Riccardi Andrea: sul web

Riccardi Andrea: sui social network

Riccardi Andrea: la rassegna stampa

change language
sei in: home - news contattinewsletterlink

Sostieni la Comunità

  
16 Maggio 2016 | PADOVA, ITALIA

'Padova: città aperta e inclusiva'. Non solo un convegno, ma una sfida e una prospettiva su cui confrontarsi

 
versione stampabile

All’interno della splendida cornice dell’Orto botanico, si è tenuto il convegno dal titolo "Padova: città aperta e inclusiva". La partecipazione larga tra il pubblico di rappresentanti della società civile e di tanti cittadini ha mostrato il bisogno di ragionare insieme sulla Padova del presente e del futuro. C’è una visione sulla città? La sfida di vivere insieme non può realizzarsi se non con una risposta corale. Servono occasioni di confronto e di dialogo, che mettano insieme le tante energie della città: il centro, le periferie, l’università, l’imprenditoria, i giovani e gli anziani, gli italiani e i ‘nuovi europei’.

Le città oggi sono molto cambiate: servono nuove lenti per mettere a fuoco i cambiamenti in atto. Quale modello per Padova? – si è chiesto il filosofo Umberto Curi: il modello della polis, fondato sulla stirpe come criterio rigido di appartenenza, oppure il modello della civitas romana, inclusiva, dinamica, che tende alla crescita e all’espansione? Se lo scenario del mondo è sempre più globale, la soluzione non può essere la chiusura: le città si devono ripensare, ha osservato Daniele Marini, sociologo dell’Università di Padova, per ricostruire in termini nuovi la fiducia, la coesione e l’integrazione tra i suoi abitanti, mentre si assiste con preoccupazione al rarefarsi delle reti di relazioni.
Bisogna capire di più la città, comprenderla nelle pieghe della vita: Alessandra Coin, della Comunità, ha proposto allora di rovesciare la prospettiva consueta e di guardare la città dalle periferie, geografiche ed esistenziali. A partire dalle domande di futuro dei poveri, Padova può rigenerarsi. C’è ad esempio il grande tema degli anziani. I dati proposti dal demografo Gianpiero Dalla Zuanna hanno mostrato l’impatto dell’invecchiamento demografico: nel 2035 la componente prevalente della città sarà quella delle persone ultra sessantenni. Non si deve cedere tuttavia al pessimismo: Padova può essere ancora attrattiva anche dal punto di vista professionale per i giovani, che oggi vi frequentano l’università, come ha evidenziato Gianni Potti di Confindustria, e deve raccogliere la sfida dell’accoglienza e dell’integrazione dei ‘nuovi europei’. Ma il continente anziani non va considerato come una zavorra: Monica Mazzucato della Comunità ha rinnovato l’appello per una alleanza tra le generazioni e per soluzioni intelligenti che favoriscano la piena partecipazione degli anziani alla vita cittadina. C’è soprattutto da ereditare il grande patrimonio della città: la lunga tradizione di solidarietà, secondo Guglielmo Frezza, direttore del settimanale diocesano “La Difesa del Popolo”; la figura di Sant’Antonio, che può essere il legante buono di una città che ha bisogno di riscoprire la sua dimensione comunitaria, per il direttore de “Il Mattino” Paolo Possamai. E’ il tempo delle scelte, ha concluso Roberto Papetti, direttore de “Il Gazzettino”: Padova deve darsi una missione, riconoscendosi ad esempio come centro scientifico e culturale. E’ stata una giornata di ascolto per capire Padova, secondo una visione larga e complessiva. Molti, tra i presenti, hanno auspicato che vi siano presto nuove tappe di confronto, per coltivare il sogno di una città aperta e inclusiva.

 





 LEGGI ANCHE
• NEWS
21 Febbraio 2017
ROMA, ITALIA

La benedizione di una lunga vita: Michele ha compiuto 101 anni! Auguri da tutta la Comunità di Sant'Egidio

IT | ES | FR | RU
14 Febbraio 2017
ROMA, ITALIA

Vivere insieme da anziani contro la crisi

IT | HU
6 Febbraio 2017
ROMA, ITALIA

Capodanno cinese all'Esquilino, l'integrazione comincia dai bambini

3 Febbraio 2017
GOMA, REPUBBLICA DEMOCRATICA DEL CONGO

Lettera da Goma, in Congo: Siamo diventati i portavoce degli anziani abbandonati nella periferia della città

IT | EN | ES | DE | FR
18 Gennaio 2017
ITALIA

Dopo il terremoto di Amatrice, Sant'Egidio aiuta gli anziani a non abbandonare la loro terra

14 Novembre 2011

A Roma, cerimonia per l'inaugurazione del nuovo anno scolastico della Scuola di lingua e cultura italiana e la consegna dei diplomi

IT | ES | DE | FR | PT | CA | NL
tutte le news
• STAMPA
13 Febbraio 2017
Roma sette

Migrantes e Sant’Egidio: delusione per interventi su migranti

2 Febbraio 2017
Il Secolo XIX

Gli anziani siano un'opportunità, non un problema

22 Gennaio 2017
Avvenire - Ed. Lazio Sette

«L'integrazione, interesse di tutti»

9 Gennaio 2017
Il Gazzettino - ed. Padova

«Senzatetto al gelo, aprite la stazione»

27 Dicembre 2016
Il Gazzettino - ed. Padova

Senzatetto, migranti e famiglie in povertà: solidarietà per 450

21 Dicembre 2016
Radio Vaticana

Sisma: anziani, protocollo tra Sant'Egidio e Comune di Amatrice

tutta la rassegna stampa
• EVENTI
25 Febbraio 2017 | ROMA, ITALIA

Corso di formazione del programma "Viva gli Anziani!" una città per gli anziani è una città per tutti

tutti gli Incontri di Preghiera per la Pace
• DOCUMENTI

Corso di Alta Formazione professionale per Mediatori europei per l’intercultura e la coesione sociale

Intervento di Irma, anziana romana, durante la visita di papa Francesco a Sant'Egidio

Programma della Campagna della Cortesia verso gli anziani "Vive les Ainés"

Dati sulla Scuola di Lingua e Cultura Italiana - Comunità di Sant'Egidio

Articolo su Credere nr. 18 - Trattoria degli amici

Programma "W gli anziani": attività con gli anziani a Roma nel luglio e agosto 2013

tutti i documenti
• LIBRI

La fuerza de los años





Ediciones Sígueme
tutti i libri

FOTO

1158 visite

1110 visite

1136 visite

1131 visite

1211 visite
tutta i media correlati