Riccardi Andrea: sul web

Riccardi Andrea: sui social network

Riccardi Andrea: la rassegna stampa

change language
sei in: home - news contattinewsletterlink

Sostieni la Comunità

  
18 Aprile 2016 | ROMA, ITALIA

Accoglienza, lingua, integrazione per i profughi siriani ospiti di Papa Francesco

Via dagli orrori della guerra, inizia una nuova vita. Nour: speriamo il gesto del papa cambi l'opinione pubblica. Guarda il video

 
versione stampabile
Tre famiglie siriane, dodici persone, la metà bambini: hanno lasciato la Siria quando la guerra è entrata nelle loro case, poi un viaggio lungo e pericoloso li ha portati in Turchia e poi in Grecia. Due giorni fa, sabato 16 aprile, è cambiata la loro vita. Sono i dodici profughi siriani che Papa Francesco ha voluto portare con sé a Roma tornando da Lesbo. Gli ospiti del Papa sono accolti dalla Comunità di Sant'Egidio, onorata di poter offrire la propria collaborazione in quello che Andrea Riccardi ha definito un gesto di "umanità e concretezza" del Papa.

Una nuova vita è iniziata per Hasan e Nour, Ramy e Suhila, Osama e Wafa, e i loro bambini, tanta voglia di visitare Roma, ma anche di comunicare: il primo giorno hanno già iniziato a frequentare le lezioni della scuola di italiano della Comunità, dove sono stati accolti dagli studenti provenienti dai diversi continenti.

Ecco una rassegna con foto, video e articoli e approfondimenti sulla loro storia.

VIDEO  PHOTOGALLERY  APPROFONDIMENTI
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

 
 

 

OGGETTI ASSOCIATI
 

 LEGGI ANCHE
• NEWS
2 Dicembre 2016
ROMA, ITALIA

Ecco i volti e le voci dei profughi siriani fuggiti dalla guerra, oggi in Italia con i #corridoiumanitari

IT | ES | DE | FR | PT | RU
23 Novembre 2016
BARCELLONA, SPAGNA

L'integrazione dei profughi è un segno del Giubileo: la storia di Diana, giovane rifugiata da Aleppo a Barcellona

IT | ES | CA | HU
12 Novembre 2016
ROMA, ITALIA

Giubileo degli emarginati: Papa Francesco chiede perdono ai poveri a nome di tutti i cristiani

IT | ES | DE | FR | PT | HU
22 Ottobre 2016
ROMA, ITALIA

In arrivo altri 130 profughi in salvo dalla guerra in Siria e dal traffico di esseri umani grazie ai corridoi umanitari!

IT | FR
21 Ottobre 2016

Profughi, lunedì a Fiumicino nuovi arrivi con i corridoi umanitari

IT | ES | DE | FR
19 Ottobre 2016

Via dalla guerra, oltre il mare: la strada della speranza. IL VIDEO

IT | EN | ES | DE | PT
tutte le news
• STAMPA
1 Dicembre 2016
OnuItalia

Corridoi umanitari: 40 profughi a Fiumicino; Sant’Egidio, modello per Europa

1 Dicembre 2016
Famiglia Cristiana

Non solo aborto, nella lettera anche poveri e Bibbia

26 Novembre 2016
Notizie Italia News

Commenti: La novità del primo papa della globalizzazione

25 Novembre 2016
Sette: Magazine del Corriere della Sera

Andrea Riccardi: Francesco è il primo Papa globale. Vuole una Chiesa larga, misericordiosa e attrattiva

22 Novembre 2016
Osnabrücker Kirchenbote

Eine Kerze für jeden toten Flüchtling

22 Novembre 2016
L'Eco di Bergamo

«Bibbia testo prezioso, leggiamolo di più»

tutta la rassegna stampa
• NO PENA DI MORTE
4 Ottobre 2015
STATI UNITI

Il Governatore del Missouri commuta la condanna di Kimber Edwards

24 Settembre 2015
STATI UNITI

Papa Francesco al Congresso Usa: “Abolite la pena di morte. La vita è sacra!"

25 Marzo 2015
GIAPPONE

Messaggio a 1 anno dalla liberazione di Iwao Hakamada

vai a no pena di morte
• DOCUMENTI

Intervista a Papa Francesco in occasione del viaggio apostolico in Svezia

SCHEDA: Cosa sono i corridoi umanitari

Omelia di S.E. Card. Antonio Maria Vegliò alla preghiera "Morire di Speranza". Lampedusa 3 ottobre 2014

Omelia di S.E. Card. Vegliò durante la preghiera "Morire di speranza"

Nomi e storie delle persone ricordate durante la preghiera "Morire di speranza". Roma 22 giugno 2014

tutti i documenti
• LIBRI

Uno sguardo su Cuba. L'inizio del dialogo





Francesco Mondadori

Comprendre le pape François





DDB
tutti i libri

FOTO

227 visite

138 visite

118 visite

180 visite

161 visite
tutta i media correlati

Per Natale, regala il Natale! Aiutaci a preparare un vero pranzo in famiglia per i nostri amici più poveri