Riccardi Andrea: sul web

Riccardi Andrea: sui social network

Riccardi Andrea: la rassegna stampa

change language
sei in: home - news contattinewsletterlink

Sostieni la Comunità

  
24 Luglio 2007

In Albania, dove l’estate di solidarietà è una tradizione che dura da 13 anni

 
versione stampabile

Dal 7 luglio scorso hanno cominciato ad arrivare i primi gruppi della Comunità di Sant’Egidio che anche quest’anno danno vita alle attività di solidarietà nelle città e nei villaggi albanesi che hanno preso il nome di “Estate di solidarietà”.

Un paese cambiato

Questo è il XIII anno: nel 1995, quando questa tradizione di amicizia ha preso inizio con un gruppo relativamente piccolo di persone, l’Albania era un paese diverso da oggi. Rurale e pieno di villaggi di montagna sprovvisti un po’ di tutto. Oggi l’Albania si sposta “tutta intera” verso le città. Tirana è divenuta, rispetto a 10 anni fa una “metropoli”, fortemente attrattiva per tutti quelli che dalle montagne o dai villaggi rurali riescono a “scendere” e a sistemarsi in qualche modo in attesa di tempi migliori. Anche le altre città - Scutari, Durazzo, Lezha – hanno conosciuto un grande sviluppo. Ormai l’Albania si concentra tutta qui.
Tuttavia, chi non riesce a “scendere in città” continua ad essere privo di tutto, sempre più emarginato da tutti.

Dalle montagne alle periferie delle grandi città

L’estate di solidarietà si è “adeguata” negli anni a questi cambiamenti.
Il piccolo gruppo iniziale di “amici dell’Albania” si è allargato. Quest’anno, sono più di 300 i giovani e non coinvolti nell’estate di solidarietà.
Le destinazioni sono i villaggi più poveri, intorno a Lezha. Maleçai, Shen Koll. Barbulloj, Bregdeti e altri. Ma anche città un tempo importanti e ora “marginali” come Berat. 
Accanto ai più piccoli, ultimi fra gli ultimi come ovunque: gli zingari. A Tirana, ma anche a Pogradec, a Elbasan, a Durazzo.
Le periferie sono da sempre nel cuore della comunità. Lo stesso cuore conduce a Kams, a Qessaraka, a Berxhite, nuove e vecchie periferie di una Tirana che accoglie ancora con molta difficoltà i suoi nuovi abitanti. 
E’ proprio qui che è stata avviata la registrazione anagrafica di alcune decine di bambini rom, che – a causa delle difficoltà burocratiche e dei costi della registrazione – rischiavano di rimanere “invisibili”.
Quello della registrazione anagrafica dei bambini è un tema che sta molto a cuore alla Comunità: quest’anno è stato oggetto di impegno da parte dei più giovani del Paese dell’Arcobaleno, mobilitati per garantire la registrazione dei bambini in Africa, dove il problema è più drammatico. Ma anche in Albania – in particolare tra gli zingari - abbiamo scoperto bambini che rischiano di restare privi dei diritti più elementari, anche se vivono nel cuore geografico del continente europeo.

Fino ai grandi istituti psichiatrici

Prosegue e cresce anche l’amicizia con altri “inapparenti”: gli istituzionalizzati nelle grandi istituzioni psichiatriche. A Tirana, ma anche a Elbasan, nei due grandi manicomi del paese. E a Durazzo, in un istituto per handicappati già visitato lo scorso inverno. Qui verranno donati alcuni presidi sanitari (soprattutto carrozzine) raccolte dalle comunità siciliane grazie al sostengo di tanta gente di buona volontà.


 LEGGI ANCHE
• NEWS
14 Novembre 2016
BRUXELLES, BELGIO

Prosegue l'impegno di Sant'Egidio per l'Iraq: oggi a Bruxelles una Giornata di Studio con il Comitato per la Riconciliazione

IT | ES | DE | FR | PT
7 Novembre 2016
SHKODËR, ALBANIA

Beatificati in Albania 38 martiri cristiani uccisi dal regime di Enver Hoxha

31 Ottobre 2016
BAGHDAD, IRAQ

Sant'Egidio in Iraq: aiuti umanitari e dialogo nazionale e interreligioso per superare la crisi

IT | EN | ES | DE | FR | PT | RU
17 Ottobre 2016
TIRANA, ALBANIA

Solidarietà in Albania, i liceali di Tirana agli anziani in istituto: ''Noi non vi lasceremo soli''

29 Agosto 2016
ABIDJAN, COSTA D'AVORIO

Con gli occhiali nuovi alla Scuola della Pace di Abidjan

IT | ES | DE | FR | PT | CA
16 Luglio 2016
ROMA, ITALIA

Dopo l'attentato di Nizza, centinaia di Giovani per la Pace a Parigi: Vogliamo ponti non muri #changeyourEurope

IT | ES | DE | FR | CA | RU | HU
tutte le news
• STAMPA
17 Novembre 2016
Famiglia Cristiana

Andrea Riccardi: Trump presidente, ma papa Francesco....

16 Novembre 2016
Münstersche Zeitung

"Grazie mille, Papa Francesco"

10 Novembre 2016
Famiglia Cristiana

Andrea Riccardi: Integrare è un dovere, la prudenza è una virtù

9 Novembre 2016
Corriere della Sera

Andrea Riccardi: Il Papa e l’accoglienza, prudenza, non paura

2 Novembre 2016
Il Sole 24 ore - Sanità

Connessi al Centrafrica

31 Ottobre 2016
Vatican Insider

Iraq, Sant’Egidio: servono aiuti umanitari e dialogo per superare la crisi

tutta la rassegna stampa
• NO PENA DI MORTE
2 Luglio 2014

Sant'Egidio nella "task force" per la lotta alla pena di morte istituita dal governo italiano per il semestre europeo

vai a no pena di morte
• DOCUMENTI

Non muri ma ponti: il messaggio di Andrea Riccardi al 4° congresso di 'Insieme per l'Europa'

Marco Impagliazzo: Il sogno di un'Europa che promuova la società del vivere insieme e la pace

Libia: L'accordo umanitario per il Fezzan firmato a Sant'Egidio il 16 giugno 2016

Walter Kasper

Laudatio per il prof. Andrea Riccardi in occasione del conferimento del Premio Umanesimo 2016 a Berlino

Jean Asselborn

Discours du Vice-Premier ministre, ministre des Affaires étrangères Grand-Duché de Luxembourg Jean ASSELBORN

tutti i documenti
• LIBRI

Martiri d'Albania (1945-1990)





La Scuola

Trialoog





Lannoo Uitgeverij N.V
tutti i libri

FOTO

558 visite

572 visite

518 visite

480 visite

486 visite
tutta i media correlati

Per Natale, regala il Natale! Aiutaci a preparare un vero pranzo in famiglia per i nostri amici più poveri