Riccardi Andrea: sul web

Riccardi Andrea: sui social network

Riccardi Andrea: la rassegna stampa

change language
sei in: home - news contattinewsletterlink

Sostieni la Comunità

  
20 Novembre 2000

San Francisco - Prima Convention per una strategia comune contro la pena di morte

 
versione stampabile

Dal 16 al 19 novembre si è svolta a San Francisco la Convention "Un impegno per la coscienza: costruire una strategia comune per mettere fine alla pena di morte". Si è trattato della più larga conferenza mai convocata tra tutti i movimenti e le personalità più coinvolte nella campagna di abolizione della pena di morte, per realizzare un'azione comune. Ne è stata promotrice la Comunità di Sant'Egidio, rappresentata da Mario Marazziti, insieme a Death Penalty Focus, e ad altre importanti associazioni abolizioniste americane.

22/11/2000

SAN FRANCISCO - Animata assemblea dei gruppi abolizionisti, proposta una moratoria
«Processo» alla pena di morte: anche in America crescono i no.

 

San Francisco. Per la prima volta da tempo immemorabile, tutti i gruppi americani che si battono contro la pena di morte si sono radunati insieme. A San Francisco, California. I delegati non credevano ai loro occhi. Sono arrivati anche a piedi da San Diego. Con i camioncini dipinti con la bandiera americana e "No to death penalty" (No alla pena di morte) scritto dappertutto. In aereo, anche dal Canada e dalla Germania. In tutto, erano un migliaio, impegnati per quattro giorni, nel Centro congressi Cathedral Hill, con l'obiettivo di uscire da un isolamento che è insieme la forza e la debolezza del movimento americano.

E' la forza di gente che a tempo pieno gira l'America, come George White e Bill Pelke, che spiegano con forza commovente, come possono farlo solo i parenti delle vittime, che l'unica soluzione è "love and compassion". Ma è anche la debolezza di associazioni slegate dalle altre, impegnate in un singolo caso, oppure radicate solo nel proprio Stato, e che quindi a fatica hanno la percezione di quello che accade fuori.

A San Francisco le parole che si sono sentite più volte sono: «Evento storico», «straordinario», «svolta». L'entusiasmo è giustificato: è davvero una «prima volta». E lo si vede dai promotori: Death Penalty Focus, National Coalition for Abolition, American Friends Service Committee e la Comunità di Sant'Egidio. Da incontro panamericano si è trasformato in incontro internazionale, con gli echi della campagna promossa dalla Comunità, che dall'Europa è arrivata a coinvolgere 132 Paesi.

Si alternano i militanti più noti negli Usa di questa campagna per la vita e i diritti umani, da Vance Lindsay a Pat Clarke a sister Helen Prejean. A San Francisco si è percepito che la discussione sulla pena capitale in America è uscita dal monolitismo. La stessa campagna elettorale, con George Bush governatore-record con oltre 100 esecuzioni nel suo mandato, sul tema ha registrato toni meno accesi del solito. Tutti i candidati si sono espressi a favore della pena di morte, ma con una maggiore enfasi sulla certezza della colpevolezza. Solo cinque anni fa il sostegno indiscriminato alla pena capitale era dell'80 per cento, mentre adesso è sceso al 64-66 per cento. Se si tratta di una persona arrestata per la prima volta, si passa al 48, e sempre sotto la metà degli americani si arriva quando si parla di misure alternative, come la detenzione a vita. Se l'ergastolo è associato alla possibilità di lavorare, di produrre ricchezza utile a mantenere se stessi e a contribuire a programmi contro la povertà, si supera il 57 per cento di favorevoli alle misure alternative.

Il clima ha iniziato a cambiare quando il governatore Ryan ha dichiarato una moratoria in Illinois per l'inquietudine dell'enorme numero di detenuti, da anni nei bracci della morte, che sono stati rilasciati perché innocenti. Nell'ultimo anno sei Stati hanno avviato un riesame dei sistemi di pena e quattro discutono una moratoria simile a quella che viene da Chicago.

Il senatore Feingold ha proposto una moratoria a livello federale e proprio ieri la stessa richiesta, sotto forma di petizione, è venuta da un gruppo di personalità vicine al presidente Clinton. Intanto, all'unanimità i vescovi cattolici hanno approvato un documento contro la pena di morte e per una revisione dell'intero sistema giudiziario americano sotto il segno della riabilitazione.

Cresce l'imbarazzo, tra i sostenitori, per gli errori giudiziari, le discriminazioni sociali e razziali che si accompagnano a questa pratica disumanizzante. «È meglio essere colpevole e bianco che essere innocente e nero»; il ritornello non ha bisogno di spiegazioni, visto che su 10 giustiziati 9 sono neri o di minoranze etniche e uno è bianco. Otto americani su 10 pensano che un innocente è stato giustiziato negli ultimi cinque anni e molti sono infastiditi del fatto che il loro Paese è quello che ha giustiziato il maggior numero di minori.

Si potrebbe continuare. A portare dati e esperienze dagli altri paesi sono stati i partner italiani, e dirompente è stato l'impatto dell'annuncio che i due milioni e mezzo di firme della campagna per una moratoria universale raccolti dall'Appello promosso dalla Comunità di Sant'Egidio verranno consegnati a New York al segretario generale delle Nazioni Unite Kofi Annan il prossimo 18 dicembre. La battaglia per la vita si fa internazionale e a tutto campo. Come al tempo della lotta per i diritti civili, come per la fine dell'apartheid. E centrali diventano, all'interno del movimento, i legami e il Sostegno che viene dall'Europa.

Per quello che riguarda gli Usa, acquistano un ruolo sempre più importante le testimonianze dei condannati a morte oggi liberi perché vittime di errori giudiziari. Altra svolta: la convergenza tra tutti i gruppi di ispirazione religiosa, soprattutto cristiani di varia denominazione: diventa più difficile chiamare in causa Dio e giustiziare. «Eppur si muove», viene da dire. Immobile, invece, dall'altro lato della Baia di San Francisco, sta il carcere della morte di San Quentin, con i suoi 560 condannati in attesa di esecuzione. Nel giro di qualche giorno anche quelli che stanno lì dentro sapranno della veglia-dimostrazione che tutti i partecipanti alla Convention «Committing to conscience» hanno portato per le vie di San Francisco fino a lì davanti. Presto sapranno anche che pure in California 3 persone su 4 si sono stancate degli errori giudiziari e sono favorevoli a una moratoria.

Mario Marazziti

 


 LEGGI ANCHE
• NEWS
30 Novembre 2016

Il 30 novembre DIRETTA STREAMING dal Colosseo di Città per la Vita contro la pena di morte

IT | EN | ES | DE | FR | PT | CA | ID
30 Novembre 2016
ROMA, ITALIA

Il Colosseo si accende di luce per dire mai più alla pena di morte nel mondo

IT | ES | FR | PT
25 Novembre 2016

30 novembre: Città per la Vita contro la pena di morte

IT | EN | ES | FR | PT | CA | ID
23 Novembre 2016

-7! Si avvicina la Giornata Mondiale delle Città per la Vita contro la pena di morte

22 Novembre 2016

Il video della campagna Cities for Life 2016

IT | PT
21 Novembre 2016

Il 30 novembre più di 2000 città accendono la speranza di un mondo senza pena di morte. A Roma appuntamento al Colosseo

IT | EN | ES | DE | PT | CA
tutte le news
• STAMPA
1 Dicembre 2016
Avvenire

Città illuminate contro il buio delle esecuzioni

1 Dicembre 2016
Gazzetta di Parma

«Ho chiesto la grazia per l'assassino di mia figlia»

1 Dicembre 2016
Roma sette

Anche Roma tra le “Cities for life”, contro la pena capitale

1 Dicembre 2016
Notizie Italia News

30 novembre, Giornata Mondiale delle Città per la Vita, contro la Pena di Morte

30 Novembre 2016
Radio Vaticana

Pena di morte, Sant’Egidio: oggi oltre 2.100 città del mondo si mobilitano per “Cities for Life 2016”

30 Novembre 2016
Avvenire

Sant'Egidio. Duemila città si illuminano contro la pena di morte

tutta la rassegna stampa
• NO PENA DI MORTE
18 Febbraio 2016
ROMA, ITALIA

IX Congresso Internazionale dei Ministri della Giustizia per un mondo senza pena di morte, il 22 febbraio a Roma

27 Ottobre 2015
GIAPPONE

Il supplizio di Iwao, da 47 anni nel braccio della morte

20 Ottobre 2015
GIAPPONE

Giustizia e diritti umani per una società senza pena di morte - #NoJusticewithoutlife in Giappone

5 Ottobre 2015
GIAPPONE

Okunishi Masaru è morto a 89 dopo aver trascorso ogni giorno per 46 anni come se fosse l'ultimo

5 Ottobre 2015
EFE

Fallece un preso japonés tras pasar 43 años en el corredor de la muerte

25 Marzo 2015
PAKISTAN

PAKISTAN: sospesa l'esecuzione di un condannato a morte minorenne

25 Marzo 2015
GIAPPONE

Messaggio a 1 anno dalla liberazione di Iwao Hakamada

9 Marzo 2015
Reuters

Australia to restate opposition to death penalty as executions loom in Indonesia

9 Marzo 2015
AFP

Peine de mort en Indonésie: la justice va étudier un appel des deux trafiquants australiens

5 Marzo 2015
Onuitalia.com il giornale italiano delle Nazioni Unite

Pena di morte: Vaticano all’ONU dice basta esecuzioni

5 Marzo 2015
Avvenire

Appello vaticano: stop alla pena di morte

5 Marzo 2015
Vatican Insider

Abolizione pena di morte: nuovo appello della Santa Sede

vai a no pena di morte
• DOCUMENTI

Mario Marazziti: rifiutare la logica della pena di morte per non cedere alla trappola del terrore

Statement by Minister J. Kamara on the death penalty in Sierra Leone

Vice President Mnangagwa: Zimbabwe's steps toward the abolition of the death penalty

Jean-Louis Ville: Europe is against the death penalty.

Cambodian Minister of Justice, Ang Vong Vathana: Cambodia as a model of Asian country without the death penalty

Rajapakshe, Minister of Justice: Sri Lanka to protect the right to life, against the death penalty

tutti i documenti
• LIBRI

Keerpunt





Lannoo Uitgeverij N.V
tutti i libri

VIDEO FOTO
2:
Malawi contro la pena di morte
4:01
Cities for life: da Roma al mondo contro la pena di morte

469 visite

407 visite

479 visite

413 visite

458 visite
tutta i media correlati