Riccardi Andrea: sul web

Riccardi Andrea: sui social network

Riccardi Andrea: la rassegna stampa

change language
sei in: home - news contattinewsletterlink

Sostieni la Comunità

  
8 Maggio 2008

Roma: Una casa per chi non ha casa. In un ospedale del centro della città realizzata una struttura di accoglienza per i senza dimora

 
versione stampabile

UNA CASA PER CHI NON HA CASA

A Roma, in un grande ospedale del centro della città, l'Azienda ospedaliera San Camillo- Forlanini, è stata aperta una struttura di accoglienza notturna per 20 persone senza dimora, grazie alla collaborazione tra la Comunità di Sant'Egidio e il personale medico e paramedico dell'ospedale.

 
 

Riportiamo l'articolo apparso sul sito dell'Azienda ospedaliera San Camillo- Forlanini:

Il 4 marzo passato, un po’ in sordina, ha aperto le porte nel cuore del Forlanini una struttura un po’originale per la nostra Azienda Ospedaliera, forse unica nel suo genere nel panorama sanitario nazionale. E’ una casa, per 20 persone che casa non ce l’hanno, dove poter dormire e mangiare un pasto caldo. Non persone qualsiasi, ma abitanti del grande “quartiere” San Camillo-Forlanini. Quindi “cittadini di fatto” che hanno eletto domicilio, chi da qualche mese, alcuni da anni, in un seminterrato del “nuovo traumatologico”, piuttosto che su una panchina del corridoio della “piastra”.
Come è nata?
Da un pensiero, e dall’incontro di alcune persone di buon senso.
Un pensiero: dover risistemare pezzi dell’ospedale da tempo nel degrado, dando però piena dignità a chi, da non poco tempo, del degrado non era certo causa ma piuttosto vittima strutturale.
L’incontro: alcuni colleghi hanno iniziato a raccogliere storie, fili di rapporti con i senza fissa dimora (molti in realtà pazienti, alcuni addirittura ex dipendenti…), incontrando una sensibilità “sommersa” ed un patrimonio umano di solidarietà, di molti lavoratori, talvolta inaspettata. Ed ecco la nascita di un progetto, la ricerca dello spazio più idoneo al Forlanini (con l’idea di lasciare poi la struttura in eredità al territorio), il rapporto con l’Assessorato ai Servizi Sociali (per la gestione ordinaria della struttura), riunioni, l’appoggio deciso del Direttore Generale ed il protocollo d’intesa con il Comune di Roma, giri “seminotturni” nei meandri dei due ospedali, l’aiuto fattivo di amici della Comunità di Sant’Egidio (da 40 anni “in prima linea” nell’amicizia con i poveri di Roma), l’accompagnamento infine dei primi ospiti.
“Stasera cade la manna dal cielo!”: è stata l’espressione di Alberto, quando ha visto un letto vero. “Meno male... stavo davvero per crollare!”: è quanto ha affermato Fabio, incontrato al Pronto Soccorso. La sua storia è emblematica, e penso serva di risposta ai pessimisti del “tanto non risolve nulla” ed ai polemici del “ci sono cose più urgenti”...
Fabio da mesi dormiva seduto al Pronto Soccorso. Perchè? Una separazione, uno sfratto, per fortuna il lavoro come muratore a cottimo è rimasto. Il prezzo del dormire seduto era nel sottoporsi spesso al triage, un po’ per giustificare la presenza, più spesso per problemi veri. Non riuscire mai a sdraiarsi, a riposarsi almeno qualche ora, logora fisicamente, e no solo… Per fortuna siamo arrivati in tempo. Poter riposare, lavarsi, mangiare un pasto caldo, non solo previene malattie ed evita ripetuti ricoveri, ma ti dà quel minimo di forze per continuare a lavorare, quel pizzico di autostima per poter pensare e realizzare una nuova sistemazione.
La casa è all’inizio della sua storia, ma non basta averla affidata ad una Cooperativa per risolvere i problemi di chi incontriamo tutte le mattine, in condizioni di evidente disagio, talvolta psichico, nei giardini del San Camillo piuttosto che nei corridoi del Forlanini. Serve tempo, pazienza, competenza, tatto, amicizia nel saper accompagnare situazioni umane molto diverse tra loro. In queste settimane abbiamo incontrato colleghi che queste qualità ce l’hanno, e che nel silenzio le utilizzano in una vicinanza personale a donne e uomini che altrimenti sarebbero davvero arrivati al naufragio…
Perchè non mettere insieme queste risorse? Chiunque lo volesse, o magari ritiene solo di dover segnalare una situazione, potrà farlo contattando il Servizio Salute e Sicurezza, l’URP, il Servizio Riabilitativo Aziendale, dove troverà quelle persone “di buon senso” che stanno realizzando questo progetto. 

 
 

 LEGGI ANCHE
• NEWS
21 Marzo 2017
PÉCS, UNGHERIA

Persone senza dimora in Ungheria, una liturgia a Pécs in memoria di chi ha perso la vita per il freddo

18 Marzo 2017
ROMA, ITALIA

Nella casa di accoglienza della Comunità per chi non aveva dimora si fa festa con Marco Impagliazzo

IT | FR
18 Marzo 2017

Staffetta di solidarietà per chi non ha casa 13-27 marzo. Condividi con #Gillette #Chiediloapapà

16 Marzo 2017
GENOVA, ITALIA

Anziani, senza casa: ma tutto può cambiare! Succede a Genova

14 Marzo 2017
PALERMO, ITALIA

In tanti ieri a Palermo per ricordare Marcello: ''Costruire città più umane è il nostro compito''

IT | RU
10 Marzo 2017

I prossimi appuntamenti per ricordare le persone senza dimora che hanno perso la vita

tutte le news
• STAMPA
24 Marzo 2017
Corriere della Sera

Insinna: io sto con gli oppressi E diventa icona di Sinistra Italiana

20 Marzo 2017
Main-Post

Zum Gedenken an die Einsamen

12 Marzo 2017
Würzburger katholisches Sonntagsblatt

Nothilfe am Petersdom

11 Marzo 2017
La Repubblica - Ed. Genova

Raddoppiati i bambini tra i nuovi poveri

3 Marzo 2017
Vatican Insider

I funerali cantati per il clochard morto a dicembre

26 Febbraio 2017
Il Mattino

Sant'Egidio: 270 clochard morti in Campania negli ultimi anni

tutta la rassegna stampa
• DOCUMENTI

La guida "Dove mangiare, dormire, lavarsi a Napoli e in Campania" 2016

La Comunità di Sant'Egidio e i poveri in Liguria - report 2015

Sintesi, Rapporti, Numeri e dati sulle persone senza dimora a Roma nel 2015

Le persone senza dimora a Roma

La povertà in Italia

tutti i documenti
• LIBRI

Rapporto sulla povertà a Roma e nel Lazio 2012





Francesco Mondadori

Keerpunt





Lannoo Uitgeverij N.V
tutti i libri

FOTO

1544 visite
tutta i media correlati