change language
sei in: home - news contattinewsletterlink

Sostieni la Comunità

  
20 Ottobre 2016 | BISSAU, GUINEA-BISSAU

Sposarsi bambine può uccidere, l'istruzione può salvare: conferenza di Sant'Egidio a Bissau

La storia di Ramatulai che voleva andare a scuola

 
versione stampabile

Ogni anno almeno 15 milioni di ragazze minorenni sono costrette al matrimonio, un terzo di loro ha meno di 15 anni. I dati forniti dall'Unicef in occasione della Giornata internazionale delle bambine e delle ragazze sono allarmanti e rivelano una realtà di abusi e violenze purtroppo ancora diffuse a livello globale.

Se ne è parlato il 16 ottobre a Bissau in una conferenza organizzata dalla Comunità di Sant'Egidio dal titolo "Sposarsi da bambine può uccidere, l'istruzione può salvare", dove sono state denunciate gravissime violazioni dei diritti delle ragazze, ed in particolare il tema del matrimonio precoce, che ruba l'infanzia e la vita di tantissime giovani in Africa, in particolare in Guinea-Bissau.

Oggi in Guinea Bissau migliaia di ragazze sono invisibili: vittime del matrimonio precoce, sono obbligate a sposarsi con uomini adulti. La pratica delle "spose-bambine", ancora molto diffusa, non solo minaccia seriamente la salute sia fisica che psicologica di queste giovani, ma anche le sottrae alla scolarizzazione, privandole dell'ambiente protettivo della famiglia di origine.

L'accesso all'istruzione può salvare la vita delle bambine e delle ragazze: quelle che arrivano all'istruzione secondaria è rilevato statisticamente che hanno meno probabilità di sposarsi precocemente di quanto non accada alle loro coetanee che non sono andate a scuola.

La scuola rappresenta quindi un luogo reale di protezione dagli abusi, dallo sfruttamento, dai matrimoni e dalle gravidanze precoci. Tuttavia in Guinea Bissau spesso l'istruzione è ancora negata a molte bambine per diversi motivi: religiosi, tradizionali o ideologici. E ancora molte vengono isolate, escluse dall'amicizia con i coetanei e con gli altri membri della società, e soffrono così di pesanti ripercussioni nella sfera affettiva, sociale e culturale.

La storia di Ramatulai

La Comunità di Sant'Egidio di Bissau ha iniziato una grande battaglia contro il fenomeno delle "spose-bambine" quando ha incontrato Ramatulai, una ragazzina di 13 anni, in un quartiere della periferia.

In famiglia sono 6 figli: i suoi cinque fratelli vanno tutti a scuola, ma lei no. I progetti su Ramatulai sono altri: sposarla con un uomo adulto amico di suo padre. Un giorno trova il coraggio di dire ai genitori che non vuole, che vuole andare a scuola anche lei. Viene picchiata e segregata dai genitori e dai fratelli, tutti concordi nell'impedire la sua "ribellione".

Alla fine Ramatulai riesce a scappare di casa. Viene accolta nella famiglia degli zii, in un altro quartiere di Bissau, frequenta la Scuola della Pace della Comunità di Sant'Egidio, è felice e ha un progetto: da grande vuole fare la maestra, insegnare alle altre ragazze a leggere e a scrivere per salvare la loro vita. Il grande sogno di Ramatulai è anche il nostro sogno per lei e per tante bambine, in Guinea e non solo.


 LEGGI ANCHE
• NEWS
8 Marzo 2017

8 Marzo: Auguri a #tutteledonne dalla Comunità di Sant'Egidio!

IT | EN
12 Luglio 2015
KAMPALA, UGANDA

Sant'Egidio in Africa: una risposta di misericordia e speranza di fronte alle nuove sfide della globalizzazione

IT | EN | ES | FR | PT
12 Luglio 2015
KAMPALA, UGANDA

Promozione della donna e degli anziani in Africa: il convegno dei rappresentanti di #SantEgidioinAfrica. FOTOGALLERY

IT | FR | PT
6 Luglio 2017
ROMA, ITALIA

Madri e figli rifugiati: dall'accoglienza all'inclusione. Non un'utopia ma una realtà possibile

9 Marzo 2017
ROMA, ITALIA

Donne anziane e immigrate, ieri in festa per affermare i diritti di #tutteledonne

tutte le news
• STAMPA
5 Settembre 2017
La Repubblica

Paulina, che ha paura del pronto soccorso

15 Agosto 2017
Roma

Madri e figli rifugiati a scuola con Sant'Egidio

6 Luglio 2017
Avvenire

Sant'Egidio. Madri e figli rifugiati a scuola d'integrazione

18 Agosto 2015
Il Mattino

Gli incubi dei piccoli in carcere «La sera chiudono a chiave...»

2 Dicembre 2017
Avvenire

Unicef. Bimbi e donne: l'Aids non è uguale per tutti

1 Dicembre 2017
Vatican Insider

Giornata mondiale dell’Aids, Sant’Egidio con “Dream” per la cura

tutta la rassegna stampa
• NO PENA DI MORTE
31 Ottobre 2014

Inaugurata a Bukavu la campagna "Città per la vita"

12 Ottobre 2014
All Africa

Africa: How the Death Penalty Is Slowly Weakening Its Grip On Africa

20 Settembre 2014

Ciad: il nuovo codice penale prevede l'abolizione della pena di morte

20 Settembre 2014
AFP

In Ciad rischio criminalizzazione gay, ma abolizione pena morte

vai a no pena di morte
• DOCUMENTI

''Entente de Sant'Egidio'': Accordo politico per la pace nella Repubblica Centrafricana

Burkina Faso - La Paix est l'avenir: Rencontre des religions pour la paix

Comunicato stampa contro i linciaggi in Mali

The Goal of a DREAM

Dichiarazione dell'Unione Africana sul Patto Repubblicano firmato a Bangui

Jean Asselborn

Discours du Vice-Premier ministre, ministre des Affaires étrangères Grand-Duché de Luxembourg Jean ASSELBORN

tutti i documenti
• LIBRI
tutti i libri

FOTO

1462 visite

1455 visite

1364 visite

1662 visite

1492 visite
tutta i media correlati