Riccardi Andrea: sul web

Riccardi Andrea: sui social network

Riccardi Andrea: la rassegna stampa

change language
sei in: home - news contattinewsletterlink

Sostieni la Comunità

  
1 Aprile 2005

Il sostegno della Comunità di Sant’Egidio alle vittime del terremoto nell’isola di Nias, mentre proseguono gli aiuti ai profughi dello tsunami a Medan e a Aceh.

 
versione stampabile

Per la seconda volta in tre mesi, l’Indonesia è stata colpita duramente da un terribile disastro naturale. Il terremoto che ha scosso le isole Nias lunedì scorso, ha distrutto completamente città e villaggi di una zona già tanto povera e provata anche dallo tsunami. In uno dei villaggi colpiti, Lagundri, vicino a Teluk Dalam, la Comunità stava predisponendo la ricostruzione di circa 50 case di pescatori, più vicine alla costa, che erano state danneggiate o distrutte. Ora, la gran parte delle case non c’è più - compresa la casa parrocchiale. La Comunità ha promesso che sarà vicina anche in questa più impegnativa ricostruzione.

Il primo aiuto che le Comunità di Sant’Egidio indonesiane stanno dando in questo momento è il sostegno diretto al ricongiungimento delle famiglie. Anche tra chi porta aiuto, non manca chi ha perso la casa e la famiglia e cerca oggi di alleviare le sofferenze degli altri.

Aiuti di emergenza (cibo, medicinali e abiti) sono pronti e si sta cercando un mezzo per farli arrivare nell’isola, dove le persone della Comunità di Sant’Egidio provvederanno alla distribuzione.

Nel frattempo continuano gli aiuti alle popolazioni di Aceh colpite dallo tsunami di dicembre. 

 

Assistenza sanitaria per i bambini acehnesi profughi a Medan 

Il campo profughi di Jl. Binjai ha accolto, all’indomani dello tsunami, migliaia di persone. Oggi, molti sono tornati ad Aceh, o hanno trovato posti migliori presso parenti e amici. Sono rimaste un centinaio di famiglie, le più povere, le vedove, gli uomini che hanno perso tutta la famiglia, i bambini che non hanno più nessuno e non sanno dove andare. Ancora nelle ultime settimane, sono arrivate alcune famiglie, disperate, perché a Aceh sembra non esserci più futuro per loro. 

Il campo è un immenso capannone senza pareti, in pratica una tettoia di metallo lunga alcune centinaia di metri, sotto la quale ogni famiglia ha "costruito" dei recinti (le loro case, da tre mesi) con gli scatoloni degli aiuti internazionali. Il recinto più grande, al centro, serve da moschea. 

La Comunità di Sant’Egidio, superando alcune iniziali diffidenze dovute alla diversità etnica e religiosa, è stata vicino ai rifugiati di Jl. Binjai fin dai primi tempi, distribuendo aiuti di emergenza. 

Oggi, a Medan, alcuni posti di soccorso cominciano a chiudere, perché si considera che la fase dell’emergenza sia finita. Invece, dopo tre mesi di vita all’aperto, le condizioni di chi è rimasto nel campo sono peggiorate. I bambini, soprattutto, sono visibilmente provati: i piedi -scalzi- sono feriti, molti hanno la tosse, piaghe e dermatiti sono il segno della scarsa igiene e della cattiva alimentazione. 

Il 29 marzo, insieme alla regolare distribuzione dei generi di immediata necessità (servono nuove zanzariere per le famiglie appena arrivate, scarpe per i bambini e coperte, perché siamo nella stagione delle piogge) abbiamo avviato quindi un servizio di assistenza sanitaria.

C’è simpatia e gratitudine all’arrivo degli amici della Comunità. "In tanti sono venuti a scrivere di cosa avevamo bisogno, ma voi tornate regolarmente" e c’è stupore nel vedere che non ci si è dimenticati delle richieste di ognuno. La distribuzione degli aiuti avviene con ordine e serenità. La Comunità di Medan ha una lista nominativa di tutte le persone presenti nel campo, con le età e vicino ad ogni nome c’è scritto cosa serve. Così ognuno, quando viene chiamato, trova le scarpe della misura giusta, o le medicine, la coperta di cui aveva bisogno. 

Ma l’arrivo delle infermiere è la vera sorpresa. In una delle "stanze" fatte con gli scatoloni si allestisce un ambulatorio improvvisato e si cominciano le visite, partendo dai bambini. Ci accorgiamo che nel campo, tra le "mura" di scatoloni, ci sono dei medicinali, mandati da qualche organizzazione umanitaria, ma nessuno sapeva come adoperarli, perché nessuno medico è entrato nel campo da mesi. Finalmente saranno utili. 

Dopo i bambini anche i grandi, a uno a uno, chiedono di essere visitati. E parlano, raccontano: dello tsunami, di come si sono salvati, della famiglia che non c’è più. Ad ascoltarli, tra i giovani della Comunità di Sant’Egidio, ci sono anche alcuni che provengono da Aceh e sono sfuggiti all’inondazione. C’è chi è saltato su una macchina in corsa, chi si è aggrappato a un albero. Essere qui, per loro è l’impegno e la gioia di poter essere un "seme di resurrezione". 

Valeria Martano


 LEGGI ANCHE
• NEWS
15 Novembre 2016
KUPANG, INDONESIA

Indonesia: il Giubileo della Misericordia con i bambini e gli anziani di Kupang

IT | ES | DE | FR
14 Novembre 2016
BRUXELLES, BELGIO

Prosegue l'impegno di Sant'Egidio per l'Iraq: oggi a Bruxelles una Giornata di Studio con il Comitato per la Riconciliazione

IT | ES | DE | FR | PT
31 Ottobre 2016
BAGHDAD, IRAQ

Sant'Egidio in Iraq: aiuti umanitari e dialogo nazionale e interreligioso per superare la crisi

IT | EN | ES | DE | FR | PT | RU
17 Settembre 2016
INDONESIA

A Jakarta in Indonesia uno dei primi incontri di Preghiera per la Pace

IT | ES
29 Agosto 2016
ABIDJAN, COSTA D'AVORIO

Con gli occhiali nuovi alla Scuola della Pace di Abidjan

IT | ES | DE | FR | PT | CA
28 Luglio 2016

In Indonesia nuove esecuzioni. Sant’Egidio: “Moratoria della pena di morte durante il Giubileo della Misericordia”

IT | FR | PT
tutte le news
• STAMPA
16 Novembre 2016
Münstersche Zeitung

"Grazie mille, Papa Francesco"

2 Novembre 2016
Il Sole 24 ore - Sanità

Connessi al Centrafrica

31 Ottobre 2016
Vatican Insider

Iraq, Sant’Egidio: servono aiuti umanitari e dialogo per superare la crisi

2 Agosto 2016
kath.ch

«Wer willkommen geheissen wird, radikalisiert sich kaum»

27 Luglio 2016
Vatican Insider

Indonesia, Sant’Egidio e società civile contro le nuove esecuzioni capitali annunciate ieri dallo Stato

21 Giugno 2016
Huffington Post

La riunificazione della Libia passa (anche) dal Fezzan

tutta la rassegna stampa
• NO PENA DI MORTE
12 Marzo 2015

Indonesia: imminente l'esecuzione per 10 stranieri condannati a morte.

9 Marzo 2015
AFP

Peine de mort en Indonésie: la justice va étudier un appel des deux trafiquants australiens

28 Febbraio 2015
Reuters

Australian PM strikes conciliatory note over Indonesia executions

21 Febbraio 2015
AGI

Brasile: scontro su esecuzioni, respinto ambasciatore Indonesia

21 Febbraio 2015
Reuters

Indonesia recalls envoy to Brazil amid row over execution

20 Febbraio 2015
Reuters

Australia ratchets up pressure on Indonesia over executions

18 Gennaio 2015
La Repubblica on line

Indonesia, eseguita condanna a morte per sei trafficanti di droga: 5 sono stranieri

10 Gennaio 2015
INDONESIA

L’Arcivescovo indonesiano di Jakarta contro la Pena di Morte

12 Dicembre 2014

A Jakarta cinque condannati a morte rischiano l'esecuzione nel mese di dicembre 2014

3 Luglio 2014
FILIPPINE

Filippine. I vescovi: no al ripristino della pena di morte

vai a no pena di morte
• DOCUMENTI

Libia: L'accordo umanitario per il Fezzan firmato a Sant'Egidio il 16 giugno 2016

Tanni Taher: the commitment of Sant'Egidio against the death penalty in Indonesia

Appeal "No justice without life" Manila 2014

Il Giappone proporrà l'abolizione della pena di morte

No justice without life 2014,Tokyo - Intervento di Alberto Quattrucci

No justice without life 2014,Tokyo - Intervento di Mario Marazziti

tutti i documenti

FOTO

415 visite

437 visite

407 visite

413 visite

529 visite
tutta i media correlati

Per Natale, regala il Natale! Aiutaci a preparare un vero pranzo in famiglia per i nostri amici più poveri