Riccardi Andrea: sul web

Riccardi Andrea: sui social network

Riccardi Andrea: la rassegna stampa

change language
sei in: home - news contattinewsletterlink

Sostieni la Comunità

  
19 Gennaio 2010

Mentre inizia lo sgombero di Casilino 900 si trasferiscono forzatamente in un centro profughi i bambini Rom di Salone nati in Italia

Comunicato Stampa: La Comunità di Sant’Egidio esce dal “Tavolo per il Piano Nomadi” del Comune di Roma

 
versione stampabile

La Comunità di Sant’Egidio esprime seria preoccupazione per come si sta attuando il “piano nomadi” a Roma. In particolare il dissenso con i soggetti attuatori del Piano è dovuto ad alcune operazioni nel campo di Salone in cui sono state allontanate famiglie con bambini nati in Italia. Si tratta di persone che abitavano in un campo attrezzato, controllato con telecamere e sorveglianza 24h al giorno. Quindi non c’è nessun motivo reale di trasferimento al Centro di Accoglienza per richiedenti asilo (CARA), struttura pensata per accogliere profughi giunti in condizioni precarie in Italia.

Queste famiglie rom potevano rimanere nel Campo e attendere l’esito della Commissione per la richiesta d’Asilo, continuando a vivere nella normalità e a mandare i loro figli a scuola. Bambini inseriti felicemente nelle strutture scolastiche di zona si vedono allontanati dalla propria casa e dalla scuola senza fondati motivi. La Comunità di Sant’Egidio è convinta che la vera integrazione passi per il rispetto dei bambini e la loro educazione.

Si segnala inoltre che il trasferimento al CARA fa passare i Rom, che nel campo pagavano le utenze e il loro sostentamento, a totale carico dello Stato.

Dei 128 Rom di Salone che si vogliono inviare al CARA 74 sono bambini nati in Italia.

Inoltre, al contrario di ciò che è stato affermato dal Prefetto, il trasferimento al Centro di Accoglienza per richiedenti asilo di Castelnuovo di Porto non è avvenuto in accordo con i Rom, i quali sono stati minacciati di esecuzione forzata, tanto che hanno fatto ricorso ai loro avvocati.

Oltre a ciò, è stato affermato ieri dal Sindaco che il trasferimento dei Rom di Salone “è la premessa per cominciare poi lo sgombero del Casilino 900”. Temiamo che quello che sta accadendo in queste ore diventi un triste gioco dell’oca ai danni dei Rom: per dare condizioni di vita degne ad alcuni, si rende la vita impossibile ad altri.

Inoltre l’assoluta non considerazione per lungo tempo di una serie di proposte sul Piano Nomadi fatte dalla Comunità e frutto di un’esperienza di più di trenta anni a fianco dei Rom della capitale, fa mancare i presupposti di un dialogo con il Commissario straordinario per l’emergenza nomadi, prefetto Pecoraro, e il Comune di Roma che ne è il soggetto attuatore.

Per questi motivi la Comunità di Sant’Egidio esce dal Tavolo Rom istituito dal Comune di Roma per discutere il piano Nomadi con le associazioni cattoliche.

La Comunità di Sant’Egidio continuerà a dare il suo contributo all'integrazione dei Rom nella città di Roma, a partire dai bambini, disponibile come sempre a collaborare con chi, nel rispetto di ogni persona, vuole costruire una città umana per tutti.


 LEGGI ANCHE
• NEWS
25 Maggio 2017
ROMA, ITALIA

Presentazione del libro "Rifugi e ritorni" di Filippo Grandi. IL VIDEO

22 Maggio 2017
MILANO, ITALIA

Milano risponde al razzismo con un #20maggiosenzamuri: il realismo dell’accoglienza

IT | ES | CA
17 Maggio 2017
ANVERSA, BELGIO

Prove di convivenza e integrazione nelle periferie multietniche del Belgio

IT | ES | FR | CA
13 Maggio 2017
ROMA, ITALIA

Per una città senza violenza: in memoria delle tre sorelle rom morte nel rogo di Centocelle

12 Maggio 2017
ROMA, ITALIA

''Un futuro migliore per i bambini e le bambine rom che vivono nella nostra città''. Le parole di Marco Impagliazzo

12 Maggio 2017
ROMA, ITALIA

Photogallery della veglia di preghiera in ricordo di Francesca, Angelica ed Elisabeth

tutte le news
• STAMPA
19 Maggio 2017
Corriere della Sera On Line

Rom, con una casa un futuro diverso è possibile

18 Maggio 2017
Famiglia Cristiana

Bruciate vive? Erano rom.

12 Maggio 2017
Il Messaggero

La tragedia di Centocelle. Il dolore della madre

12 Maggio 2017
La Repubblica - Ed. Roma

Rom uccise, dolore e polemiche

12 Maggio 2017
Roma sette

Rogo di Centocelle: Roma prega per le sorelle arse vive

12 Maggio 2017
Radio Vaticana

Rogo a Centocelle. Promosse manifestazioni di solidarietà

tutta la rassegna stampa
• EVENTI
17 Maggio 2017 | ROMA, ITALIA

I profughi e noi. Incontro con Alejandro Solalinde, difensore dei diritti dei migranti in Messico

14 Maggio 2017 | MILANO, ITALIA

''Le rotte dell'accoglienza'', un incontro per parlare di migrazioni e dei corridoi umanitari

tutti gli Incontri di Preghiera per la Pace
• DOCUMENTI

Appello al Parlamento ungherese sui profughi e i minori richiedenti asilo

Corso di Alta Formazione professionale per Mediatori europei per l’intercultura e la coesione sociale

Omelia di S.E. Card. Antonio Maria Vegliò alla preghiera "Morire di Speranza". Lampedusa 3 ottobre 2014

Nomi e storie delle persone ricordate durante la preghiera "Morire di speranza". Roma 22 giugno 2014

Omelia di S.E. Card. Vegliò durante la preghiera "Morire di speranza"

Le vittime dei viaggi della speranza - grafici

tutti i documenti
• LIBRI

''Una giornata particolare''





Tau Editrice
tutti i libri

FOTO

1160 visite

1223 visite

1207 visite

1151 visite

1174 visite
tutta i media correlati