembre 2016
CATANIA, ITALIA

Al CARA di Mineo si celebra l'inizio dell'Avvento con i richiedenti asilo

24 Novembre 2016
NAPOLI, ITALIA

'Qui, lontano da casa mia, ho trovato voi come una famiglia'. La Scuola di Lingua e Cultura di Sant'Egidio a Napoli

23 Novembre 2016
BARCELLONA, SPAGNA

L'integrazione dei profughi è un segno del Giubileo: la storia di Diana, giovane rifugiata da Aleppo a Barcellona

IT | ES | CA | HU
tutte le news
• STAMPA
3 Dicembre 2016
Avvenire

Corridoi umanitari, quota 500 Arrivano da Homs e Aleppo

1 Dicembre 2016
OnuItalia

Corridoi umanitari: 40 profughi a Fiumicino; Sant’Egidio, modello per Europa

22 Novembre 2016
Osnabrücker Kirchenbote

Eine Kerze für jeden toten Flüchtling

20 Novembre 2016
Catalunya Cristiana

«Ser refugiada és començar de zero»

16 Novembre 2016
Münstersche Zeitung

"Grazie mille, Papa Francesco"

12 Novembre 2016
Il Messaggero

Gemelli e Sant'Egidio insieme, «Una Villetta per i senzatetto»

tutta la rassegna stampa
• DOCUMENTI

SCHEDA: Cosa sono i corridoi umanitari

Corso di Alta Formazione professionale per Mediatori europei per l’intercultura e la coesione sociale

Omelia di S.E. Card. Antonio Maria Vegliò alla preghiera "Morire di Speranza". Lampedusa 3 ottobre 2014

Omelia di S.E. Card. Vegliò durante la preghiera "Morire di speranza"

Nomi e storie delle persone ricordate durante la preghiera "Morire di speranza". Roma 22 giugno 2014

tutti i documenti
• LIBRI

Trialoog





Lannoo Uitgeverij N.V

Dopo la paura, la speranza





San Paolo
tutti i libri

FOTO

1098 visite

1167 visite

1132 visite

1091 visite

1116 visite
tutta i media correlati

Per Natale, regala il Natale! Aiutaci a preparare un vero pranzo in famiglia per i nostri amici più poveri