Riccardi Andrea: sul web

Riccardi Andrea: sui social network

Riccardi Andrea: la rassegna stampa

change language
sei in: home - news contattinewsletterlink

Sostieni la Comunità

 
13 Agosto 2001

Albania e Kosovo - Oltre tremila bambini alle colonie della Scuola della pace

 
versione stampabile

Sono oltre tremila i bambini e gli adolescenti che hanno preso parte alle colonie organizzate dalla Comunità a Tirana e Lezhe in Albania, ed a Bellobrad in Kosovo, dalla metà di luglio fino ad oggi. 

Mira Gianturco, Luca Calligara e Elena Sibani di Roma e Gianfranco Giromini di Novara sono tornati da poco dall’Albania e dal Kosovo. Come molte altre persone delle Comunità di Sant’Egidio europee, hanno trascorso lì parte dell’estate, organizzando le colonie della Scuola della Pace per centinaia, anzi per circa tremila, tra bambini ed adolescenti albanesi e kosovari. 

Si tratta della tappa di un’amicizia che dura da tempo, cominciata, per molti, nei campi profughi di Kukes e di Lezhe, durante la guerra del 1999, per altri, ancora prima.

Mira: Tra il mese di luglio e di agosto, abbiamo organizzato 16 colonie estive della durata di una settimana ciascuna, in molte località dell’Albania, a Tirana, a Lezha e nei villaggi vicini di G. Kastriot, G. Fishta, Shen Gjin, Tresh, Ishull Lezhe, ed a Bellobrad, in Kosovo. Noi eravamo circa 15 per ogni Scuola della Pace. A noi si sono affiancati adolescenti e giovani albanesi, sia per farci da interpreti, sia per il desiderio di collaborare. 
Il numero dei bambini che hanno partecipato alle nostre attività di “Scuola della Pace” ha superato ogni aspettativa. La maggior parte delle colonie aveva più di duecento iscritti. 

Luca: Per esempio, a Bellobrad, in Kosovo, ci aspettavamo circa 80 bambini ed anche lì siamo arrivati ad oltre duecento. Arrivavano a piedi o in bicicletta, dai villaggi vicini, ogni mattina, portando fratellini ed amichetti. 
Bellobrad è un piccolo paese di montagna, a 1.200 metri di altezza, non lontano da Prizren. Da lì provenivano molti dei kosovari che avevamo conosciuto nei campi profughi di Kukes, durante la guerra, quando erano stati costretti a lasciare le loro case.

Gianfranco: Non potrò mai dimenticare le loro facce quando ci hanno rivisto. Lo stupore: che ci fate, voi, qui? E poi una gioia incontenibile: i bambini ti saltavano al collo, mentre gli adulti si esprimevano in modo più contenuto, ma ci hanno accolto nelle loro case come si fa con un parente, un amico… gli amici dei momenti difficili.

Mira: Dopo qualche giorno di Scuola della pace, a Bellobrad è arrivato Feisal, di 14 anni. Si è presentato a scuola con la sua “carta di identità”: una foto fatta a Kukes con Baldo, un amico della Comunità. Aveva sentito dire che c’erano degli italiani ed era venuto a piedi dal suo villaggio, sperando che fossero i suoi amici: era proprio così. 

Gianfranco: Durante la colonia in Kosovo abbiamo organizzato delle feste nei villaggi. Era un modo di portare il messaggio della “Scuola della Pace” a tutti e di curare le ferite della guerra. 

Luca: Perché le colonie non avevano solo uno scopo ricreativo. Quello che si fa alla Scuola della Pace è fondare una vera e propria cultura della pace e della coabitazione. Tutte le nostre attività erano finalizzate a sottolineare l’importanza di conoscere ed amare la diversità. 

Mira: E’ in uno di questi villaggi che abbiamo incontrato dei profughi macedoni. In questo periodo, a causa delle gravi tensioni che ci sono in Macedonia, circa 10.000 macedoni di etnia albanese si sono rifugiati in Kosovo. Molti di loro sono stati accolti proprio nei villaggi di montagna attorno a Prizren. 

Gianfranco: Dopo questo incontro, abbiamo accolto dei bambini macedoni alla Scuola della Pace assieme al loro maestro.

Elena: In Albania, nella scuola di Shen Gjin, abbiamo accolto anche molti bambini zingari, che normalmente non vanno a scuola, infatti non sapevano leggere e scrivere. Allora abbiamo fatto una scuola di alfabetizzazione con 60 di loro. Era la prima volta che andavano a scuola e si sono trovati bene con gli altri.

Mira: A Tirana e a Lezhe, abbiamo fatto fino a 6 colonie di “Scuola della pace” contemporaneamente. Lì la situazione è diversa dalle montagne del Kosovo: sono le città più grandi dell’Albania e molti sono i ragazzi che passano le giornate per strada. Fare scuola della pace ha significato allargare gli orizzonti, parlare del mondo, dell’Africa, del lavoro minorile.
Da qui, è nato un gesto di solidarietà concreta: i ragazzi albanesi delle scuole della pace hanno organizzato un piccolo mercato di oggetti che loro stessi hanno realizzato durante le colonie per mandare il ricavato in Mozambico. 

Elena: Si. I ragazzi ed i bambini hanno preparato per tutta la settimana diversi oggetti da vendere: candele, uova, e sassi dipinti, giocattolini fatti con materiali di recupero che sono stati venduti in un piccolo bazar allestito per l'occasione. Con il ricavato, 16400 lek, circa 250.000 lire si potrà acquistare materiale didattico per una classe mozambicana per un anno. L'iniziativa non ha precedenti in Albania.


 LEGGI ANCHE
• NEWS
29 Agosto 2016
ABIDJAN, COSTA D'AVORIO

Con gli occhiali nuovi alla Scuola della Pace di Abidjan

IT | ES | DE | FR | PT | CA
23 Agosto 2016
MAPUTO, MOZAMBICO

I bambini di Matola alla scoperta della città con gli amici di Barcellona e di Livorno

IT | ES | DE | FR | PT | CA | RU
23 Luglio 2016
ADJUMANI, UGANDA

La School of Peace per i bambini profughi del Sud Sudan diventa ancora più grande e bella

IT | EN | ES | DE | FR | PT
16 Luglio 2016
ROMA, ITALIA

Dopo l'attentato di Nizza, centinaia di Giovani per la Pace a Parigi: Vogliamo ponti non muri #changeyourEurope

IT | ES | DE | FR | CA | RU | HU
9 Luglio 2016
ABIDJAN, COSTA D'AVORIO

Assemblea con i bambini della Scuola della Pace della bidonville di Boribana e con i ragazzi di strada a Treichville

IT | DE | FR | PT
8 Luglio 2016
MALAWI

Nel campo profughi di Luwani, dove sono migliaia di mozambicani, arrivano gli aiuti di Sant'Egidio Malawi

IT | EN | ES | DE | FR | PT | CA | RU
tutte le news
• STAMPA
9 Settembre 2016
Popoli e Missione

William Quijano: Nel paese degli scontri un giovane coltiva l’arte dell’incontro

22 Agosto 2016
La Stampa

Andrea Riccardi: "Pagare per la cittadinanza europea questa è la peggior globalizzazione"

12 Agosto 2016
Münchner Merkur

Sommerlager für Flüchtlingskinder: Ein Stückchen Heimat auf dem Bauernhof

2 Agosto 2016
kath.ch

«Wer willkommen geheissen wird, radikalisiert sich kaum»

4 Luglio 2016
Tagespost

Europa ohne Mauern bauen

3 Luglio 2016
Avvenire

Interventi. «Sì» a un Continente costruttore di ponti

tutta la rassegna stampa
• NO PENA DI MORTE
2 Luglio 2014

Sant'Egidio nella "task force" per la lotta alla pena di morte istituita dal governo italiano per il semestre europeo

vai a no pena di morte
• DOCUMENTI

Non muri ma ponti: il messaggio di Andrea Riccardi al 4° congresso di 'Insieme per l'Europa'

Marco Impagliazzo: Il sogno di un'Europa che promuova la società del vivere insieme e la pace

Libia: L'accordo umanitario per il Fezzan firmato a Sant'Egidio il 16 giugno 2016

Walter Kasper

Laudatio per il prof. Andrea Riccardi in occasione del conferimento del Premio Umanesimo 2016 a Berlino

Jean Asselborn

Discours du Vice-Premier ministre, ministre des Affaires étrangères Grand-Duché de Luxembourg Jean ASSELBORN

tutti i documenti
• LIBRI

Martiri d'Albania (1945-1990)





La Scuola

Trialoog





Lannoo Uitgeverij N.V
tutti i libri

FOTO

483 visite

448 visite

369 visite

359 visite

487 visite
tutta i media correlati