Riccardi Andrea: sul web

Riccardi Andrea: sui social network

Riccardi Andrea: la rassegna stampa

change language
sei in: home - news contattinewsletterlink

Sostieni la Comunità

  
17 Agosto 2010

Pakistan: La Comunità di Sant'Egidio in soccorso della popolazione vittima delle alluvioni

 
versione stampabile

"Il disastro in Pakistan è immenso, come non si era mai visto nella storia di questo paese. I profughi che stanno arrivando nelle città sono milioni e hanno bisogno davvero di tutto". Inizia così il racconto di Stephen Sadiq, il responsabile della Comunità di Sant'Egidio a Islamabad, che in questi giorni si è mobilitata per portare i primi soccorsi alle vittime delle alluvioni.

Un gruppo della comunità di Islamabad si è ripetutamente recato nella zona di Nowshera, a circa 110 km dalla capitale, nei territori di frontiera del Nord-Ovest, in direzione di Peshawar. E' una zona già estremamente provata dai continui scontri tra talebani, esercito pakistano, esercito americano e altre fazioni tribali. Ogni anno in questo periodo è funestata dalle piogge torrenziali e dalle piene del fiume Indus.

Le scarse canalizzazioni risalgono al periodo del colonialismo inglese e spesso sono inefficienti. C'è una grande diga costruita dagli italiani negli anni 60 che alimenta una centrale elettrica e le coltivazioni dell'intera regione. Anche le vie di comunicazione sono impervie e in pessime condizioni. La piena si è poi spostata fino ad arrivare nella zona di Karachi, seminando morte e devastazione lungo i circa 1000 km del fiume.
Una prima raccolta di aiuti di emergenza, fatta ad Islamabad, ha permesso di procedere alla distribuzione di acqua e generi alimentari, come il pane o i datteri per celebrare il Ramadan, lungo l'autostrada che porta alla capitale, dove c'è un'immensa fila di persone che non hanno più niente, solo i vestiti che indossano; gruppi di donne e bambini non mangiavano da diversi giorni. Tanti sono scalzi. Non possono neanche tornare indietro perchè le strade semplicemente non ci sono più, inghiottite dall'acqua o distrutte.

Un'altra distribuzione è stata effettuata in una tendopoli realizzata da una ONG musulmana. Nessuno però aveva ancora portato cibo, medicine o  altre cose necessarie per resistere. Gli aiuti sono stati un'occasione preziosa per parlare con le vittime; il dolore e la rabbia per non avere ricevuto assistenza hanno lasciato pian piano spazio alla calma e alla gratitudine per i nuovi amici cristiani, sconosciuti e inaspettati giunti dalla capitale. I racconti esprimono la sofferenza e l'angoscia di aver visto impotenti crollare le case, morire tante persone e anche il bestiame che dava sostentamento a questi già poveri pastori e contadini. Altri sono morti o si sono ammalati gravemente per il tempo torrido e l'acqua contaminata. I bisogni più urgenti sono teli di plastica da usare come pavimento nelle tende, materassi, cuscini, lenzuola, zanzariere contro la malaria, latte per bambini e neonati, acqua potabile, utensili per cucinare, medicine e vestiti.

Anche più a sud, attorno a Lahore, ci sono molti sfollati, talvolta trasportati dai convogli militari che hanno effettuato i soccorsi, ma non sono in grado di fornire ulteriore assistenza. Lì, a Sheikupura e a Sargodha sono state organizzate raccolte nei giorni scorsi, alcune in collaborazione con la Caritas.
Oggi e domani la comunità di Lahore effettuerà dei sopralluoghi per capire come aiutare e dove distribuire. Giovedì a Lahore e sabato a Islamabad si svolgeranno delle preghiere in memoria delle vittime e di chi ha perso tutto.

Immagini

 


APPROFONDIMENTI
SOLIDARIETA’ CON LE VITTIME DELLE ALLUVIONI IN PAKISTAN:

DONAZIONE ONLINE
causale "Emergenza Pakistan"


oppure

c/c bancario e postale
807040
Comunità di S.Egidio-ACAP Onlus
IBAN: IT67D0760103200000000807040

SWIFT:
BPPIITRRXXX
 LEGGI ANCHE
• NEWS
1 Luglio 2015
KARACHI, PAKISTAN

Pakistan: Sant'Egidio attiva una rete di solidarietà per proteggere la vita degli anziani a Karachi

IT | EN | ES | DE | FR
14 Agosto 2017

Le Scuole della Pace del Pakistan in festa per i 70 anni dell'indipendenza del Paese

IT | ES | DE | FR
3 Agosto 2017
BANGUI, REPUBBLICA CENTRAFRICANA

Missione umanitaria di Sant'Egidio a Bangui in Centrafrica. Un passo per l'implementazione dell'accordo di pace

IT | ES | FR
8 Luglio 2016
MALAWI

Nel campo profughi di Luwani, dove sono migliaia di mozambicani, arrivano gli aiuti di Sant'Egidio Malawi

IT | EN | ES | DE | FR | PT | CA | RU
4 Luglio 2016
LIBIA

Aiuti umanitari in Libia dopo l'accordo firmato a Sant'Egidio: consegnato il primo container di medicinali

IT | EN | ES | DE | FR | PT | CA | HU
9 Giugno 2016
PAKISTAN

In Pakistan il termometro segna 47 gradi: Sant'Egidio in campo per proteggere gli anziani

IT | ES | DE | FR
tutte le news
• STAMPA
10 Maggio 2017
Avvenire

Pakistan. Shahbaz Bhatti, sangue cristiano versato per gli altri

16 Novembre 2016
Münstersche Zeitung

"Grazie mille, Papa Francesco"

2 Novembre 2016
Il Sole 24 ore - Sanità

Connessi al Centrafrica

31 Ottobre 2016
Vatican Insider

Iraq, Sant’Egidio: servono aiuti umanitari e dialogo per superare la crisi

2 Agosto 2016
kath.ch

«Wer willkommen geheissen wird, radikalisiert sich kaum»

21 Giugno 2016
Huffington Post

La riunificazione della Libia passa (anche) dal Fezzan

tutta la rassegna stampa
• NO PENA DI MORTE
25 Marzo 2015
PAKISTAN

PAKISTAN: sospesa l'esecuzione di un condannato a morte minorenne

3 Luglio 2014
FILIPPINE

Filippine. I vescovi: no al ripristino della pena di morte

vai a no pena di morte
• DOCUMENTI

Libia: L'accordo umanitario per il Fezzan firmato a Sant'Egidio il 16 giugno 2016

Appeal "No justice without life" Manila 2014

Il Giappone proporrà l'abolizione della pena di morte

No justice without life 2014,Tokyo - Intervento di Alberto Quattrucci

No justice without life 2014,Tokyo - Intervento di Mario Marazziti

Jean Asselborn

Discours du Vice-Premier ministre, ministre des Affaires étrangères Grand-Duché de Luxembourg Jean ASSELBORN

tutti i documenti
• LIBRI

Shabhaz Bhatti





Paoline
tutti i libri

FOTO

166 visite

152 visite
tutta i media correlati