Riccardi Andrea: sul web

Riccardi Andrea: sui social network

Riccardi Andrea: la rassegna stampa

change language
sei in: home - news contattinewsletterlink

Sostieni la Comunità

  
19 Aprile 2001

Città del Guatemala (Guatemala) - E’ morto un adolescente del movimento del Paese dell’Arcobaleno di Città del Guatemala

 
versione stampabile

Il 16 aprile a Città del Guatemala è stato ucciso Neemia, un adolescente di 16 anni, che da più di quattro anni faceva parte del movimento del Paese dell’Arcobaleno. Insieme a lui, è stato ferito anche un altro adolescente del movimento, Luis di 12 anni. Uomini armati hanno fatto fuoco davanti alla gelateria di fronte a cui si trovavano i ragazzi.Neemia è stato ricordato nella preghiera a S. Maria in Trastevere.

19/04/2001
Preghiera serale 
Ricordo di Neemia

Roma - Basilica di Santa Maria in Trastevere

       

  

Mc 16, 1-7


La prima Pasqua del nuovo secolo ha aperto al mondo una via di amore straordinario. L'annuncio che "Cristo è risorto" e che "in Lui tutta la vita risorge" è il cuore della nostra fede. Questa Pasqua del 2001 - abbiamo detto - è l'occasione per un battesimo d'amore: è venuta l'ora in cui immergersi, come in un battesimo, dentro la corrente profonda della carità, una corrente scaturita dalla Passione del Signore, dalla sua morte in croce, segno di un amore che non pone limiti nemmeno alla propria sopravvivenza. L' abbiamo vista sgorgare dal "prodigioso duello tra la morte e la vita" - come recita la sequenza pasquale -, in cui il Signore ha trionfato ed è uscito vincitore. E' questa corrente d'amore che ci farà abbandonare le rive rassicuranti del quotidiano e di ciò che ci è abituale per portarci a seguire Gesù al largo, verso i nuovi orizzonti aperti dalla sua Resurrezione.

In questi giorni del tempo di Pasqua guardiamo a Gesù alla luce della sua Resurrezione perché ci permette di capirlo più a fondo. Lo vediamo come Lui stesso si mostrò quando raccolse la prima famiglia dei suoi discepoli e cominciò a guarire i malati e consolare le folle. E cioè come un servitore: così lo vediamo stare in mezzo alla sua gente, dalla Galilea fino a Gerusalemme, servo degli altri con la parola e la predicazione, al servizio dei malati, dei lebbrosi, degli indemoniati, dei feriti della vita. E' vero: lui sta in mezzo a noi come colui che serve! E' questa la realtà da cui ripartire dopo la Pasqua appena celebrata. Ripartire da Gesù servitore e amico dei poveri. Ripartire dal Vangelo perché diventi vita. Ripartire dal Suo nome che dona "speranza ogni umana esistenza".

L'annuncio di Resurrezione ci fa riscoprire, a partire dalla gioia e dallo stupore pasquale, il dono della pace e la certezza che il mondo non è più schiavo di eventi ineluttabili. "Questo nostro mondo può cambiare: la pace è possibile anche là dove da troppo tempo si combatte e si muore" - ha detto il nostro vescovo, il Papa, nel giorno di Pasqua. I cristiani dopo la Resurrezione preparano un mondo nuovo, dove la guerra non ci sarà più, dove gli odi saranno cancellati, dove la violenza non si affaccerà più come un ladro di notte, dove i poveri non saranno più umiliati, dove i bambini cresceranno in pace. E' l'espressione più vera della nostra fede.

Questa fede ci viene in aiuto anche oggi mentre veniamo informati che un atto di barbara violenza ha tolto la vita di un adolescente del movimento del Paese dell'arcobaleno di Città del Guatemala, Neemia di 16 anni, e contemporaneamente ha ferito un bambino, Luis di 12 anni, della nostra scuola popolare di quella città. Uno squadrone della morte, non meglio identificato, ha fatto fuoco, senza alcun motivo nella baraccopoli di Loma de Santa Faz uccidendo Neemia mentre mangiava un gelato e ferendo Luis che gli stava accanto. Neemia, un ragazzo pacifico e mite, si era impegnato, insieme agli altri ragazzi del paese dell'arcobaleno, fino a pochi giorni dalla Pasqua, per preparare scarpe da mandare ai terremotati del Salvador attraverso gli amici della Comunità. Studiava e lavorava come tanti altri ragazzi che in Guatemala cercano un futuro. E' una morte che suona come una scandalosa contraddizione in questo tempo illuminato dalla Resurrezione. La risposta non la cerchiamo in noi stessi, ma guardando a lui che è stato crocifisso. Questo ci spinge a vivere con maggiore intensità seguendo il Signore della pace che è risorto perché tutti risorgano con lui.

Nella tristezza - perché lasciarsi prendere da questa tristezza è giusto, anzi doveroso, perché troppo siamo presi dai nostri fastidi e poco dalla tristezza vera - per questa morte assurda non vogliamo abbandonare un grande sogno, quello delle montagne che potranno essere spostate, delle tombe che potranno essere aperte. Vogliamo attingere alla tomba ormai vuota del Signore quel vigore necessario per sconfiggere le forze del male e della morte. I discepoli non avranno più paura, perché non saranno abbandonati. E' il segreto più intimo e allo stesso tempo più forte della Pasqua: il Padre non abbandona mai il Figlio, nemmeno nella gola profonda della morte, nemmeno nella tomba. Tanto che da quella tomba nasce la vita. E' questo l'annuncio che ha varcato i secoli e che ora risuona sulla soglia di un nuovo millennio: Dio ha resuscitato Gesù dai morti e farà vivere anche noi con lui.


 LEGGI ANCHE
• NEWS
21 Novembre 2016

Mons. Vincenzo Paglia ci introduce a "La Parola di Dio ogni giorno 2017". Guarda il video!

14 Novembre 2016

In libreria da oggi "La Parola di Dio ogni giorno 2017" per comprendere e pregare con le Scritture

30 Giugno 2015
SAN PEDRO CARCHÁ, GUATEMALA

Guatemala: Sant'Egidio apre Hogar Papa Francisco, la prima casa famiglia per gli anziani poveri di Alta Verapaz

IT | EN | ES | DE | FR
29 Maggio 2015

"Olivier Clément, uno spirituale europeo" da giugno in libreria

18 Maggio 2015
TORINO, ITALIA

Solidarietà e fede: i poveri in pellegrinaggio alla Sacra Sindone con Sant'Egidio

14 Novembre 2014

Dal 18 novembre in libreria "La Parola di Dio ogni giorno 2015", per comprendere e pregare con le Scritture

tutte le news
• STAMPA
29 Ottobre 2016
Avvenire

Il Vangelo che manca: una nuova ignoranza, un antico nodo

24 Settembre 2013
Avvenire

D'Acquisto e gli altri eroismo quotidiano

15 Dicembre 2012
Avvenire

I futuri che si credono perduti. Il futuro che credo e so

9 Dicembre 2012
corriere delle Alpi

Ricordati che l'uomo non è solo materia. Il denaro non è l'unica misura delle cose e delle azioni: esiste anche la gratuità

9 Maggio 2012
La Provincia Frosinone

Il sogno di Dio per il mondo

15 Aprile 2012
il Cittadino

Martiri per la fede e la speranza

tutta la rassegna stampa
• DOCUMENTI

Programma in ITALIANO

Programma in RUSSO

Matteo Zuppi

"IL SIGNORE CI AIUTI A VIVERE INSIEME" - Omelia di Mons. Matteo Zuppi

tutti i documenti
• LIBRI

L'Altro, l'Atteso





San Paolo

La parola di Dio ogni giorno 2017





San Paolo
tutti i libri

FOTO

24 visite

30 visite

27 visite

30 visite

22 visite
tutta i media correlati

Per Natale, regala il Natale! Aiutaci a preparare un vero pranzo in famiglia per i nostri amici più poveri