Riccardi Andrea: sul web

Riccardi Andrea: sui social network

Riccardi Andrea: la rassegna stampa

change language
sei in: home - news contattinewsletterlink

Sostieni la Comunità

  
22 Dicembre 2009

Appello della Comunità di Sant'Egidio ai deputati italiani sulla riforma della legge sulla cittadinanza

 
versione stampabile

 “Siamo preoccupati per il testo base su cui inizierà la discussione sulla riforma della cittadinanza. Dopo tanto parlare, il testo è un passo indietro rispetto alla legge attuale.

Sono anni che segnaliamo un anacronismo tra la nostra legge sulla cittadinanza e la realtà del Paese e dei nuovi cittadini; pensiamo soprattutto ai bambini nati e cresciuti in Italia, a quelli che vi sono giunti da piccoli e hanno frequentato le nostre scuole: non sono minimamente considerati”.
 
Alla vigilia dell’inizio della discussione in Parlamento relativa alla riforma della legge sulla cittadinanza, il presidente della Comunità di Sant’Egidio Marco Impagliazzo, lancia un appello ai parlamentari di tutte le forze politiche:
 
“In Italia ci sono 800.000 bambini immigrati (il 23% del totale degli immigrati), e tra loro oltre 500.000 sono nati in Italia: perché continuare a trattarli da “stranieri”, complicando il loro percorso di inclusione nel Paese che già considerano il loro?
Mi auguro che il 2010 sia l’anno in cui il nostro Parlamento sappia promuovere una legge che può cambiare la vita di migliaia di persone, ma anche il futuro del nostro Paese”.
 
In particolare auspichiamo:
 
  • Che sia attribuita la cittadinanza, al momento della nascita, al bambino nato in Italia da genitori stranieri già regolarmente soggiornanti, i quali mostrino in concreto di volersi inserire nella società italiana.
 
  • Che al positivo inserimento del minore nel nostro Paese, anche se nato all’estero, corrispondano adeguate modalità di attribuzione della cittadinanza, già prima del compimento della maggiore età; rendendo altresì disponibili procedure opportunamente agevolate di naturalizzazione nei primi anni dell’età adulta per coloro che siano comunque giunti durante la minore età in Italia.
 
  • Che a coloro che diventano cittadini non venga anacronisticamente imposta la rinuncia alla cittadinanza di origine, salva la ricorrenza di imperiose, specifiche ed eccezionali esigenze di politica estera e di interesse nazionale.
 
  • Che ai giovani nati o vissuti in Italia sin dalla tenera età, ma già divenuti maggiorenni sotto il vigore della legge n.91/1992, sia transitoriamente consentito di valersi delle nuove regole di acquisto della cittadinanza durante la minore età.
 

 LEGGI ANCHE
• NEWS
27 Marzo 2017
ROMA, ITALIA

Anziani romani e migranti insieme per dire NO al razzismo

17 Marzo 2017
ROMA, ITALIA

I mediatori interculturali sono ponti a due sensi: aiutano gli immigrati ma anche le istituzioni italiane

IT | HU
17 Marzo 2017
LIVORNO, ITALIA

Storia e futuro nel Mediterraneo: a Livorno il convegno internazionale Medì

15 Marzo 2017
ROMA, ITALIA

Immigrazione, Sant’Egidio inaugura con il ministro Fedeli due corsi universitari per mediatori interculturali

4 Marzo 2017
LUCCA, ITALIA

I Giovani per la Pace di Lucca e i profughi siriani incontrano il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella

3 Marzo 2017
ITALIA

Incendio nella baraccopoli in Puglia: è inaccettabile la morte di due migranti africani

IT | ES | DE
tutte le news
• STAMPA
17 Marzo 2017
Sette: Magazine del Corriere della Sera

Andrea Riccardi: Le politiche sulle migrazioni devono partire dai giovani africani che usano Internet e il cellulare

28 Febbraio 2017
Corriere.it

Andiamo a convivere? Le nonne vanno a convivere per resistere alla crisi

27 Febbraio 2017
L'huffington Post

Andrea Riccardi: Un anno di corridoi umanitari. L'integrazione protegge più dei muri

23 Febbraio 2017
Main-Post

Abschiebung in die Ungewissheit

21 Febbraio 2017
Famiglia Cristiana

Se sei disabile non puoi diventare italiana: la storia di Cristina

13 Febbraio 2017
Roma sette

Migrantes e Sant’Egidio: delusione per interventi su migranti

tutta la rassegna stampa
• DOCUMENTI

Appello al Parlamento ungherese sui profughi e i minori richiedenti asilo

Corso di Alta Formazione professionale per Mediatori europei per l’intercultura e la coesione sociale

Omelia di S.E. Card. Antonio Maria Vegliò alla preghiera "Morire di Speranza". Lampedusa 3 ottobre 2014

Omelia di S.E. Card. Vegliò durante la preghiera "Morire di speranza"

Nomi e storie delle persone ricordate durante la preghiera "Morire di speranza". Roma 22 giugno 2014

Le vittime dei viaggi della speranza - grafici

tutti i documenti
• LIBRI

Le città vogliono vivere





Giuliano Ladolfi Editore

Trialoog





Lannoo Uitgeverij N.V
tutti i libri

FOTO

1195 visite

1168 visite

1134 visite

1199 visite

1183 visite
tutta i media correlati