Riccardi Andrea: sul web

Riccardi Andrea: sui social network

Riccardi Andrea: la rassegna stampa

change language
sei in: home - news contattinewsletterlink

Sostieni la Comunità

  
13 Novembre 2015 | GENOVA, ITALIA

Consegnati a Genova i diplomi della Scuola di italiano di Sant'Egidio: lingua e cultura le chiavi per l'integrazione

 
versione stampabile

La lingua e la cultura sono una strada per vincere la paura degli altri e costruire le nuove generazioni di italiani. La consegna degli attestati della Scuola di Lingua e Cultura Italiana di Sant'Egidio di Genova, domenica 8 novembre, è stata l'occasione per riflettere sul futuro della città e sulle vie per l'accoglienza e l'integrazione dei nuovi europei.

Cinquecento gli iscritti nella sede genovese della scuola nello scorso anno, un centinaio i richiedenti asilo che hanno frequentato il corso estivo, ma anche chi ha ricevuto il diploma Celi (certificazione linguistica conseguita in collaborazione con l'Università per Stranieri di Perugia) e un gruppo di donne ucraine non udenti che frequentano dallo scorso anno, accompagnate da un mediatore che traduce le lezioni nella lingua dei segni. Erano tanti i "nuovi italiani" che hanno partecipato alla cerimonia e festeggiato insieme ai loro maestri.

"C’è bisogno in questo tempo di una nuova visione per l’Europa, di andare oltre lo spaesamento, di andare oltre la paura dell’invasione - ha spiegato Claudio Bagnasco, maestro della scuola di Sant'Egidio a Genova - la presenza di amici che vengono da lontano ci dona un cuore, dona sentimenti di commozione, di solidarietà e anche di indignazione, scuotendoci dal torpore, dall’indifferenza, dall’inerzia". Mor Gueye, senegalese di 36 anni, in Italia da quattro, ha parlato del futuro: “a volte le giornate sono davvero una battaglia dura per andare avanti, per non restare schiacciati dalle difficoltà. Però c’è un  futuro che non è solo mio, non è solo di ogni singolo cittadino, ma è di tutti noi insieme. Questo futuro  lo dobbiamo costruire insieme. Abbiamo bisogno di cercarci, non di ignorarci”.

E Abir, liceale di origine marocchina, ha spiegato così cosa vuol dire per lei essere una nuova cittadina italiana: "in casa tra di noi parliamo berbero, professiamo la religione islamica, mangiamo cibo marocchino. Le mie origini segnano fortemente la mia vita, ma io oggi mi sento figlia di due paesi, il Marocco che ha dato i natali alla mia famiglia e l’Italia che li ha dati a me, dove studio e dove vedo il mio futuro. Essere italiana per me oggi vuol dire contribuire, nel mio piccolo, alla costruzione di un paese accogliente, generoso verso tutti, un paese che si preoccupa di portare la pace dove non c’è". Tante le autorità presenti: dalla Fondazione per la Cultura di Palazzo Ducale, a Marco Allegretti, primo dirigente dell’Ufficio Immigrazione della Questura di Genova, fino a Sara Pagano, Direttore generale dell'Ufficio scolastico regionale: la Scuola di Lingua e Cultura Italiana di Sant’Egidio - ha detto - riesce ad arrivare anche là dove le istituzioni non riescono e integrare attraverso l’insegnamento. È così che, dall’accoglienza si arriva all’inclusione".

 

OGGETTI ASSOCIATI

 LEGGI ANCHE
• NEWS
22 Maggio 2017
MILANO, ITALIA

Milano risponde al razzismo con un #20maggiosenzamuri: il realismo dell’accoglienza

IT | ES | CA
17 Maggio 2017
ANVERSA, BELGIO

Prove di convivenza e integrazione nelle periferie multietniche del Belgio

IT | ES | FR | CA
15 Maggio 2017
GENOVA, ITALIA

Dolci della tradizione, le ricette che fanno bene alla salute. IL VIDEO

27 Marzo 2017
ROMA, ITALIA

Anziani romani e migranti insieme per dire NO al razzismo

17 Marzo 2017
ROMA, ITALIA

I mediatori interculturali sono ponti a due sensi: aiutano gli immigrati ma anche le istituzioni italiane

IT | HU
16 Marzo 2017
GENOVA, ITALIA

Anziani, senza casa: ma tutto può cambiare! Succede a Genova

tutte le news
• STAMPA
26 Maggio 2017
Famiglia Cristiana

Genova l'introversa abbraccia il papa e cerca di inventarsi il futuro

11 Maggio 2017
Il Messaggero Veneto

Rogo camper. Obiettivo integrazione: il rimedio mai adottato

7 Aprile 2017
Vatican Insider

Giornata dei Rom, Sant’Egidio: “Antigitanismo ancora diffuso contro un popolo di bambini”

5 Aprile 2017
Il Secolo XIX

Le mamme solidali cucinano torte per i senzatetto

11 Marzo 2017
La Repubblica - Ed. Genova

Raddoppiati i bambini tra i nuovi poveri

27 Febbraio 2017
L'huffington Post

Andrea Riccardi: Un anno di corridoi umanitari. L'integrazione protegge più dei muri

tutta la rassegna stampa
• DOCUMENTI

La Comunità di Sant'Egidio e i poveri in Liguria - report 2015

La Guida Dove mangiare, dormire, lavarsi - Genova 2016: alcuni dati

Guida DOVE Mangiare, dormire, lavarsi - Genova 2016

Corso di Alta Formazione professionale per Mediatori europei per l’intercultura e la coesione sociale

Dati sulla Scuola di Lingua e Cultura Italiana - Comunità di Sant'Egidio

Articolo su Credere nr. 18 - Trattoria degli amici

tutti i documenti
• LIBRI

Dopo la paura, la speranza





San Paolo
tutti i libri

FOTO

1151 visite

1174 visite

1169 visite

1253 visite

1224 visite
tutta i media correlati