Riccardi Andrea: sul web

Riccardi Andrea: sui social network

Riccardi Andrea: la rassegna stampa

change language
sei in: home - news contattinewsletterlink

Sostieni la Comunità

  
30 Dicembre 2015 | BICSKE, UNGHERIA

Per profughi e rifugiati giunti in Ungheria, a Natale "c'era posto per loro" alla tavola di Sant'Egidio

Il Natale della Misericordia è anche una tavola apparecchiata accanto a un campo profughi alla periferia di Budapest

 
versione stampabile

La Comunità di Sant'Egidio di Budapest ha offerto un pranzo anche ai suoi amici profughi il 26 dicembre, giorno di Santo Stefano, come per allungare la tavola del giorno di Natale. Il pranzo è stato celebrato in un ristorante vicino al campo profughi di Bicske, nei pressi di Budapest. Il giorno prima, al pranzo di Natale della Comunità a Budapest, per la prima volta, erano seduti profughi dallo Yemen. 

La Comunità ha voluto dare un segno d’accoglienza verso i suoi amici profughi che spesso sono oggetti di rifiuto e di propaganda negativa da parte dei media ma anche delle istituzioni.

Nell’ambiente elegante del ristorante Bader erano presenti più di venti profughi provenienti da Irak, Afganistan, Cuba, Costa d’Avorio, Nigeria con membri ed amici della Comunità, un gruppo altrettanto internazionli, non solo dall’Ungheria ma anche dagli Stati uniti, dall’Indonesia, Hong-Kong, Brasile, Egitto. Il pranzo è stato il frutto dell’amicizia cominciata con la visita di Daniela Pompei a settembre: da allora la Comunità ogni settimana visita il campo di Bicske, dove abitano ca. 160 richiedenti asilo. 

Il menù consisteva di piatti tipici ungheresi fatti con paprika, la spezia più caratteristica del Paese. Un sacchetto di paprika faceva parte del regalo natalizio, oltre ai giocattoli donati ai bambini.

Un momento speciale è stato quando i musicisti gitani hanno saputo che Karuzs, proveniente dall’Irak con la madre e con uno dei fratelli, celebrava il suo compleanno proprio in quel giorno.

Il capofamiglia, come segno d’apprezzamento per l’iniziativa della Comunità e di compassione coi profughi, ha voluto dedicare una canzone a lui, ha raccontato dei suoi viaggi passati nel Medio oriente, delle civiltà „più antiche di quella europea”. Karuzs poi ha detto: „Io sono stato separato da una larga parte della mia famiglia, ma questo è stato il più bello compleanno della mia vita”. 

 

OGGETTI ASSOCIATI

 LEGGI ANCHE
• NEWS
22 Aprile 2017
ROMA, ITALIA

Il Papa con profughi: un sopravvissuto di Lampedusa gli dona una cartolina con i volti delle vittime dei naufragi

IT | ES | FR | PT | NL
4 Aprile 2017
UNGHERIA

Al confine... e oltre. Un racconto dai campi profughi tra Serbia e Ungheria.

IT | ES | DE | NL | HU
21 Marzo 2017
PÉCS, UNGHERIA

Persone senza dimora in Ungheria, una liturgia a Pécs in memoria di chi ha perso la vita per il freddo

21 Marzo 2017
ROMA, ITALIA

Lo sport contro il razzismo: il sogno di Seidu, profugo dal Mali, si avvera nella Trastevere calcio #norazzismo

18 Marzo 2017
ROMA, ITALIA

Nella casa di accoglienza della Comunità per chi non aveva dimora si fa festa con Marco Impagliazzo

IT | FR
10 Marzo 2017
NOVARA, ITALIA

''Da Homs a Novara con i corridoi umanitari, ecco com'è cambiata la nostra vita''

IT | ES | DE | FR
tutte le news
• STAMPA
23 Aprile 2017
Radio Vaticana

Papa a San Bartolomeo. Mons. Paglia: testimoni della fede per vincere il male

23 Aprile 2017
Corriere della Sera

Papa Francesco: «Campi profughi come quelli di concentramento»

22 Aprile 2017
Domradio.de

"Was braucht die Kirche heute?"

4 Aprile 2017
Avvenire

Vaticano. Famiglie accolte dal Papa hanno trovato una nuova casa

23 Marzo 2017
Famiglia Cristiana

Profughi, la rotta della salvezza

21 Marzo 2017
Clarín

El Papa Francisco, los refugiados y los corredores humanitarios

tutta la rassegna stampa
• EVENTI
31 Marzo 2017 | RAMACCA, ITALIA

Il Mediterraneo, le religioni e l'accoglienza: inaugurazione della mostra ''Migrants'' di Liu Bolin

tutti gli Incontri di Preghiera per la Pace
• DOCUMENTI

Appello al Parlamento ungherese sui profughi e i minori richiedenti asilo

SCHEDA: Cosa sono i corridoi umanitari

Omelia di S.E. Card. Antonio Maria Vegliò alla preghiera "Morire di Speranza". Lampedusa 3 ottobre 2014

Omelia di S.E. Card. Vegliò durante la preghiera "Morire di speranza"

Nomi e storie delle persone ricordate durante la preghiera "Morire di speranza". Roma 22 giugno 2014

tutti i documenti

FOTO

119 visite

111 visite

106 visite

101 visite

111 visite
tutta i media correlati