Riccardi Andrea: sul web

Riccardi Andrea: sui social network

Riccardi Andrea: la rassegna stampa

change language
sei in: home - news contattinewsletterlink

Sostieni la Comunità

  
11 Agosto 2016 | CITTÀ DEL VATICANO

Papa Francesco a pranzo a Santa Marta con i profughi siriani venuti da Lesbo e ora ospiti di Sant'Egidio

 
versione stampabile

papa Francesco con i profughi dalla Siria ospiti di Sant'Egidio e Andrea Riccardi Papa Francesco ha pranzato oggi a Casa Santa Marta, dove lui abita, con un gruppo di 21 rifugiati siriani che adesso vivono a Roma, attualmente ospitati dalla Comunità di Sant'Egidio. Si tratta delle famiglie giunte in Italia dopo la visita di Papa Francesco all'Isola di Lesbo in Grecia. Il primo gruppo di profughi è venuto con il volo del Papa il 16 aprile; il secondo è arrivato a metà giugno. Lo ha reso noto il direttore della sala stampa della Santa Sede, Greg Burke: "Sia gli adulti sia i bambini hanno avuto la possibilità di parlare con Papa Francesco dell'inizio della loro vita in Italia. I bambini hanno regalato al Papa una raccolta dei loro disegni, e Lui ha ricambiato con giocattoli e altri doni". Con Bergoglio erano presenti il Sostituto alla Segreteria di Stato, monsignor Angelo Becciu; Andrea Riccardi, il fondatore della Comunità di Sant’Egidio, insieme ad altri membri della comunità; il comandante della Gendarmeria, Domenico Giani e due gendarmi pontifici che hanno collaborato nel trasferimento delle famiglie da Lesbo.

Papa Francesco a pranzo con i profughi dalla Siria ospiti di Sant'EgidioE' stato un momento di grande gioia per tutti. I profughi si sono rivolti a papa Francesco come a un padre: hanno detto, alcuni perfino in italiano, del dramma della fuga dalla loro terra, distrutta dalla guerra. Vengono chi da Homs, chi da Aleppo, e da altre città siriane. Avevano casa e lavoro (alcuni anche di buon livello) ed hanno perso tutto. Ma insieme al dolore, c’è la gioia di poter raccontare anche la loro nuova vita nel nostro Paese, l’integrazione che è stata avviata dal primo giorno dopo il loro arrivo, l’iscrizione alla scuola di lingua e cultura italiana della Comunità di Sant’Egidio, l’inserimento dei loro figli nelle scuole a Roma. Ora vivono in diverse zone della città, ospiti di Sant’Egidio e della rete di accoglienza che si è creata attorno a loro: in una significativa gara di generosità, infatti, sono state offerte alcune case, sia da parte di congregazioni religiose che da privati.

Papa Francesco ha ascoltato i loro racconti mentre i bambini, figli dei profughi, giocavano negli ambienti di Santa Marta, alcuni anche in cucina, in un’atmosfera gioiosa e accogliente. La piccola Qudus, di 9 anni, ha cantato una canzone per Francesco, e, insieme agli altri bambini ha donato al Papa una raccolta di disegni che rappresentano la vita che sono lasciati alle spalle, le ferite della guerra, ma anche la speranza della nuova vita cominciata qui in Italia. Nel suo disegno, papa Francesco è raffigurato come una farfalla: ha le ali come l'aereo che li ha fatti volare lontano dalla guerra.  Tutti gli adulti hanno raccontato di come la Siria fosse, prima della guerra, una terra di convivenza, in cui i rapporti tra cristiani e musulmani erano quotidiani e senza grandi problemi. Il Papa, che ha ascoltato attentamente le loro storie, ha parlato di “amata Siria”.

“Noi vogliamo solo la pace, che finisca presto la tragedia che sta vivendo il nostro popolo”, hanno ripetuto i profughi, alcuni dei quali  hanno già ottenuto lo status di rifugiati. Alla fine Suhila, una donna di 50 anni, ha espresso a nome di tutti la loro gratitudine al Papa.



 

 

OGGETTI ASSOCIATI

 LEGGI ANCHE
• NEWS
28 Gennaio 2017

Profughi, corridoi umanitari: lunedì mattina altri 40 arrivi a Fiumicino

IT | DE | FR
17 Giugno 2016

Profughi, Sant’Egidio: felici di continuare ad accogliere le famiglie portate a Roma dal Papa

IT | ES | FR | PT | RU
6 Luglio 2017
ROMA, ITALIA

Madri e figli rifugiati: dall'accoglienza all'inclusione. Non un'utopia ma una realtà possibile

14 Marzo 2017
PARIGI, FRANCIA

Da oggi i corridoi umanitari per i rifugiati anche in Francia, firmato stamattina l'accordo all'Eliseo

IT | EN | ES | DE | FR | PT | CA | NL | RU | PL | HU
14 Aprile 2016

Rifugiati, Riccardi: Convocare un sinodo ecumenico dei cristiani europei. No ai muri, accogliere è un dovere

IT | ES | FR | PT | CA | PL
tutte le news
• STAMPA
21 Marzo 2017
Clarín

El Papa Francisco, los refugiados y los corredores humanitarios

22 Agosto 2017
Corriere della Sera

Per il Papa l’integrazione è il processo chiave

18 Marzo 2017
Rosso Porpora

Andrea Riccardi, i corridoi umanitari e papa Francesco

17 Settembre 2017
La Vanguardia

Corredores de paz

6 Luglio 2017
Vida Nueva

Francia ya cuenta con su corredor humanitario para refugiados

tutta la rassegna stampa
• NO PENA DI MORTE
4 Ottobre 2015
STATI UNITI

Il Governatore del Missouri commuta la condanna di Kimber Edwards

24 Settembre 2015
STATI UNITI

Papa Francesco al Congresso Usa: “Abolite la pena di morte. La vita è sacra!"

25 Marzo 2015
GIAPPONE

Messaggio a 1 anno dalla liberazione di Iwao Hakamada

vai a no pena di morte
• DOCUMENTI

L'omelia di Mons. Marco Gnavi alla preghiera Morire di Speranza, in memoria dei profughi morti nei viaggi verso l'Europa

Appello al Parlamento ungherese sui profughi e i minori richiedenti asilo

Intervista a Papa Francesco in occasione del viaggio apostolico in Svezia

Non muri ma ponti: il messaggio di Andrea Riccardi al 4° congresso di 'Insieme per l'Europa'

Andrea Riccardi - Oriente e Occidente - Dialoghi di civiltà

tutti i documenti
• LIBRI

La forza disarmata della pace





Jaca Book
tutti i libri