Riccardi Andrea: sul web

Riccardi Andrea: sui social network

Riccardi Andrea: la rassegna stampa

change language
sei in: home - news contattinewsletterlink

Sostieni la Comunità

  
15 Febbraio 2000

Alluvione in Mozambico: raccolta in favore delle vittime

 
versione stampabile

Il Mozambico affonda nel fango e nell'acqua. 

Piogge torrenziali difficili da immaginare, due settimane fa, hanno già fatto più di 200 mila senzatetto nella sola capitale, Maputo. Interrotto strade, spazzato i collegamenti, allagato i villaggi dell'interno. Adesso è arrivato il Ciclone Eline. Ha affogato buona parte del paese, facendo uscire le acque del fiume Limpopo. 

Una zona grande più della pianura Padana è raggiungibile solo dall'alto, coperta d'acqua. L'altro grande fiume, l'Incomati, ha interrotto i collegamenti Maputo-Beira. Un milione di persone rimaste senza casa, senza cibo, medicine, acqua, lavoro, raccolto. 

Il Mozambico, uscito da 16 anni di guerra civile e da un milione di morti, era, è, la speranza dell'Africa. La sua pace, conquistata dopo due anni di trattative a Roma, costruita con fantasia e pazienza dalla Comunità di Sant'Egidio, in collaborazione con Farnesina e governo italiano, rappresenta un unicum per il continente e un modello, purtroppo, ancora non superato in un'Africa dilaniata dalle guerre e dall'Aids. La pace dura, il paese ha avuto due normali elezioni democratiche da allora, i programmi del Fondo Monetario, pur con qualche contraddizione, hanno iniziato a risollevare le condizioni di vita di parte della popolazione. Con il Sudafrica il Mozambico può indicare agli altri Stati africani come si può uscire dalla violenza senza violenza. Dal Mozambico, in primavera, deve partire il più massiccio intervento contro l'Aids in Africa, destinato ad allargarsi agli altri paesi più colpiti. 

Adesso, però, affonda e se affonda rischia di affondare la speranza per un paese e un continente intero. C'è cibo solo per 300 mila persone e per soli tre mesi nelle scorte del World Food Programme. Solo per ricostruire i collegamenti ci vogliono 120 miliardi. L'Onu lancia un appello al mondo. E poi manca tutto. Nelle zone colpite non si può curare neppure l'influenza. 

E noi? Con che coraggio si parla di soldi, di aiuti, dopo tutta la diffidenza che si è insinuata a causa del polverone dei sospetti sul campo di Valona e da lì sull'Operazione Arcobaleno? Qui non c'è nessun arcobaleno. C'è una pioggia che non lascia requie. Il quartiere di case di canne dove la Comunità di Sant'Egidio di Maputo faceva la scuola ai ragazzi di strada, 40 mila persone più di metà ragazzini, non c'è più. Tutte le scuole e gli edifici pubblici contengono sfollati. Si è fermato tutto. Fino a quando si potrà andare avanti? D'accordo. Ma con che coraggio si può fare una nuova colletta nazionale? Perché è necessario. Ed è anche intelligente. Far vivere il Mozambico è far vivere l'Africa e far vivere l'Africa è far vivere meglio anche l'Europa, senza la paura di assedi di «senza niente» dal Sud dal mondo. Il Mozambico è anche un po' di casa, da noi. In nessun altro paese, forse neppure nei Balcani, l'Italia è stata così decisiva, con i caschi blu che hanno aiutato la transizione dalla guerra alla pace. 

La Comunità di Sant'Egidio ha avviato un piano di aiuti di emergenza che distribuirà direttamente con la sua rete di volontari presente in 38 punti del paese. Nessuno stipendiato. Mille persone che già vivono nel paese. Ma occorre l'aiuto di tutti. Non può essere fatto senza una grande raccolta di fondi nazionale. E' una grande occasione. Anche per recuperare a noi stessi il diritto di restare vulnerabili e, per questo, umani.

Immagini dell'alluvione

La capitale, Maputo

La provincia di Gaza

La città di Xai-Xai, 200 km a Nord di Maputo


Xai-Xai: in attesa degli elicotteri


La strada da Xai-Xai a Maputo


La città di Chokwe, 200 km a nord-ovest di Maputo,
completamente sommersa dall'alluvione



La città di Chokwe, 200 km a nord-ovest di Maputo,
completamente sommersa dall'alluvione



Il villaggio di Chinhanine, 80 km a nord di Maputo

Salvati dall'elicottero


La salvezza si cerca sui tetti delle case, sugli alberi
o sulle poche aree rimaste libere dalle acque.


Si tenta di portare in salvo le poche cose rimaste
e di raggiungere la terra ferma

Molti i bambini rimasti orfani 
o che hanno perso contatto con i genitori


Un milione di persone rimaste 
senza casa, senza cibo, medicine, 
acqua, lavoro, raccolto

Cresce il pericolo di diffusione delle malattie (malaria, colera)
in un paese dove non ci sono più i mezzi nemmeno per curare l'influenza

 


 LEGGI ANCHE
• NEWS
1 Dicembre 2016

1 dicembre, Giornata Mondiale contro l'AIDS 2016. Per il futuro dell'Africa

IT | DE | FR | HU
23 Novembre 2016
GOMA, REPUBBLICA DEMOCRATICA DEL CONGO

Floribert, giovane martire della corruzione: aperta ufficialmente la causa di beatificazione dal vescovo a Goma

IT | ES | DE | FR | PT | HU
21 Novembre 2016
ROMA, ITALIA

Pace in Centrafrica: i leader religiosi di Bangui a Sant'Egidio rilanciano la piattaforma per la riconciliazione

IT | ES | DE | FR | PT | CA
19 Novembre 2016
ROMA, ITALIA

Centrafrica: incontro lunedì a Sant’Egidio. Dissociare le religioni dalla guerra e lanciare un modello di riconciliazione

IT | ES | FR | PT | CA
18 Novembre 2016
ABIDJAN, COSTA D'AVORIO

Costa d'Avorio, il pellegrinaggio dei bambini delle bidonvilles di Abidjan al termine del Giubileo

IT | ES | DE
17 Novembre 2016
BENIN

In Benin, verso la conclusione del Giubileo della Misericordia con poveri e lebbrosi

IT | ES | DE
tutte le news
• STAMPA
1 Dicembre 2016
Zenit

Africa: 300mila sieropositivi curati da Sant’Egidio

16 Novembre 2016
Münstersche Zeitung

"Grazie mille, Papa Francesco"

11 Novembre 2016
Radio Vaticana

Aids in Africa: premiato progetto Dream di Sant'Egidio

10 Novembre 2016
Vatican Insider

Aids, il Premio “Antonio Feltrinelli” dell’Accademia dei Lincei al programma DREAM di S.Egidio

2 Novembre 2016
Il Sole 24 ore - Sanità

Connessi al Centrafrica

31 Ottobre 2016
Vatican Insider

Iraq, Sant’Egidio: servono aiuti umanitari e dialogo per superare la crisi

tutta la rassegna stampa
• NO PENA DI MORTE
31 Ottobre 2014

Inaugurata a Bukavu la campagna "Città per la vita"

12 Ottobre 2014
All Africa

Africa: How the Death Penalty Is Slowly Weakening Its Grip On Africa

20 Settembre 2014

Ciad: il nuovo codice penale prevede l'abolizione della pena di morte

20 Settembre 2014
AFP

In Ciad rischio criminalizzazione gay, ma abolizione pena morte

vai a no pena di morte
• DOCUMENTI

Libia: L'accordo umanitario per il Fezzan firmato a Sant'Egidio il 16 giugno 2016

Burkina Faso - La Paix est l'avenir: Rencontre des religions pour la paix

Comunicato stampa contro i linciaggi in Mali

The Goal of a DREAM

Dichiarazione dell'Unione Africana sul Patto Repubblicano firmato a Bangui

Jean Asselborn

Discours du Vice-Premier ministre, ministre des Affaires étrangères Grand-Duché de Luxembourg Jean ASSELBORN

tutti i documenti
• LIBRI

Eine Zukunft für meine Kinder





Echter Verlag
tutti i libri

FOTO

146 visite

146 visite

155 visite

156 visite

158 visite
tutta i media correlati

Per Natale, regala il Natale! Aiutaci a preparare un vero pranzo in famiglia per i nostri amici più poveri