Riccardi Andrea: sul web

Riccardi Andrea: sui social network

Riccardi Andrea: la rassegna stampa

change language
sei in: home - news contattinewsletterlink

Sostieni la Comunità

  
12 Febbraio 2016 | BARCELLONA, SPAGNA

Barcellona, il messaggio dei bambini della Scuola della Pace in un quartiere colpito dalla paura

 
versione stampabile

Da alcune settimane le strade de La Mina, uno dei quartieri più vivaci di Barcellona, sono praticamente deserte. Molte persone preferiscono non uscire più da casa, e quasi un centinaio di famiglie ha lasciato il quartiere. Molti bambini non frequentano più la scuola, e c'è chi, come Saray, che dice: "Ho paura perché ci sono molti poliziotti e non possiamo uscire se non per andare a scuola". La paure di queste famiglie nasce dal timore di rappresaglie in seguito alla morte di un ragazzo di 28 anni in una discoteca del Puerto Olímpico.

Ma nel quartiere c'è anche chi ha scelto di non cedere alla paura e alla violenza, come i bambini e i giovani della Scuola della Pace, che esprimono nel quartiere il sogno di costruire un luogo più pacifico. Molti di loro sono rom, pakistani e marocchini, rappresentano la diversità del quartiere e testimoniano che è possibile vivere insieme.
La prima risposta dei giovani della Scuola della Pace di Sant'Egidio a questo clima di paura e di sfiducia è stata quella di pregare per la pace insieme alle altre famiglie del quartiere. "Grazie per questo momento di preghiera che ci ridona la speranza" ha detto il giovane Victor, mentre Cristina, madre di famiglia, ha commentato commossa: "Ogni volta che le cose vanno male quartiere, nessuno si rende conto che qui ci sono molte madri che si alzano alle cinque del mattino per andare a lavorare, per il bene dei nostri figli. E' una liberazione il poter ritrovarsi qui in un luogo accogliente con un sogno di pace".


 LEGGI ANCHE
• NEWS
23 Novembre 2016
BARCELLONA, SPAGNA

L'integrazione dei profughi è un segno del Giubileo: la storia di Diana, giovane rifugiata da Aleppo a Barcellona

IT | ES | CA | HU
20 Novembre 2016

Giornata mondiale dei diritti dell'infanzia: Sant'Egidio dalla parte dei bambini

IT | ES | DE | PT | HU
16 Novembre 2016
ADJUMANI, UGANDA

Un nuovo anno ricco di novità per i bambini profughi della School of Peace di Nyumanzi

IT | EN | ES | DE | PT | ID
15 Novembre 2016
BARCELLONA, SPAGNA

A Barcellona Sant'Egidio e la Comunità Ebraica fanno memoria della ''Notte dei Cristalli''

IT | ES | CA
1 Novembre 2016
BARCELLONA, SPAGNA

Inaugurato a Barcellona il nuovo anno scolastico della Scuola di Lingua e Cultura della Comunità di Sant'Egidio

IT | ES
5 Dicembre 2011

Solidarietà e ecologia: torna Il "Rigiocattolo". Appuntamenti in Italia e nel mondo

IT | ES | DE | FR | CA
tutte le news
• STAMPA
28 Ottobre 2016
Sette: Magazine del Corriere della Sera

Andrea Riccardi. Il paradosso della Chiesa di Francia

5 Ottobre 2016
Avvenire

Marco Impagliazzo: Nel tempo del noi

9 Settembre 2016
Popoli e Missione

William Quijano: Nel paese degli scontri un giovane coltiva l’arte dell’incontro

9 Settembre 2016
La Nazione

«Soltanto la cultura ci salverà»: la speranza di Andrea Riccardi

1 Luglio 2016
Vatican Insider

Impagliazzo: “Il sogno di un’Europa dei padri e dei figli che promuova la società del vivere insieme e la pace”

19 Maggio 2016
La Difesa del Popolo

«Costruiamo la felicità a partire dai valori»

tutta la rassegna stampa
• EVENTI
12 Novembre 2016 | BARCELLONA, SPAGNA

Marcia in memoria della deportazione degli ebrei

tutti gli Incontri di Preghiera per la Pace
• DOCUMENTI

L'appello finale del pellegrinaggio dei giovani europei ad Auschwitz (IT)

Per una città più umana: no alla violenza, sì alla pace

Appel pour la paix au Mali

Marco Impagliazzo

L'intervento del prof. Marco Impagliazzo

tutti i documenti
• LIBRI

Le città vogliono vivere





Giuliano Ladolfi Editore

Trialoog





Lannoo Uitgeverij N.V
tutti i libri

FOTO

182 visite

167 visite

199 visite

170 visite

202 visite
tutta i media correlati

Per Natale, regala il Natale! Aiutaci a preparare un vero pranzo in famiglia per i nostri amici più poveri