Riccardi Andrea: sul web

Riccardi Andrea: sui social network

Riccardi Andrea: la rassegna stampa

change language
sei in: home - news contattinewsletterlink

Sostieni la Comunità

  
17 Novembre 2008

Parlano il cardinale di Cracovia, rabbi Rosen e il teologo islamico Esslimani

Confronto a più voci a Cipro 2008 sulla figura di Giovanni Paolo II

 
versione stampabile

Programma
I luoghi
Trasmissioni
TV Web Sat
Stampa
Tutti i video dell'evento

La vita di Giovanni Paolo II è stata costellata di interventi riservati ed efficaci per salvare vite e per promuovere in ogni circostanza la pace. Nuovi particolari su di lui sono emersi al meeting di Cipro ‘La civiltà della pace: religioni e culture in dialogo’ promosso dalla Comunità di Sant’Egidio con l’arcidiocesi ortodossa dell’isola. Li ha svelati il cardinale arcivescovo di Cracovia Stanislaw Dziwisz in un confronto a più voci su Giovanni Paolo II, il fondatore dello “spirito di Assisi”  che lungo 22 tappe, dal 1986, è stato raccolto e diffuso da Sant’Egidio. Sono passati 22 anni da quel primo incontro che ha aperto nuove prospettive all’umanità, un vero e proprio cantiere al quale Wojtyla ha dato l’impronta.  Wojtyla, spiega Dziwisz, colse nuove situazioni e sfide grazie a una sensibilità maturata in una fede profonda e al confronto, vissuto, con due totalitarismi, il nazismo e il comunismo. “Diventato Papa – racconta il cardinale – sentiva la responsabilità di dovere guidare non soltanto la chiesa cattolica, ma anche di dovere entrare in dibattito sui grandi problemi del mondo d’oggi, per servire l’uomo, indipendentemente dalla sua razza, lingua e religione”. Risultato: contatti ecumenici con le altre chiese e comunità ecclesiali, dialogo con le grandi religioni e, più in generale, con gli uomini di buona volontà. Ed ecco una sorta di metodologia: di fronte a conflitti, tensioni, attacchi terroristici, Giovanni Paolo II convocava colloqui con i suoi più stretti collaboratori, traducendoli in interventi pubblici e in interventi “spesso riservati, ma efficaci”. Sottolinea Dzwisz che “è difficile contare tutti i suoi appelli per salvare la vita delle persone, per alleviare le sofferenze di vittime innocenti, per salvare la pace”. Se un’arma aveva era quella della preghiera. Tutti questi problemi li portava a Dio. “Mai dimenticherò la figura del Santo Padre in ginocchio, davanti all’altare, dopo aver appreso la notizia su un avvenimento che minacciava la pace nel mondo”. “La pace è il risultato del rispetto della verità, della dignità della persona umana, della libertà e Giovanni Paolo II non si risparmiava per contribuire alla realizzazione di queste condizioni… creava occasioni di incontri”

Espressione forte di questo stile interiore è stata la Giornata mondiale di preghiera per la pace ad Assisi, il 27 ottobre 1986. Wojtyla sapeva bene che la pace non si costruisce da soli e cercava di coinvolgere sempre più persone possibili: “Uno degli ambienti che comprendeva e condivideva il suo desiderio di pace e sul quale egli volentieri si appoggiava era l’ambiente della Comunità di Sant’Egidio, che divenne uno degli eccezionali strumenti di questo coinvolgimento”. Non a tutti erano chiare le prospettive di dialogo inaugurate ad Assisi dal Papa. All’inizio, infatti, sembrava la preghiera dei rappresentanti delle religioni per la pace “sarebbe stata un’occasione puntuale, senza continuità. Ben presto però divenne chiaro che questo evento apriva una nuova strada, apriva un nuovo orizzonte che andava ben oltre gli schemi a cui eravamo abituati e richiedeva il coinvolgimento di tutte le forze della Chiesa”. Fu così anche per la giornata dell’incontro con i giovani musulmani, nello stadio, gremito, di Casablanca nell’agosto del 1985. Allora i dubbi che furono opposti al Papa erano sull’inopportunità di parlare di Gesù ma Wojtyla rispose “i giovani sanno che sono il pastore della Chiesa cattolica. “Quei giovani – ricorda Dzwisz – non ebbero il discorso prima che venisse pronunciato, ma lo ascoltarono con attenzione applaudendo con intensità molti passaggi che li toccavano”. “Wojtyla ha vissuto l’indispensabilità dell’incontro diretto e ha riproposto la Chiesa come segno e strumento dell’unità della famiglia umana, per cui esistono le differenze, ma non ci separano”, sottolinea monsignor Vincenzo Paglia, vescovo di Terni, che ha moderato il confronto.

“Wojtyla ha cercato di definire linee di comportamento comuni per vivere l’unità nella diversità”. Per il teologo islamico Mohammed Esslimani, una fede radicata, come in Giovanni Paolo II, nel dialogo con Dio, elimina molti motivi di separazione. “Ricordo la visita a Casablanca – ha spiegato - Ha avuto un impatto notevole perchè per noi il cristianesimo nel Nord Africa era connesso al colonialismo.  La visita del Papa ha cancellato questa immagine cupa che c'era presso la gente”. Il mondo islamico continua a ricordare questo Papa per la sua posizione dopo l’11 settembre, tesa ad evitare guerre, e “perché nuotava controcorrente”. Il raduno di Assisi, in particolare, è stato “eccezionale sotto ogni punto di vista. Da allora ne ricaviamo ottimi orientamenti”.

Rabbi David Rosen, presidente dell’International Jewish Committee for Interreligious consultations, di Israele, nota come “per Wojtyla, il rapporto con gli ebrei non era una questione teorica o prettamente teologica, ma parte integrante della sua stessa vita, plasmata dalle amicizie della sua gioventù e segnata dal trauma della Shoah e dalle sue implicazioni”. La visita alla sinagoga di Roma nel 1986 e il suo pellegrinaggio in Terra Santa nel 2000 “hanno avuto un effetto straordinario sul modo in cui gli ebrei hanno cominciato a vedere la Chiesa, ma non hanno avuto un effetto meno importante sul modo in cui in particolare i cattolici, e più in generale i cristiani, hanno cominciato a vedere gli ebrei, l’ebraismo e lo Stato ebraico”. Indubbiamente “davanti a noi ci sono ancora delle sfide per il rapporto tra cristiani ed ebrei e sarebbe irrealistico aspettarci che non ce ne fossero. Tuttavia questo rapporto riflette una delle più straordinarie trasformazioni della storia, dal rifiuto all’amore, dall’alterità alla riconciliazione, dalla violenza all’abbraccio; e in questo processo Giovanni Paolo II fu davvero un grande profeta di pace”.

Il metropolita ortodosso Serafim, del patriarcato di Romania, riconosce in Giovanni Paolo II il profilo dell’ “avvocato dei poveri”. “Nei suoi più di cento pellegrinaggi su scala planetaria – spiega-  il suo messaggio di fede, di fiducia e di pace ha toccato i cuori di milioni di persone delle culture più diverse”. Non ha smesso di condannare la guerra e di farsi mediatore nei conflitti del mondo “e poichè la guerra è provocata spesso dalla povertà, si è sempre fatto avvocato dei poveri. Ha condannato senza riserve il Nord opulento che si arricchisce a scapito del sud povero ed esortò la condivisione dei beni materiali”.

Nel tracciarne un ritratto a tutto campo, lo storico Jean Dominique Durand, ricorda do Wojtyla l’espressione  “Non abbiate paura”, un’affermazione “che implicava un diritto all’intervento, all’ingerenza nella vita internazionale e nella vita degli Stati per condurre il mondo sulla via del progresso, della civiltà, della pace”.


 LEGGI ANCHE
• NEWS
19 Novembre 2016

Il patriarca della Chiesa assira Mar Gewargis III visita Sant'Egidio: "Questa fraternità ci dà speranza"

IT | ES | DE | PT | CA | HU
4 Novembre 2016
LOME, TOGO

Lo Spirito di Assisi continua a soffiare in Africa: l'incontro ''Sete di Pace'' in Togo

IT | ES
3 Novembre 2016
BUDAPEST, UNGHERIA

Spirito di Assisi in Ungheria: cristiani, ebrei e musulmani si incontrano a tavola con i poveri di Budapest

IT | ES | DE | FR | RU
2 Novembre 2016
ROMA, ITALIA

Firmato l'Accordo di amicizia tra Sant'Egidio e Rissho Kosei-kai: dialogo e passione per le sfide del nostro tempo

IT | ES | DE | FR | PT | RU
27 Ottobre 2016

A 30 anni dalla preghiera per la pace di Assisi: l'impegno delle religioni necessario per arginare guerre e terrore

IT | ES | DE | FR
27 Ottobre 2016

Lo Spirito di Assisi ancor più necessario in un mondo lacerato da guerre e divisioni

IT | ES
tutte le news
• STAMPA
28 Novembre 2016
FarodiRoma

La preghiera per la pace da Wojtyla a Bergoglio in un libro di Paolo Fucili

18 Novembre 2016
Avvenire

Il convegno. Cattolici ed evangelici il dialogo «del fare»

18 Novembre 2016
L'Osservatore Romano

Insieme per la pace

18 Novembre 2016
SIR

Ecumenismo: mons. Spreafico, “una spinta per le nostre Chiese ad uscire”

3 Novembre 2016
Zenit

Sant’Egidio: accordo di amicizia con la Rissho Kosei-kai

27 Ottobre 2016
Avvenire

Cristianesimo e islam la giornata del dialogo. Un mondo migliore è l’orizzonte di tutti

tutta la rassegna stampa
• DOCUMENTI

ASSISI 2016 - il programma in pdf

Ahmad Al Tayyeb - Oriente e Occidente - Dialoghi di civiltà - Parigi 2016

Andrea Riccardi - Oriente e Occidente - Dialoghi di civiltà

Incontro di Preghiera per la Pace

tutti i documenti
• LIBRI

L'abbraccio di Gerusalemme





Paoline

il senso della vita





Francesco Mondadori
tutti i libri

Per Natale, regala il Natale! Aiutaci a preparare un vero pranzo in famiglia per i nostri amici più poveri