change language
sei in: home - news newslettercontattilink

Sostieni la Comunità

  
19 Dicembre 2017 | ROMA, ITALIA

Da "Buone notizie del Corriere della Sera"

Natale con i ''miei'' a Tor Bella Monaca

La scelta di una diciannovenne di Sant'Egidio cresciuta alla Scuola della Pace

 
versione stampabile

Proponiamo  la testimonianza  di Silvia Pucillo, volontaria della Comunità di Sant’Egidio, pubblicata oggi sul supplemento “Buone notizie” dell Corriere della Sera di oggi, 19/12/2017.

Si dice «Natale con i tuoi» e, certamente, anch'io partecipo alla cena della vigilia con i miei. Ma siccome la mia famiglia da un po' di tempo si è allargata, non potrò mancare anche quest'anno, a mezzogiorno del 25, al Pranzo di Natale della Comunità di Sant'Egidio. E sarò felice di sedermi a tavola con altri «miei», un gruppo di bambini che conosco da tempo e che sono considerati «difficili», perché il quartiere in cui vivono è «difficile»: a Roma, ma forse in tutta Italia, basta dire Tor Bella Monaca per evocare, a torto o a ragione, problemi.

Mi chiamo Silvia, ho 19 anni, studio e abito anch'io in questo quartiere della periferia Est della capitale. Come loro, come i bambini che frequentano la Scuola della Pace della Comunità, dove si impara a crescere con gli altri, a rispettarli, a bandire la violenza, a studiare per andare avanti nella vita, a sognare un mondo diverso. Anch'io, da piccola sono stata una bambina alla Scuola della Pace qui a Tor Bella Monaca. Ora che sono grande restituisco ciò che ho ricevuto aiutando gli altri, chi ha più bisogno di me. Natale per me è un giorno fantastico. Gli invitati al pranzo li conosco tutti, li frequento durante l'anno: sono i minori del nostro quartiere, i bambini rom che abbiamo aiutato a iscriversi alla scuola elementare, altri poveri della zona, tra loro anche alcuni anziani soli. Non è difficile organizzare il Natale con i poveri. Il nostro è solo uno dei tanti che si realizzano in Italia, in Europa e in tutti i continenti: il più famoso è quello che si fa a Santa Maria in Trastevere, ma l'anno scorso hanno partecipato oltre 200 mila persone nel mondo e ho visto le foto dei pranzi in Asia e America Latina, con i bambini di strada, che sono davvero poveri, e quelli fatti con i detenuti di terribili prigioni africane.

A Tor Bella Monaca, anche quest'anno abbiamo girato nelle case per fare gli inviti. Alla fine abbiamo avuto il numero preciso di chi deve venire e, grazie ad una colletta straordinaria, ce l'abbiamo fatta non solo a cucinare un ottimo pranzo, ma anche a preparare i regali personalizzati, divisi per età e per genere, mettendo il nome, che non è assolutamente da dimenticare! Tanti giovani sono venuti ad aiutarci, qui in via dell'Archeologia: ragazzi delle scuole medie e superiori, altri più grandi. Tra le bambine invitate ce n'è una, di sei anni, che è giunta da poco a Roma. Viene da un Paese in guerra e non ha ancora imparato l'italiano. Voglio aiutarla ad avere un futuro migliore. Ma tanti altri, figli di immigrati, sono nati qui e hanno l'accento di Roma più di me. Studiare è importante, ma bisogna dare a tutti le stesse possibilità. Il nostro è un pranzo di pace perché nel quartiere c'è troppa violenza.

Non dimentico la preghiera di tanti più piccoli, che seguiamo durante l'anno, quando dicono «non te ne andare, non voglio tornare a casa». Il nostro non è semplice volontariato: bisogna cambiare le situazioni che incontriamo, le prospettive, il modo di vedere il mondo. Ma è affascinante perché si vedono un po' alla volta i risultati. Molti guardano chi fa volontariato con occhi che si illuminano pensando a tutto quello che si può fare mentre alcuni si fermano pensando di non essere capaci, di non essere adatti. Ma io credo che quasi sempre si possa fare qualcosa. Anzi si può fare molto. Basta che penso alla mia storia. In fondo anch'io, come molti giovani della mia età, potrei definirmi per alcuni aspetti «asociale», un po' chiusa. In altre parole, anch'io «difficile». Chi non lo è? Ma proprio gli amici che vengono con me al pranzo di Natale e, soprattutto, l'amicizia con tanti poveri, mi ha cambiato, mi ha insegnato a stare con gli altri.

APPROFONDIMENTI

IL PRANZO DI NATALE >

IL LIBRO ALLA SCUOLA DELLA PACE >

SOSTIENI I PRANZI DI NATALE CON I POVERI NEL MONDO

Dona Online



 LEGGI ANCHE
• NEWS
26 Dicembre 2017

Guarda la mappa del mondo dove brillano le luci dei pranzi di Natale

IT | EN | ES | DE | FR | PT | CA | NL
25 Dicembre 2017

Natale con Sant'Egidio: la festa dove chi aiuta si confonde con chi è aiutato. Da Roma al mondo

IT | DE | FR
22 Dicembre 2017

Natale: la festa dei valori condivisi da tutti

9 Gennaio 2018

I pranzi di Natale in TV, dall'Italia al mondo intero. Breve rassegna di alcuni réportage video

IT | ES | FR | PT | CA
8 Gennaio 2018

Il 7 gennaio, giorno di Natale per i cristiani d'Oriente, a pranzo con i poveri in Russia, Ucraina e Polonia

tutte le news
• STAMPA
27 Dicembre 2014
Diari de Tarragona

El mejor banquete navideño

24 Dicembre 2014
el Periódico

La Comunidad de Sant'Egidio congrega a 165.000 pobres en una comida de Navidad

6 Gennaio 2013
Nuova Stagione

Incontro alla Scuola della Pace

26 Dicembre 2012
Gazzetta del Sud

Lucia e Carmelo. II mondo non finirà finchè ci saranno persone come loro

20 Dicembre 2012
La Sicilia

Domani sera la «Cena di Natale»

12 Dicembre 2012
La Provincia Pavese

Universitari cucinano per i poveri

tutta la rassegna stampa
• EVENTI
23 Gennaio 2018 | ROMA, ITALIA

Presentazione del libro ''Alla Scuola della Pace. Educare i bambini in un mondo globale''

17 Gennaio 2018 | NAPOLI, ITALIA

Presentazione del libro ''Alla Scuola della Pace - Educare i bambini in un mondo globale''

15 Gennaio 2018 | ROMA, ITALIA

Presentazione del libro ''Alla Scuola della Pace, Educare i bambini in un mondo globale''

tutti gli Incontri di Preghiera per la Pace
• LIBRI

Alla Scuola della Pace





San Paolo
tutti i libri