Riccardi Andrea: sul web

Riccardi Andrea: sui social network

Riccardi Andrea: la rassegna stampa

change language
sei in: home - news contattinewsletterlink

Sostieni la Comunità

  
19 Novembre 2015 | BLANTYRE, MALAWI

Speranza e solidarietà tra generazioni: per gli anziani di Blantyre c'è una nuova casa

Il segno concreto di un anno di misericordia che si apre anche per il Malawi #mercychristmas

 
versione stampabile

In Malawi la condizione di molti anziani è di estrema povertà e abbandono. Spesso sono accusati di stregoneria, minacciati, maltrattati. Talvolta l'intolleranza esplode sino a bruciare e distruggere le loro case. Di recente a Thyolo, un villaggio vicino Blantyre, un anziano è stato ucciso perché accusato di praticare la stregoneria.

L’amicizia di molti giovani della Comunità di Sant'Egidio con gli anziani in tanti quartieri e villaggi del Malawi, è una difesa della loro vita e al tempo stesso una predicazione di amore che aiuta la gente a guardare con occhi diversi agli anziani, a rispettarli e ad aiutarli.

In questi ultimi mesi gli anziani sono sono stati colpiti dalla fame che ha percosso gran parte del  Paese a seguito delle inondazioni che hanno distrutto i raccolti del  mais e le case. Attualmente per  acquistare 50 kg di mais c’è bisogno di 8,500.00 Kwacha, il doppio di 6 mesi fa. Le Comunità del Malawi si sono mobilitate per aiutarli e non fargli mancare il necessario.

A Bangwe, una grande township ai margini della città di Blantyre, da oggi c'è un segno visibile di questa amicizia e protezione. Per rispondere alla necessità di alcuni anziani che avevano perso tutto durante l’ultima alluvione dello scorso febbraio, è stata aperta una nuova casa di accoglienza. La casa, composta da due appartamenti e da uno spazio comune, può dare ospitalità a diversi anziani oltre che accoglierne altri durante il giorno, per condividere il pranzo, offrire riparo e lottare contro la solitudine e l'indifferenza. Le case per gli anziani aperte dalla Comunità di Sant'Egidio sono luoghi di speranza e solidarietà tra le generazioni, una scommessa culturale che Sant'Egidio vuole vivere in Malawi e in tutta l'Africa.

I primi anziani ospiti della nuova casa sono una coppia, Julio e Esther, Julio è nato il 22 aprile 1942 ha incontrato Esther quando erano  adolescenti, vivono insieme da  quasi 50 anni. Esther nasce nei primi anni '40,  lei non riesce a ricordare il giorno e l'anno della sua nascita, è rimasta orfana quando era ancora bambina. Hanno avuto tre figli, due di loro sono morti, probabilmente di AIDS, è rimasto un solo figlio che non li assiste.

Julio e Esthe hanno incontrato la Comunità di Sant'Egidio a  Bangwe nel 2013. La loro vita era diventata difficile da quando Julio, sarto, non era stato più in grado di cucire  a causa dell’età e delle malattie. Non sapevano più come andare avanti, non avevano più i soldi per pagare l’affitto della casa in cui vivevano, né per comprare il cibo per alimentarsi. Raccontano di aver vissuto sempre una vita di grande povertà e privazioni. Quest’anno la casa in cui vivevano è  stata distrutta dalle forti piogge che hanno interessato la maggior parte del Malawi. Avevano perso tutto e hanno pianto, questa volta per la gioia, il giorno che sono stati invitati a vivere nella casa che la Comunità di Sant’Egidio ha costruito per gli anziani di Bangwe.

La terza ospite della casa è Ndasalapati, anche lei nata nei primi anni '40 nel distretto di Nsanje, nel sud del Malawi. Si era sposata e aveva avuto 11 figli. Purtroppo ha perso presto  il marito e ben nove dei suoi bambini. I due figli  ancora in vita non li vede da anni. La Comunità di Sant'Egidio l’ha conosciuta a Bangwe, dove abitava in  una piccola capanna, che è stata anch’essa quasi distrutta dalle abbondanti piogge. Quando è stata invitata a venire ad abitare nella nuova casa ha rivelato che il suo vero nNdasalapati (che significa .... "ciò che è rimasto di me") non era il suo vero nome ma che il suo nome è Zefia. Ndasalapati è il nome che si era data e con cui si faceva chiamare da tutti a causa delle grandi difficoltà e dell’abbandono che aveva conosciuto prima d’incontrare la Comunità.



 

 LEGGI ANCHE
• NEWS
6 Aprile 2017
LECCE, ITALIA

Una lettera da Lecce "per lui siete stati unici"

5 Aprile 2017
NAPOLI, ITALIA

Girando per le vie del centro storico di Napoli, entriamo in una casa speciale: ci accolgono gli anziani

27 Marzo 2017
ROMA, ITALIA

Anziani romani e migranti insieme per dire NO al razzismo

16 Marzo 2017
GENOVA, ITALIA

Anziani, senza casa: ma tutto può cambiare! Succede a Genova

10 Marzo 2017

La sfida dei prossimi anni? Scoprire il valore della vecchiaia

9 Marzo 2017
ROMA, ITALIA

Donne anziane e immigrate, ieri in festa per affermare i diritti di #tutteledonne

tutte le news
• STAMPA
17 Aprile 2017
Sueddeutsche Zeitung

Vor ungefähr 100 Wochen

15 Aprile 2017
Redattore Sociale

Pranzo di Pasquetta solidale per 250 senza dimora

14 Aprile 2017
Giornale di Arona

Riscoprire il vero significato della Pasqua con i volontari della Comunità di Sant'Egidio

5 Aprile 2017
Il Secolo XIX

Le mamme solidali cucinano torte per i senzatetto

11 Marzo 2017
La Repubblica - Ed. Genova

Raddoppiati i bambini tra i nuovi poveri

10 Marzo 2017
Sette: Magazine del Corriere della Sera

Andrea Riccardi: La sfida dei prossimi anni? Non considerare i vecchi sopravvissuti residuali

tutta la rassegna stampa
• EVENTI
27 Aprile 2017 | CATANIA, ITALIA

Sant’Egidio ed Enel Cuore inaugurano a Catania un Centro per gli anziani

tutti gli Incontri di Preghiera per la Pace
• DOCUMENTI

Gli aiuti umanitari in Siria e Libano

Intervento di Irma, anziana romana, durante la visita di papa Francesco a Sant'Egidio

Programma della Campagna della Cortesia verso gli anziani "Vive les Ainés"

Programma "W gli anziani": attività con gli anziani a Roma nel luglio e agosto 2013

Giovani e anziani per un estate di solidarietà 2013

Contrasto all’esclusione sociale: iniziative per l'estate 2013

tutti i documenti
• LIBRI

La fuerza de los años





Ediciones Sígueme
tutti i libri