change language
sei in: home - news contattinewsletterlink

Sostieni la Comunità

  
1 Dicembre 2017

​​World AIDS Day, Sant’Egidio: curare l’Africa è, oggi ancor di più, curare le sue donne

 
versione stampabile

Nel giorno in cui la comunità internazionale rinnova il suo impegno contro l’AIDS, parlare di questa malattia vuol dire ancora parlare di Africa. Oltre 25 milioni di malati di HIV vivono in questo continente; 3 persone su 4 quattro che muoiono di AIDS, muoiono in Africa. Per questo la Comunità di Sant’Egidio continua e intensifica il lavoro del programma DREAM, che in oltre 15 anni di attività in 11 Paesi africani ha offerto gratuitamente la terapia a 350mila pazienti, consentendo - tra l’altro - la nascita di oltre 100mila bambini sani da madri sieropositive.

I dati globali sulla diffusione della pandemia sono incoraggianti: le nuove infezioni si sono ridotte del 16% dal 2010 e la mortalità per AIDS si è quasi dimezzata. Ma tanto resta ancora da fare, se si considera che ogni giorno del 2016 si sono registrati 5.000 nuovi casi di HIV. Per questo una delle sfide è l’accesso universale alle cure, soprattutto in Africa, per garantire a milioni di malati il diritto alla salute. Una lettura approfondita dei dati epidemiologici racconta inoltre una delle più grandi disparità del nostro tempo: quella di genere. Nonostante la riduzione della mortalità da HIV per i malati di sesso femminile, tra le donne africane l’AIDS è ancora un grande flagello e rappresenta la seconda causa di morte, molto più che negli uomini. Le giovani africane sono più a rischio di contrarre il virus, a causa della loro inferiorità sociale in molti contesti e il minore accesso ai servizi di prevenzione e cura. Allo stesso tempo però emerge la grande forza e il desiderio di salute di queste donne, le cui condizioni di vita sono rese più difficili dal mantenimento di famiglie numerose e lavori usuranti.

La Comunità di Sant’Egidio è accanto alle donne africane, oltre che con le cure mediche anche con progetti di educazione sanitaria e formazione professionale. Nel programma DREAM inoltre la donna svolge il ruolo centrale di ambasciatrice delle salute, che parla con altre donne, testimonia in prima persona il successo del trattamento e diviene portavoce dei diritti dei malati. DREAM rappresenta quindi anche un passo determinante per l’emancipazione di tante donne, consentendo loro di uscire dallo stigma della malattia e dalla marginalità in cui spesso vivono. Curare l’Africa è, oggi ancor di più, curare le sue donne.


 LEGGI ANCHE
• NEWS
29 Agosto 2016
NAIROBI, KENYA

Sant'Egidio a Nairobi per parlare di pace, sviluppo e diritto alle cure per tutti

IT | EN | ES | FR | PT | CA | RU | HU
13 Luglio 2009

"LIBERARE I PRIGIONIERI IN AFRICA" Una campagna di solidarietà con i detenuti africani nelle carceri italiane

IT | ES | DE | FR | PT
11 Novembre 2016
ROMA, ITALIA

Aids, il Premio Feltrinelli al programma DREAM ''per un'impresa eccezionale di alto valore morale e umanitario''

16 Luglio 2015
MAPUTO, MOZAMBICO

Il presidente di Sant'Egidio inaugura a Maputo il programma Dream 2.0 per un approccio globale alla salute in Africa

IT | EN | DE | FR | PT
12 Luglio 2015
KAMPALA, UGANDA

Promozione della donna e degli anziani in Africa: il convegno dei rappresentanti di #SantEgidioinAfrica. FOTOGALLERY

IT | FR | PT
tutte le news
• STAMPA
3 Aprile 2014
Famiglia Cristiana

Africa: La lezione del Ruanda a 20 anni dall'eccidio

5 Marzo 2014
Il Piccolo

Premio Magajna a una volontaria africana

21 Febbraio 2014
Vita Nuova

Sognando l'Africa e un mondo senza Aids: a Jane Gondwe del progetto Dream il Premio Maganja

2 Dicembre 2017
Avvenire

Lotta all'Aids in Africa? Passa anche dai giochi

1 Dicembre 2017
Vatican Insider

Giornata mondiale dell’Aids, Sant’Egidio con “Dream” per la cura

6 Ottobre 2017
Vatican Insider

Africa, firmato l’accordo Sant’Egidio-San Camillo per la cooperazione sanitaria

tutta la rassegna stampa
• NO PENA DI MORTE
31 Ottobre 2014

Inaugurata a Bukavu la campagna "Città per la vita"

12 Ottobre 2014
All Africa

Africa: How the Death Penalty Is Slowly Weakening Its Grip On Africa

20 Settembre 2014

Ciad: il nuovo codice penale prevede l'abolizione della pena di morte

20 Settembre 2014
AFP

In Ciad rischio criminalizzazione gay, ma abolizione pena morte

vai a no pena di morte
• DOCUMENTI

''Entente de Sant'Egidio'': Accordo politico per la pace nella Repubblica Centrafricana

Burkina Faso - La Paix est l'avenir: Rencontre des religions pour la paix

Comunicato stampa contro i linciaggi in Mali

The Goal of a DREAM

Dichiarazione dell'Unione Africana sul Patto Repubblicano firmato a Bangui

Jean Asselborn

Discours du Vice-Premier ministre, ministre des Affaires étrangères Grand-Duché de Luxembourg Jean ASSELBORN

tutti i documenti
• LIBRI
tutti i libri

FOTO

1662 visite

1492 visite

1498 visite

1517 visite

1459 visite
tutta i media correlati