Riccardi Andrea: sul web

Riccardi Andrea: sui social network

Riccardi Andrea: la rassegna stampa

change language
sei in: home - news contattinewsletterlink

Sostieni la Comunità

  
19 Settembre 2016

Mohammad Sammak: “Papa Francesco si è proposto come leader spirituale per tutta l’umanità quando ha detto che non c’è nessuna religione criminale”

 
versione stampabile

“Papa Francesco si è proposto come leader spirituale per tutta l’umanità quando ha detto che non c’è nessuna religione criminale, ma che ci sono criminali in tutte le religioni”: è quanto ha affermato Mohammad Sammak, consigliere politico del Gran Muftì del Libano, nel corso dell’inaugurazione dell’Incontro Internazionale uomini e religioni che si è aperto oggi ad Assisi.

Sammak ha anche descritto l’ISIS come un “gruppo di vendicativi, disperati e estremisti che hanno dirottato l’Islam che usano solo a scopo vendicativo, mentre per l’Islam - facendo riferimento alle distruzione di chiese e monasteri in Siria e Iraq - , ad esempio, a nessuno è consentito usare le pietre di una Chiesa per costruire la sua casa”.

Ha inoltre ricordato padre Dall’Oglio come colui che «ha dedicato la sua vita a servire musulmani e cristiani in Siria» ed anche il vescovo di Aleppo rapito tre anni fa, Mar Gregorios Yohanna Ibrahim, che lui ha conosciuto negli incontri di preghiera per la pace organizzati da Sant’Egidio negli anni passati. Ha inoltre citato il sacerdote ucciso a luglio in chiesa a Rouen affermando: “P. Jacques Hamel è una vittima non solo per la vostra Chiesa, ma anche per la nostra religione”.

Da ultimo, con un implicito riferimento al suo Libano, ha affermato  che «le relazioni tra gente di diverse religioni non possono essere basate sulla eliminazione dell’altro – come vorrebbe l’ISIS – e neanche sulla tolleranza. Devono essere basate sulla fede nel pluralismo e nella diversità, e sul rispetto per i fondamenti ideologici ed intellettuali che sono alla base della diversità». «La cittadinanza – ha concluso - non può essere basata sulla tolleranza ma sui diritti».


 LEGGI ANCHE
• NEWS
4 Novembre 2016
LOME, TOGO

Lo Spirito di Assisi continua a soffiare in Africa: l'incontro ''Sete di Pace'' in Togo

IT | ES
3 Novembre 2016
BUDAPEST, UNGHERIA

Spirito di Assisi in Ungheria: cristiani, ebrei e musulmani si incontrano a tavola con i poveri di Budapest

IT | ES | DE | FR | RU
29 Ottobre 2016

Ad Assisi tutti insieme abbiamo parlato della pace e abbiamo chiesto la pace. Abbiamo detto insieme parole forti per la pace,

IT | DE | FR | PT
27 Ottobre 2016

Gli incontri interreligiosi ''Sete di Pace'' in Benin e Burkina Faso nel 30° anniversario dello Spirito di Assisi

IT | ES | DE | HU
27 Ottobre 2016

A 30 anni dalla preghiera per la pace di Assisi: l'impegno delle religioni necessario per arginare guerre e terrore

IT | ES | DE | FR
25 Ottobre 2016
MANAGUA, NICARAGUA

C'è sete di pace in America Latina: in Nicaragua l'incontro tra le religioni nello spirito di Assisi

IT | ES | DE | FR
tutte le news
• STAMPA
29 Ottobre 2016
La Civiltà Cattolica

Intervista a Papa Francesco in occasione del viaggio apostolico in Svezia

5 Ottobre 2016
Avvenire

Marco Impagliazzo: Nel tempo del noi

2 Ottobre 2016
Avvenire

Quale accoglienza? Il metodo «adottivo» che emerge da Assisi

30 Settembre 2016
Vida Nueva

Marco Impagliazzo: “Los líderes musulmanes deben denunciar con más valentía el terrorismo”

30 Settembre 2016
Il Ticino

Alle sorgenti della pace in un mondo assetato

29 Settembre 2016
Famiglia Cristiana

«Il primo posto va a chi soffre»

tutta la rassegna stampa
• EVENTI
30 Ottobre 2016 | MADRID, SPAGNA

La Pace è il nome di Dio: lo Spirito di Assisi soffia anche a Madrid

29 Ottobre 2016 | LOME, TOGO

A Lomè in Togo, la preghiera per la pace nello spirito di #Assisi

tutti gli Incontri di Preghiera per la Pace
• DOCUMENTI

Intervista a Papa Francesco in occasione del viaggio apostolico in Svezia

Comunità di Sant'Egidio

Programma Assisi 2016 - Sete di pace - ITALIANO

ASSISI 2016 - il programma in pdf

tutti i documenti

Per Natale, regala il Natale! Aiutaci a preparare un vero pranzo in famiglia per i nostri amici più poveri