Riccardi Andrea: sul web

Riccardi Andrea: sui social network

Riccardi Andrea: la rassegna stampa

change language
sei in: home - news contattinewsletterlink

Sostieni la Comunità

  
19 Marzo 2001

Comunicato in difesa dei senza fissa dimora

 
versione stampabile

19/03/2001
COMUNITA’ DI SANT’EGIDIO
POLVERONI E SOGLIA MINIMA DI CIVILTA’ PER I POVERI A ROMA
Comunicato della Comunità di Sant'Egidio in difesa dei senza fissa dimora

       

 

 

Per quegli strani fenomeni della comunicazione, all’improvviso, oggi, è sembrato – grazie a notizie di stampa – che il Commissario straordinario Mosino avesse vietato la permanenza di persone senza dimora, nomadi e immigrati nel centro storico della Capitale, secondo l’usurata formula della cosiddetta “tolleranza zero”. Il tutto per evitare il degrado urbano e favorire il decoro di una zona di particolare importanza artistica e archeologica.
A una verifica si è potuto appurare che si tratta di un’ordinanza (la n.59) del 9 marzo, riguardante non il Centro storico ma la zona dell’Esquilino e di Colle Oppio. La successione delle notizie e il contenuto dell’ordinanza, non possono – anche nella versione “ridotta” - non creare preoccupazione, nell’interesse stesso della città di Roma. L’ordinanza è motivata dalla “richieste dei cittadini”. Ci auguriamo che anche queste osservazioni vengano ritenute “richieste di cittadini”. E non dettate da interessi di parte.

E’ grave e pericoloso (tanto più in un clima preelettorale che si sta già rivelando particolarmente caldo) invocare tolleranze zero e indicare misure che vanno a colpire la parte più in difficoltà della popolazione presente a Roma senza mettere in atto (prima e non dopo) misure efficaci volte a ridurne il disagio. 
Il degrado che si vuole evitare o eliminare si inizia a rimuovere togliendo da condizioni umilianti chi è costretto a viverci e non lasciando nel bisogno, ma altrove, chi è in povertà estrema.

E’ grave e pericoloso ipotizzare un “regime speciale” per Colle Oppio-Piazza Vittorio e per il Centro storico, vietandolo (come senza ricorrere a discriminazioni odiose?) alla libera circolazione delle persone più bisognose quando proprio nel Centro è allocata la maggiore disponibilità di aiuto per chi vive in strada e chi è scivolato sotto la soglia della povertà.

E’ grave e pericoloso un approccio ai problemi della povertà in soli termini di ordine pubblico e repressione, che rischia di rendere ancora più difficile e problematico l’intervento di quanti da anni sono impegnati a costruire un clima di vivibilità nella città di Roma attraverso servizi insostituibili come le mense di Colle Oppio e i servizi presenti in altri quartieri, ma soprattutto nel Centro storico. 

E’ triste vedere la mobilitazione di cittadini e la sollecitudine delle istituzioni contro il cattivo odore di esseri umani costretti a vivere come animali e l’assoluta tolleranza degli stessi cittadini e delle stesse istituzioni per il cattivo odore (e quant’altro riempie i marciapiedi) ad opera di animali infinitamente più numerosi e tutti con una casa e un pasto assicurato.

Il decoro della città è un valore importante ma senz’altro più rilevante è il livello di civiltà che la Capitale intende offrire. 

La città del grande Giubileo del 2000 è chiamata a offrire soluzioni degne per le persone che gravitano sulle strade: almeno qualche centro di emergenza in più, un’assistenza alloggiativa che non abbia il volto imbarazzante di certi residence, dei punti di appoggio con docce e bagni, depositi bagagli, il minimo, in qualche punto della città.

Soluzioni degne e non interventi di cartapesta, che spostano da un quartiere all’altro i problemi incoraggiando la deresponsabilizzazione della popolazione e l’idea che sia normale scaricare su altri i propri “fastidi”. 

Il Commissario straordinario ha poco tempo e sappiamo che non può fare miracoli. 

Ci auguriamo però che possa contribuire a far crescere il clima della convivenza civile e la tolleranza nella nostra città e non il contrario. Senza incoraggiare, neppure involontariamente, un’idea di pulizia che va a danno dei più deboli.


 LEGGI ANCHE
• NEWS
17 Aprile 2017
ROMA, ITALIA

In questa Pasquetta oltre 300 amici della strada con Sant'egidio a pranzo nel circolo sportivo Acea

15 Aprile 2017
ROMA, ITALIA

Lunedì 17 aprile la solidarietà al CRA Acea è di casa. Pranzo a Pasquetta per 250 senza dimora

10 Aprile 2017
ROMA, ITALIA

Entra oggi in funzione la ''Lavanderia di Papa Francesco'' per chi è senza dimora, nei locali di Genti di Pace

IT | ES
4 Aprile 2017
ROMA, ITALIA

Anagrafe dei senza dimora a Roma: associazioni preoccupate che ci sia limitazione dei diritti di chi vive per strada

3 Aprile 2017
MONACO, GERMANIA

A Monaco si ricordano nella preghiera i senza fissa dimora che sono morti in quest'anno

IT | DE
31 Marzo 2017
LONDRA, REGNO UNITO

A Londra, dopo giorni di dolore, l'incontro e la preghiera con amici senza dimora rafforza l'impegno per la pace

IT | EN | ES | DE | FR | PT | NL
tutte le news
• STAMPA
13 Aprile 2017
El Pais (Spagna)

Lavandería gratis en el Vaticano para los sin hogar

13 Aprile 2017
La Vanguardia

La lavandería del Papa

10 Aprile 2017
Vatican Insider

Senzatetto e poveri, apre la “Lavanderia del Papa”

10 Aprile 2017
Radio Vaticana

Aperta "Lavanderia di Papa Francesco" per i senzatetto

5 Aprile 2017
Il Secolo XIX

Le mamme solidali cucinano torte per i senzatetto

5 Aprile 2017
Avvenire

Roma, il caso dei senza dimora «Meno diritti con nuove regole»

tutta la rassegna stampa
• DOCUMENTI

La guida "Dove mangiare, dormire, lavarsi a Napoli e in Campania" 2016

La Comunità di Sant'Egidio e i poveri in Liguria - report 2015

Sintesi, Rapporti, Numeri e dati sulle persone senza dimora a Roma nel 2015

Le persone senza dimora a Roma

La povertà in Italia

tutti i documenti
• LIBRI

Keerpunt





Lannoo Uitgeverij N.V

Rapporto sulla povertà a Roma e nel Lazio 2012





Francesco Mondadori
tutti i libri

FOTO

1565 visite
tutta i media correlati