Riccardi Andrea: sul web

Riccardi Andrea: sui social network

Riccardi Andrea: la rassegna stampa

change language
sei in: home - news contattinewsletterlink

Sostieni la Comunità

  
24 Ottobre 2015 | CALAIS, FRANCIA

REPORTAGE

Nella "Giungla di Calais" tra i rifugiati che non hanno nulla, solo il sogno di una nuova vita in Europa

Una delegazione di Sant'Egidio nel campo di fortuna sul Canale della Manica, dove circa 6000 persone vivono in condizioni terribili

 
versione stampabile

"Voglio vivere in Francia e imparare il francese" esclama Omar, un giovane sudanese di 21 anni, con un grande e tranquillo sorriso. Un sorriso incredibile che fa quasi dimenticare le condizioni estremamente precarie in cui vive. Da diversi mesi, Omar vive nel campo profughi di Calais, meglio noto come la Jungle de Calais (la Giungla di Calais), insieme ad Abdullah, Salomon e tanti altri. Il termine "giungla" deriva dalla parola "jangal" (foresta in persiano), è il nome con cui i primi rifugiati afghani chiamarono il luogo dove si accamparono prima di riprendere il viaggio verso la Gran Bretagna. Il nome è stato poi ripreso dai media e da tutti coloro che assistono i rifugiati, per sottolineare l'inadeguatezza di questo luogo tanto insalubre.

La Jungle de Calais sorge un terreno occupato ad aprile 2015 in seguito all'evacuazione di sette campi profughi. E' in realtà una ex discarica posta tra il Canale della Manica, l'autostrada e il porto industriale di Calais, vicino a due impianti chimici classificati "Seveso" (cioè ad alto rischio di incidente rilevante, come la possibile fuoriuscita di sostanze tossiche).

Una delegazione della Comunità di Sant'Egidio di Parigi ha visitato il campo profughi, dove è stata accolta dai rifugiati, prevalentemente uomini. Una visita di amicizia e di solidarietà a persone che, dopo aver lasciato tutto alle spalle per fuggire da guerre e persecuzioni, si ritrovano sole in Francia, senza patria e senza famiglia. Ora il loro mondo è concentrato in un campo di fortuna, spesso spazzato via dal vento, con un solo pasto al giorno e pochissimi accessi all'acqua per lavarsi.

"La cosa peggiore qui è il freddo - racconta Abdullah - la temperatura passa da 45 gradi a meno di 10 in pochissimo tempo". Come il freddo, anche il fango è onnipresente: la maggior parte di loro indossa solo ciabatte, mentre solo i più fortunati hanno vecchie scarpe da ginnastica.

Attualmente è stimato intorno a 6.000 il numero di rifugiati presenti nel campo. Un numero in continua crescita, stando ai racconti degli stessi migranti che hanno spiegato che ogni giorno decine di persone raggiungono la Jungle de Calais: il 25% di loro proviene dal Corno d'Africa (Eritrea, Etiopia, Somalia), il 35% dal Sudan, il 30% da Afghanistan, Pakistan, Iran e Iraq, e il restante 5% della Siria.
L'unica speranza di Omar è ora nell'esito della richiesta di asilo presentata alle autorità francesi, che se accolta gli permetterà di ottenere il permesso di soggiorno in Francia. "Ora devo solo aspettare", dice con il suo grande e tranquillo sorriso.

Le recinzioni con filo spinato che bloccano l'accesso all'autostrada: per raggiungere l'Inghilterra, i migranti tentano di nascondersi nei camion che passano di qui.
Nel campo sono sorti anche piccoli negozi, gestiti principalmente da afghani
 
La chiesa ortodossa etiope del campo

 


 LEGGI ANCHE
• NEWS
6 Luglio 2017
ROMA, ITALIA

Madri e figli rifugiati: dall'accoglienza all'inclusione. Non un'utopia ma una realtà possibile

6 Luglio 2017
PARIGI, FRANCIA

Bienvenue! Sono atterrati a Parigi i primi profughi siriani con i corridoi umanitari aperti in Francia

IT | ES | DE | FR | PT | CA
3 Luglio 2017
ROMA, ITALIA

Profughi, nuovo arrivo con i corridoi umanitari - Per un'Europa che sappia salvare, accogliere e integrare

IT | ES
19 Giugno 2017

Giornata Mondiale del Rifugiato 2017. Dichiarazione ecumenica congiunta: superare la paura dello straniero

IT | EN | ES | DE
21 Giugno 2017
ROMA, ITALIA

Morire di Speranza: preghiera in memoria di quanti perdono la vita nei viaggi verso l'Europa

IT | ES | DE | FR | CA | HU
7 Luglio 2017
MILANO, ITALIA

''Open Homes Rifugiati'': un nuovo modo per dare ospitalità gratuitamente a chi fugge dalla guerra.

tutte le news
• STAMPA
6 Luglio 2017
Vida Nueva

Francia ya cuenta con su corredor humanitario para refugiados

19 Giugno 2017
La Croix

La méthode de Sant’Egidio, de négociation “spirituellement inspirée”, a fait tache d’huile.

24 Giugno 2017
Magyar Kurir

„Akik a remény útján haltak meg” – Ökumenikus imaórát tartottak Budapesten a menekültekért

21 Luglio 2017
Vatican Insider

Padre Jaques Hamel, Chiesa e Stato insieme per celebrare il primo anniversario della morte

6 Luglio 2017
L'Osservatore Romano

Il primo corridoio umanitario

6 Luglio 2017
Avvenire

Sant'Egidio. Madri e figli rifugiati a scuola d'integrazione

tutta la rassegna stampa
• DOCUMENTI

L'omelia di Mons. Marco Gnavi alla preghiera Morire di Speranza, in memoria dei profughi morti nei viaggi verso l'Europa

Appello al Parlamento ungherese sui profughi e i minori richiedenti asilo

SCHEDA: Cosa sono i corridoi umanitari

Omelia di S.E. Card. Antonio Maria Vegliò alla preghiera "Morire di Speranza". Lampedusa 3 ottobre 2014

Omelia di S.E. Card. Vegliò durante la preghiera "Morire di speranza"

tutti i documenti

FOTO

206 visite

208 visite

212 visite

218 visite

248 visite
tutta i media correlati