Riccardi Andrea: sul web

Riccardi Andrea: sui social network

Riccardi Andrea: la rassegna stampa

change language
sei in: home - news contattinewsletterlink

Sostieni la Comunità

  
5 Novembre 2015 | ADJUMANI, UGANDA

Nel nome della pace e dell’istruzione: più di 1.000 studenti nella scuola del campo profughi di Nyumanzi

 
versione stampabile

“The School of Peace” la scuola elementare aperta in Nord Uganda dalla Comunità insieme alla Diocesi di Arua accoglie più di 1.000 profughi del Sud Sudan che frequentano le prime cinque classi del ciclo primario. A settembre c’è stata una visita speciale: Mgr. Sabino Odoki (il vescovo di Arua) e alcuni amici della Comunità - un’esperta di linguistica e un tecnico specialista di acqua ed energia - accompagnati dalla Comunità di Adjumani sono stati al Nyumanzi Settlement.

Il grande campo profughi (Settlement) di Nyumanzi dove sorge la scuola è non lontano da Adjumani dov’è presente una Comunità di Sant’Egidio. Nell’insediamento la popolazione giovanile al di sotto dei 17 anni è pari al 64% della popolazione. A fine aprile 2015 la popolazione complessiva raggiungeva le 27.866 unità.

La visita è stata un’occasione per conoscere meglio gli studenti della scuola, raccogliere frammenti delle loro storie e delle vicende che li hanno portati fino in Uganda e a Nyumanzi e c’è stata l’occasione per rafforzare la collaborazione con alcune agenzie internazionali come l’UNICEF che stima e sostiene la nostra scuola perché “offre garanzie di qualità e sostenibilità”.

L’età media degli studenti è di 10,9 anni ma tra di loro c’è un bel gruppo di adolescenti, almeno una trentina hanno 16 anni e più e circa 120 hanno tra 14 e 15 anni. I più piccoli (5-7 anni) sono una settantina. Ci ha stupito l’arrivo di un primo gruppo di ugandesi (non profughi) che ha scelto di venire proprio alla nostra scuola dal villaggio di Ovuvu (verso il confine di Panzaala Port) percorrendo ogni giorno a piedi i cinque chilometri di strada rossa che li separa da Nyumanzi.

La maggioranza è originaria dello Jonglei State, il più grande del Sud Sudan, dove la popolazione è in prevalenza dinka. In particolare molti profughi sono arrivati dalla città di Bor (capitale dello Jonglei) e dalla “Duk County” più a nord. La zona è stata attaccata dai ribelli di Riek Machar tra la fine del 2013 e l’inizio del 2014. Da Bor il confine con l’Uganda dista quasi 400 km, una distanza che quasi tutti hanno coperto in molti giorni, spesso facendo sosta nella capitale Juba (metà strada) e oltrepassando un confine non ufficiale, su delle barche che fanno la spola sul Nilo Bianco nei pressi di Panzaala Port.

Nel corso della visita durata una settimana è stata fatta una ricognizione della disponibilità di acqua nella zona. La costruzione di un pozzo di acqua dolce è tra le prime cose che vorremmo fare per migliorare la qualità della vita dei ragazzi ed è stata considerata la possibilità di dotare la scuola di ulteriori servizi (bagni con raccolta dell’acqua piovana, energia elettrica, nuove aule, spazi ricreativi) e di costruire un nuovo blocco di aule.

I genitori sono particolarmente fieri di mandare i loro figli alla nostra scuola e hanno fatto cucire delle divise per i loro ragazzi dove c’è un logo della scuola (l’hanno creato loro) dove si legge chiaramente “The School of Peace” e Community of Sant’Egidio. Sappiamo bene quanto sia forte il legame tra pace e istruzione. Nel Sud Sudan (dove ad agosto è stato firmato un nuovo fragile accordo tra le fazioni) e in tutta l’Africa ce n’è grande bisogno.

Molti ci hanno detto che la scuola è stata una risposta in un momento di grande difficoltà e sofferenza, perché è stato un segno di fiducia nei riguardi di tutta la loro comunità e la fiducia produce speranza nel futuro, cosa di cui avevano un grande bisogno.


 LEGGI ANCHE
• NEWS
27 Marzo 2017
ROMA, ITALIA

Anziani romani e migranti insieme per dire NO al razzismo

21 Marzo 2017
ROMA, ITALIA

Lo sport contro il razzismo: il sogno di Seidu, profugo dal Mali, si avvera nella Trastevere calcio #norazzismo

17 Marzo 2017
ROMA, ITALIA

I mediatori interculturali sono ponti a due sensi: aiutano gli immigrati ma anche le istituzioni italiane

IT | HU
10 Marzo 2017
NOVARA, ITALIA

''Da Homs a Novara con i corridoi umanitari, ecco com'è cambiata la nostra vita''

IT | ES | DE | FR
6 Marzo 2017
PRINCETON, STATI UNITI

Seeking Refuge: il dramma dei profughi in un convegno con Sant'Egidio alla Princeton University

IT | EN | ES | DE | NL
3 Marzo 2017
ADJUMANI, UGANDA

I bambini della School of Peace nel campo profughi di Nyumanzi studiano tutti i giorni e ne sono orgogliosi

IT | ES | DE | NL
tutte le news
• STAMPA
23 Marzo 2017
Famiglia Cristiana

Profughi, la rotta della salvezza

21 Marzo 2017
Clarín

El Papa Francisco, los refugiados y los corredores humanitarios

10 Marzo 2017
Vida Nueva

El cardenal Blázquez aborda con Rajoy la acogida de refugiados

28 Febbraio 2017
El Pais (Spagna)

Un grupo católico de Italia recibe más refugiados que 15 países de la UE

27 Febbraio 2017
L'huffington Post

Andrea Riccardi: Un anno di corridoi umanitari. L'integrazione protegge più dei muri

27 Febbraio 2017
News.va

Siria: 50 profughi in Italia grazie ai corridoi umanitari

tutta la rassegna stampa
• DOCUMENTI

Appello al Parlamento ungherese sui profughi e i minori richiedenti asilo

SCHEDA: Cosa sono i corridoi umanitari

Corso di Alta Formazione professionale per Mediatori europei per l’intercultura e la coesione sociale

Gli aiuti umanitari in Siria e Libano

Omelia di S.E. Card. Antonio Maria Vegliò alla preghiera "Morire di Speranza". Lampedusa 3 ottobre 2014

tutti i documenti
• LIBRI

Trialoog





Lannoo Uitgeverij N.V

Keerpunt





Lannoo Uitgeverij N.V
tutti i libri

FOTO

1022 visite

1128 visite

1057 visite

856 visite

1028 visite
tutta i media correlati