Riccardi Andrea: sul web

Riccardi Andrea: sui social network

Riccardi Andrea: la rassegna stampa

change language
sei in: home - news contattinewsletterlink

Sostieni la Comunità

  
30 Dicembre 2015 | BICSKE, UNGHERIA

Per profughi e rifugiati giunti in Ungheria, a Natale "c'era posto per loro" alla tavola di Sant'Egidio

Il Natale della Misericordia è anche una tavola apparecchiata accanto a un campo profughi alla periferia di Budapest

 
versione stampabile

La Comunità di Sant'Egidio di Budapest ha offerto un pranzo anche ai suoi amici profughi il 26 dicembre, giorno di Santo Stefano, come per allungare la tavola del giorno di Natale. Il pranzo è stato celebrato in un ristorante vicino al campo profughi di Bicske, nei pressi di Budapest. Il giorno prima, al pranzo di Natale della Comunità a Budapest, per la prima volta, erano seduti profughi dallo Yemen. 

La Comunità ha voluto dare un segno d’accoglienza verso i suoi amici profughi che spesso sono oggetti di rifiuto e di propaganda negativa da parte dei media ma anche delle istituzioni.

Nell’ambiente elegante del ristorante Bader erano presenti più di venti profughi provenienti da Irak, Afganistan, Cuba, Costa d’Avorio, Nigeria con membri ed amici della Comunità, un gruppo altrettanto internazionli, non solo dall’Ungheria ma anche dagli Stati uniti, dall’Indonesia, Hong-Kong, Brasile, Egitto. Il pranzo è stato il frutto dell’amicizia cominciata con la visita di Daniela Pompei a settembre: da allora la Comunità ogni settimana visita il campo di Bicske, dove abitano ca. 160 richiedenti asilo. 

Il menù consisteva di piatti tipici ungheresi fatti con paprika, la spezia più caratteristica del Paese. Un sacchetto di paprika faceva parte del regalo natalizio, oltre ai giocattoli donati ai bambini.

Un momento speciale è stato quando i musicisti gitani hanno saputo che Karuzs, proveniente dall’Irak con la madre e con uno dei fratelli, celebrava il suo compleanno proprio in quel giorno.

Il capofamiglia, come segno d’apprezzamento per l’iniziativa della Comunità e di compassione coi profughi, ha voluto dedicare una canzone a lui, ha raccontato dei suoi viaggi passati nel Medio oriente, delle civiltà „più antiche di quella europea”. Karuzs poi ha detto: „Io sono stato separato da una larga parte della mia famiglia, ma questo è stato il più bello compleanno della mia vita”. 

 

OGGETTI ASSOCIATI
 

 LEGGI ANCHE
• NEWS
17 Gennaio 2017

A Roma si aprono nuovi spazi per l'accoglienza ai senza dimora. Ma è urgente fare di più

IT | HU
12 Dicembre 2016
TOMPA, UNGHERIA

I regali di Sant'Egidio ai bambini profughi che aspettano il Natale al confine tra la Serbia e l'Ungheria

IT | ES | DE | FR | PT | HU
6 Dicembre 2016
GINEVRA, SVIZZERA

Sant’Egidio diventa Osservatore permanente al Consiglio dell'Organizzazione Internazionale per le Migrazioni

IT | ES | DE | FR | PT
5 Dicembre 2016

Salvare vite umane dalla guerra in Siria si può: con i #corridoiumanitari

IT | ES | PT | CA
2 Dicembre 2016
ROMA, ITALIA

Ecco i volti e le voci dei profughi siriani fuggiti dalla guerra, oggi in Italia con i #corridoiumanitari

IT | ES | DE | FR | PT | CA | RU | HU
23 Novembre 2016
BARCELLONA, SPAGNA

L'integrazione dei profughi è un segno del Giubileo: la storia di Diana, giovane rifugiata da Aleppo a Barcellona

IT | ES | CA | HU
tutte le news
• STAMPA
12 Dicembre 2016
Noticias de Álava

Premio René Cassin para los Corredores Humanitarios

11 Dicembre 2016
La Vanguardia

Salvamento Marítimo Humanitario, Sabores Solidarios y Comunidad de Sant'Egidio reciben este lunes el Premio René Cassin

9 Dicembre 2016
Avvenire

I numeri del 2016. La maggior parte dei migranti proviene dall'Africa Sub-Sahariana

1 Dicembre 2016
OnuItalia

Corridoi umanitari: 40 profughi a Fiumicino; Sant’Egidio, modello per Europa

22 Novembre 2016
Osnabrücker Kirchenbote

Eine Kerze für jeden toten Flüchtling

20 Novembre 2016
Catalunya Cristiana

«Ser refugiada és començar de zero»

tutta la rassegna stampa
• DOCUMENTI

SCHEDA: Cosa sono i corridoi umanitari

Omelia di S.E. Card. Antonio Maria Vegliò alla preghiera "Morire di Speranza". Lampedusa 3 ottobre 2014

Omelia di S.E. Card. Vegliò durante la preghiera "Morire di speranza"

Nomi e storie delle persone ricordate durante la preghiera "Morire di speranza". Roma 22 giugno 2014

Le vittime dei viaggi della speranza - grafici

tutti i documenti

FOTO

106 visite

98 visite

94 visite

86 visite

100 visite
tutta i media correlati