Riccardi Andrea: sul web

Riccardi Andrea: sui social network

Riccardi Andrea: la rassegna stampa

change language
sei in: home - news contattinewsletterlink

Sostieni la Comunità

  
16 Febbraio 2008

Emergenze Umanitarie

Violenze in Ciad: la solidarietà della Comunità di Sant’Egidio

 
versione stampabile

Il 1° febbraio 2008 le forze ribelli ciadiane hanno attaccato la capitale, N’Djamena, a pochi giorni dall’arrivo della forza europea alla frontiera fra Ciad e Darfour (Sudan). Dopo una settimana di scontri il governo centrale è riuscito a resistere, ma i combattimenti hanno lasciato sul campo centinaia di morti e migliaia di feriti, in gran parte civili.

L’effetto è stato quello di un esodo di massa: in pochi giorni decine di migliaia di ciadiani si sono rifugiati nel vicino Camerun raggiungendolo a piedi, quasi privi di tutto per l’urgenza di abbandonare la propria casa, sotto il tiro dell’artiglieria e degli elicotteri che sparavano sulla popolazione.

Anche alcuni giovani della Comunità di Sant’Egidio a N’Djamena sono dovuti fuggire insieme alle loro famiglie e a numerosi bambini della “scuola della pace”, da loro seguiti ormai da anni. Si tratta di bambini che vivono nelle bidonvilles della capitale e che rischiavano di restare senza aiuto in quelle drammatiche ore, anche per le difficoltà delle loro famiglie ad occuparsi di loro. Il gruppo di è unito ad altre decine di profughi ed è riuscito a rifugiarsi in Camerun, nella città di Kousséri. Lì, insieme agli amici della Comunità di Sant’Egidio del Camerun, accorsi per sostenerli, hanno creato un vero e proprio accampamento spontaneo.

Si tratta di circa 250 persone, che mancano di tutto, in attesa di poter rientrare in Ciad. Si è subito messa in movimento una catena di solidarietà, tra l’Italia e il Camerun, che ha permesso un primo acquisto di riso, zucchero, olio, acqua potabile, coperte per ripararsi dal freddo notturno, zanzariere e stuoie per dormire, in assenza, per il momento, di interventi da parte degli organismi internazionali. Il desiderio è quello di tornare, ma la situazione non lo permette ancora.

E comunque c’è l’incognita di un ritorno tra grandi difficoltà: N’Djamena porta le ferite di violenti combattimenti, molti quartieri sono stati sventrati e sono da ricostruire, le case e i negozi saccheggiati. Parte quindi ora la raccolta per organizzare un secondo invio di aiuti. Il primo obiettivo è quello della sopravvivenza in Camerun, finchè non sarà possibile tornare in Ciad. Il secondo è quello di offrire il necessario per un rientro sicuro e assistere le famiglie una volta rientrate nel loro Paese.


 LEGGI ANCHE
• NEWS
1 Dicembre 2016

1 dicembre, Giornata Mondiale contro l'AIDS 2016. Per il futuro dell'Africa

IT | DE | FR | HU
23 Novembre 2016
GOMA, REPUBBLICA DEMOCRATICA DEL CONGO

Floribert, giovane martire della corruzione: aperta ufficialmente la causa di beatificazione dal vescovo a Goma

IT | ES | DE | FR | PT | HU
21 Novembre 2016
ROMA, ITALIA

Pace in Centrafrica: i leader religiosi di Bangui a Sant'Egidio rilanciano la piattaforma per la riconciliazione

IT | ES | DE | FR | PT | CA
19 Novembre 2016
ROMA, ITALIA

Centrafrica: incontro lunedì a Sant’Egidio. Dissociare le religioni dalla guerra e lanciare un modello di riconciliazione

IT | ES | FR | PT | CA
18 Novembre 2016
ABIDJAN, COSTA D'AVORIO

Costa d'Avorio, il pellegrinaggio dei bambini delle bidonvilles di Abidjan al termine del Giubileo

IT | ES | DE
17 Novembre 2016
BENIN

In Benin, verso la conclusione del Giubileo della Misericordia con poveri e lebbrosi

IT | ES | DE
tutte le news
• STAMPA
1 Dicembre 2016
Zenit

Africa: 300mila sieropositivi curati da Sant’Egidio

16 Novembre 2016
Münstersche Zeitung

"Grazie mille, Papa Francesco"

11 Novembre 2016
Radio Vaticana

Aids in Africa: premiato progetto Dream di Sant'Egidio

10 Novembre 2016
Vatican Insider

Aids, il Premio “Antonio Feltrinelli” dell’Accademia dei Lincei al programma DREAM di S.Egidio

2 Novembre 2016
Il Sole 24 ore - Sanità

Connessi al Centrafrica

31 Ottobre 2016
Vatican Insider

Iraq, Sant’Egidio: servono aiuti umanitari e dialogo per superare la crisi

tutta la rassegna stampa
• NO PENA DI MORTE
31 Ottobre 2014

Inaugurata a Bukavu la campagna "Città per la vita"

12 Ottobre 2014
All Africa

Africa: How the Death Penalty Is Slowly Weakening Its Grip On Africa

20 Settembre 2014

Ciad: il nuovo codice penale prevede l'abolizione della pena di morte

20 Settembre 2014
AFP

In Ciad rischio criminalizzazione gay, ma abolizione pena morte

vai a no pena di morte
• DOCUMENTI

Libia: L'accordo umanitario per il Fezzan firmato a Sant'Egidio il 16 giugno 2016

Burkina Faso - La Paix est l'avenir: Rencontre des religions pour la paix

Comunicato stampa contro i linciaggi in Mali

The Goal of a DREAM

Dichiarazione dell'Unione Africana sul Patto Repubblicano firmato a Bangui

Jean Asselborn

Discours du Vice-Premier ministre, ministre des Affaires étrangères Grand-Duché de Luxembourg Jean ASSELBORN

tutti i documenti
• LIBRI

Eine Zukunft für meine Kinder





Echter Verlag
tutti i libri

FOTO

1307 visite

1346 visite

1366 visite

1323 visite

1333 visite
tutta i media correlati

Per Natale, regala il Natale! Aiutaci a preparare un vero pranzo in famiglia per i nostri amici più poveri