Riccardi Andrea: sul web

Riccardi Andrea: sui social network

Riccardi Andrea: la rassegna stampa

change language
sei in: home - news contattinewsletterlink

Sostieni la Comunità

  
2 Giugno 2016

Comunicato congiunto

Corridoi umanitari: un progetto ecumenico per accogliere e integrare

In occasione della Festa della Repubblica del 2 giugno, e di fronte alle tragedie che continuano a prodursi in mare, le tre organizzazioni promotrici dei primi #CorridoiUmanitari realizzati in Europa diffondono un appello affinché vengano istituiti canali permanenti di accoglienza e favorita l’integrazione.

 
versione stampabile

Nella settimana alle nostre spalle nel Mar Mediterraneo sono morte almeno 800 persone che fuggendo dalla fame, dalle persecuzioni e dalla guerra cercavano di raggiungere l’Europa. Non le ha uccise la violenza del mare ma l’indifferenza di chi non vuole capire che i migranti che arrivano esausti sulle nostre coste non sono avventurieri attratti dal benessere dell’Occidente ma uomini, donne e bambini in fuga da tragedie diverse e collegate tra loro: guerre, povertà, desertificazioni, bombardamenti, deportazioni, torture. Il rapido aumento di minori spesso non accompagnati da nessun genitore ci dà la misura di una crisi che si fa sempre più acuta.
Di fronte a quella che sta diventando una routine della morte, come cristiani combattiamo quella che papa Francesco, non a caso da Lampedusa, ha chiamato la “globalizzazione dell’indifferenza”. E’ la nostra coscienza di persone che hanno conosciuto e confessano l’amore di Cristo che ci spinge a fare quanto è nella nostra capacità per proteggere le persone più vulnerabili, accoglierle in luoghi sicuri e accompagnarle nel loro percorso di integrazione in nuovi paesi. Ed è la vocazione cristiana alla pace e alla giustizia per tutti – non solo per noi! – che ci fa dire, con le parole del Segretario generale del Consiglio ecumenico delle chiese past. Olav Fykse Tveit, che queste migrazioni “hanno cause profonde che noi dobbiamo assumere e combattere insieme nel nome del Dio della vita, per la salvezza dei migranti e dell’intera famiglia umana”.
E’ in questo spirito che noi, cattolici e protestanti insieme, abbiamo proposto ed avviato l’esperienza dei “Corridoi umanitari” che, sulla base di un protocollo sottoscritto con i Ministeri dell’Interno e degli Affari Esteri, hanno già portato in Italia circa 200 migranti in fuga dall’Iraq e dalla Siria. Sono persone vulnerabili e bisognose di protezione – profughi, donne sole, minori, disabili o malati – alle quali abbiamo garantito una via sicura di accesso in Europa. Lo abbiamo fatto con le nostre risorse per non pesare sul sistema di accoglienza predisposto dalle Istituzioni italiane, e ringraziamo quanti in tanti modi e in misura che non prevedevamo così alta hanno voluto sostenerci ad accompagnarci in questo servizio. E’ questo il segnale di un’Italia generosa, che capisce la gravità della situazione di chi scappa e bussa alle nostre porte, e che si sottrae ai cori di chi invoca impossibili muri o arriva a chiedere la fine dei soccorsi in mare perché potrebbero incentivare nuovi arrivi.
Di fronte alla tragedia di cui siamo testimoni, i “Corridoi umanitari” si dimostrano un’alternativa possibile, sicura e sostenibile, in grado di proteggere la vita e contrastare i traffici umani nel Mediterraneo. Abbiamo anche sperimentato come sia possibile avviare per chi è già arrivato con questo progetto un percorso di integrazione nel tessuto della nostra società, a partire dall’apprendimento della lingua. Ringraziando le Istituzioni italiane che hanno creduto nei “Corridoi umanitari” e ci stanno consentendo di realizzarli, in questi giorni così carichi di dolore non possiamo che rinnovare il nostro impegno perché questa buona pratica possa consolidarsi in Italia, estendersi ad altri paesi europei e diventare un vero e proprio canale permanente di accoglienza riconosciuto e realizzato a livello comunitario.
Ce lo chiede la nostra fede che ci esorta a nutrire chi ha fame e a dar da bere a chi ha sete; ce lo consentono le normative vigenti che ammettono la concessione di visti per ragioni di protezione umanitaria; ce lo impone la tradizione culturale e giuridica dell’Europa che è nata e si è rafforzata affermando il principio della tutela dei diritti umani e della protezione internazionale.
 
Eugenio Bernardini, Moderatore della Tavola valdese
Marco Impagliazzo, Presidente della Comunità di Sant’Egidio
Luca M. Negro, Presidente della Federazione delle chiese evangeliche in Italia


 LEGGI ANCHE
• NEWS
24 Aprile 2017
NEW YORK, STATI UNITI

I Corridoi Umanitari presentati al Dialogo Internazionale sulle Migrazioni a New York

IT | FR | PT
18 Aprile 2017
PARIGI, FRANCIA

Firma al Quai d'Orsay di Parigi un accordo di cooperazione tra Sant'Egidio e il governo francese

IT | DE | FR
21 Marzo 2017

A Parma il nuovo mondo comincia con i corridoi umanitari #norazzismo

17 Marzo 2017
ROMA, ITALIA

Il racconto di Yasmien, prima siriana arrivata con i corridoi umanitari, che studia per diventare mediatore interculturale

14 Marzo 2017
PARIGI, FRANCIA

Da oggi i corridoi umanitari per i rifugiati anche in Francia, firmato stamattina l'accordo all'Eliseo

IT | EN | ES | DE | FR | PT | CA | NL | RU | PL | HU
11 Marzo 2017
PARIGI, FRANCIA

Anche la Francia apre ai corridoi umanitari per i profughi della Siria

IT | ES | DE | FR | PT | NL | PL
tutte le news
• STAMPA
22 Aprile 2017
L'Osservatore Romano

Senza arrendersi alla disumanità

21 Aprile 2017
Avvenire

In 14 mesi 700 salvati. E il progetto arriva in Francia

20 Aprile 2017
SIR

Corridoi umanitari: Caritas Italiana e Comunità di Sant’Egidio in Etiopia per aprire il primo canale dall’Africa

4 Aprile 2017
Avvenire

Vaticano. Famiglie accolte dal Papa hanno trovato una nuova casa

4 Aprile 2017
L'Osservatore Romano

Ospitalità ai rifugiati siriani

27 Marzo 2017
RomaSette.it

La preghiera ecumenica per l’Europa «bella e problematica»

tutta la rassegna stampa
• DOCUMENTI

SCHEDA: Cosa sono i corridoi umanitari

tutti i documenti