Riccardi Andrea: sul web

Riccardi Andrea: sui social network

Riccardi Andrea: la rassegna stampa

change language
sei in: home - news contattinewsletterlink

Sostieni la Comunità

  
22 Settembre 2008

Réportage: Le adozioni a distanza in Vietnam

 
versione stampabile

La Casa famiglia Mai Lien di Ho Chi Minh city

Essere bambine in Vietnam è difficile. Essere bambine poverissime, significa essere esposte ancor di più ai pericoli e alla violenza della vita.

L’eredità della lunga guerra che ha sconvolto il Paese è stata pesante. C’è stato un cambiamento radicale degli stili di vita, e a farne le spese sono state soprattutto le donne, ancorché giovanissime.

Abbiamo iniziato proprio per questo, nel 2003, l’adozione a distanza delle piccole ospiti presso la Casa Mai Lien di Ho Chi Minh City, in Vietnam.



L’istituto accoglie circa trenta bambine, provenienti da famiglie che vivono in estrema povertà, spesso con storie molto difficili, a volte anche di violenza, alle spalle. Il programma delle adozioni a distanza garantisce loro il sostegno alimentare, il pagamento della retta scolastica e il necessario perché crescano in salute.

Dal dicembre 2007, grazie al sostegno delle adozioni, le bambine si sono potute trasferire in una nuova casa, più bella, spaziosa e accogliente. C’è anche una sala di lettura e tra poco saranno acquistati alcuni computer.

Le suore che gestiscono la casa, infatti, insistono molto sulla formazione, sull’insegnare alle bambine delle abilità che le possano aiutare ad avere più opportunità nella vita.

Le bambine di Casa Mai Lien vanno a scuola ogni mattina nel quartiere vicino e al pomeriggio studiano a casa, imparano a suonare uno strumento musicale, praticano alcuni sport. Non mancano di aiutare anche la vita comune della casa. Hanno ripreso a vivere una vita normale, mettendo da parte i tristi ricordi del passato e iniziando a sognare un futuro migliore.

Tra di loro c’è chi sogna di diventare guida turistica, chi da grande vuole fare la fotografa, e c’è chi, già grandicella, ha trovato lavoro in un centro estetico, ed è molto orgogliosa di questo.

 

 

Danang

Danang è una grande città vietnamita, che ospita il porto più importante della zona centro-meridionale del Paese.

E’ qui che i francesi iniziarono la colonizzazione nel 1858, ed è qui che fu installata la base aerea statunitense durante la guerra degli anni sessanta-settanta. Oggi Danang è una città con circa un milione di abitanti. E’ cresciuta in fretta, ha accolto molti profughi; ha un centro commerciale moderno e una vasta periferia poverissima.

Proprio qui, dal 2006 abbiamo iniziato le adozioni a distanza di circa 20 bambini. Le loro famiglie vivono di attività agricole, in case modeste, in mezzo alle risaie della zona. Le abitazioni hanno un piano rialzato dove durante le alluvioni, è possibile rifugiarsi e custodire le cose più preziose che si posseggono. L’acqua può raggiungere anche due metri di altezza, danneggiando ogni cosa.

Con le adozioni a distanza è stato possibile pagare la retta scolastica e il materiale didattico  e spesso si riesce a fare anche qualche miglioria alle povere abitazioni.

Alcune famiglie hanno potuto così installare porte e finestre.

Alcuni mesi fa abbiamo visitato i bambini adottati a distanza ed abbiamo ricevuto una festosa accoglienza. C’era un grande entusiasmo e ci hanno posto tante domande sull’Italia: “Come si mangia in Italia? Ci sono le montagne? Ci salutate il Papa?”

Alcuni dei nostri bambini in adozione a Danang sono disabili, e solo grazie al sostegno che ricevono possono frequentare un centro diurno dove svolgono diverse attività. Si tratta di una vera rivoluzione, perché solitamente in Vietnam chi ha un handicap è relegato in casa e non esce quasi mai.

Anche per loro, con le adozioni a distanza è iniziata una nuova vita.


 LEGGI ANCHE
• NEWS
20 Novembre 2016

Giornata mondiale dei diritti dell'infanzia: Sant'Egidio dalla parte dei bambini

IT | ES | DE | PT | HU
29 Settembre 2016

Pace in Colombia: la speranza dei bambini adottati a distanza

IT | ES | DE
18 Luglio 2016
CATIÓ, GUINEA-BISSAU

Con le adozioni a distanza, la scuola di São Bento cresce insieme ai suoi studenti

IT | ES | DE | FR | PT
17 Marzo 2016
GENOVA, ITALIA

Bambini e rifugiati, un ponte di dialogo e speranza. Il racconto dei Giovani per la Pace di Genova

IT | DE
25 Febbraio 2016

Come si ferma la guerra? Rispondono i bambini della Scuola della Pace di Spinaceto

IT | RU
16 Dicembre 2015

Quest'anno, a Natale, adotta a distanza un bambino del Malawi! #mercychristmas

IT | ES
tutte le news
• STAMPA
11 Novembre 2014
Regió7

La comunitat de Sant Egidi comença a recollir joguines

1 Luglio 2014
L'Osservatore Romano

Risposte da dare

24 Maggio 2014
Il Piccolo

Comunità di Sant'Egidio 25 anni di impegno in aiuto ai più deboli

19 Febbraio 2014
Famiglia_Cristiana.it

Fuori dall'ombra con Sant'Egidio

5 Gennaio 2014
La Stampa.it

Ecco chi resiste alla fuga dalle scuole

18 Dicembre 2013
Corriere della Sera

Buonissimo Natale a tutti quanti

tutta la rassegna stampa
• DOCUMENTI
Comunità di Sant'Egidio

La mensa per i poveri di Via Dandolo

Saluto del Presidente Mario Monti

Bambini e ragazzi di origine straniera per una legge sulla cittadinanza nell’interesse del Paese

tutti i documenti
• LIBRI

Keerpunt





Lannoo Uitgeverij N.V
tutti i libri

FOTO

172 visite

182 visite

167 visite

199 visite

170 visite
tutta i media correlati
APPROFONDIMENTI

 

Per adottare a distanza un bambino ci si può rivolgere a:

Segreteria delle
adozioni a distanza
Comunità di Sant'Egidio
lun-gio-ven h.9,30-13.30
Tel. 06.5814217

oppure tramite e-mail

Per Natale, regala il Natale! Aiutaci a preparare un vero pranzo in famiglia per i nostri amici più poveri