Riccardi Andrea: sul web

Riccardi Andrea: sui social network

Riccardi Andrea: la rassegna stampa

change language
sei in: home - news contattinewsletterlink

Sostieni la Comunità

  
18 Agosto 2016 | GRECIA

Se la rotta delle vacanze si incrocia con quella dei profughi... l'estate diventa speciale. E' successo a Leros

 
versione stampabile

Leros è una piccola ma bellissima isola greca del Dodecanneso, non lontano dalla costa turca di Bodrum. Meta di vacanze, ma anche, negli ultimi anni, tappa dei migranti che fuggono dal Medio Oriente in fiamme.

Tristemente famosa per la presenza di centri di "rieducazione" per i dissidenti del regime dei colonnelli e per la presenza di un enorme ospedale psichiatrico, che nel 1992 aveva ancora più di 1.100 ricoverati, in condizioni disumane.
Oggi, proprio nell'area dell'ex ospedale ora dismesso, è stato aperto un hotspot dove sono stati sistemati nei container 650 fra siriani, iracheni (molti yazidi) per la maggior parte, ma anche pachistani afgani e somali. 
Poco più in là un ex padiglione offre ospitalità ai più vulnerabili, un centinaio: anziani e alcune famiglie.
Tantissimi i bambini in entrambi i centri. La situazione è difficile anche per la lunga attesa (alcuni sono qui da 5 mesi). I bambini non vanno a scuola, solo una maestra yazida ha organizzato una classe. Alcune associazioni di volontari e ONG sono presenti e aiutano come possono.

Qui è sbarcata qualche settimana fa un'allegra comitiva di famiglie della Comunità di Sant'Egidio: genitori, bambini, adolescenti, in cerca di sole, di mare e di un vero riposo.

E lo hanno trovato. La presenza dei rifugiati è evidente, in un'isola così piccola. E allora, perchè non fare dell'incontro con loro un'occasione di amicizia, come è normale d'estate?

Così le mamme hanno organizzato delle feste e delle sostanziose merende per i bambini: non solo per i loro figli, ma anche per quelli delle famiglie rifugiate nell'hotspot. Un'incontro gioioso che, senza troppi discorsi, abbatte barriere mentali e reali.

Il migrante diventa l'amico con cui mangi un gelato, fai una corsa, parli a gesti. E alla fine della vacanza, anche i più giovani hanno imparato, senza accorgersene, che l'accoglienza è un gran vantaggio. "Mamma, ci torniamo?"


 LEGGI ANCHE
• NEWS
16 Giugno 2017

La campagna dei Giovani per la Pace per regalare una vacanza ai bambini delle periferie

30 Aprile 2017
ROMA, ITALIA

Il primo maggio di Sant'Egidio con i poveri

7 Luglio 2017
MILANO, ITALIA

''Open Homes Rifugiati'': un nuovo modo per dare ospitalità gratuitamente a chi fugge dalla guerra.

6 Luglio 2017
ROMA, ITALIA

Madri e figli rifugiati: dall'accoglienza all'inclusione. Non un'utopia ma una realtà possibile

3 Luglio 2017
ROMA, ITALIA

Profughi, nuovo arrivo con i corridoi umanitari - Per un'Europa che sappia salvare, accogliere e integrare

IT | ES
7 Agosto 2011

Estate di solidarietà in Albania, con gli amici della casa famiglia e dell’ospedale psichiatrico. Dossier

IT | DE | FR | NL
tutte le news
• STAMPA
8 Luglio 2017
Il Mattino di Padova

La cura degli anziani in 26 appuntamenti

8 Luglio 2017
La Nazione

Sant'Egidio: Cocomerate e scuole gratuite

14 Giugno 2017
La Vanguardia

La soledad mata a más ancianos que el calor

13 Luglio 2017
Famiglia Cristiana

Apri la porta di casa ai rifugiati

9 Luglio 2017
Avvenire

Marco Impagliazzo: «Chi dà pane, cambia il mondo»

tutta la rassegna stampa
• DOCUMENTI

L'omelia di Mons. Marco Gnavi alla preghiera Morire di Speranza, in memoria dei profughi morti nei viaggi verso l'Europa

Appello al Parlamento ungherese sui profughi e i minori richiedenti asilo

Gli aiuti umanitari in Siria e Libano

Omelia di S.E. Card. Antonio Maria Vegliò alla preghiera "Morire di Speranza". Lampedusa 3 ottobre 2014

Omelia di S.E. Card. Vegliò durante la preghiera "Morire di speranza"

Nomi e storie delle persone ricordate durante la preghiera "Morire di speranza". Roma 22 giugno 2014

tutti i documenti

FOTO

1545 visite

1532 visite
tutta i media correlati