change language
sei in: home - news contattinewsletterlink

Sostieni la Comunità

  
27 Ottobre 2010

Padova: Presentato il libro "Fare Pace: la Comunità di Sant'Egidio negli scenari internazionali"

 
versione stampabile

Martedì 19 ottobre è stato presentato alTeatro Ruzante di Padova il volume “Fare Pace: la Comunità di Sant’Egidio negli scenari internazionali”, a cura di Roberto Morozzo della Rocca, edito da Leonardo International.

Un titolo indovinato, secondo il Prof. Umberto Curi, presente alla serata assieme a Omar Monestier, Direttore del Mattino di Padova, al Sindaco Flavio Zanonato e a don Angelo Romano, professore di storia moderna all’Università Urbaniana e coautore del libro.

‘Fare Pace’ non solo non tradisce affatto il suo titolo, ma esprime efficacemente un tratto distintivo dell’azione della Comunità di Sant’Egidio. Ossia, la pace è possibile farla, laddove solitamente, ricorda il Prof. Curi, di pace si parla, soprattutto nei termini di un auspicio, di un ‘dover essere’. La constatazione, talvolta amara, che raramente i discorsi di pace si concretizzano in un ‘fare pace’ è scardinata dall’apertura d’orizzonte offerta dalla lettura, a tratti trascinante, della ricostruzione delle diverse iniziative di mediazione e facilitazione della gente di Sant’Egidio per la risoluzione dei conflitti. Dunque, pacificatori, più che pacifisti.

Don Angelo Romano, egli stesso coinvolto nelle trattative di pace in diversi scenari africani, ha voluto evidenziare anzitutto come è nato l’interesse della Comunità per la pace. L’esperienza quotidiana dell’incontro con le vittime delle guerre – dagli stranieri riparati in Italia in fuga dalle diverse aree di conflittualità del pianeta, sino agli anziani di Trastevere che della guerra mantenevano una lucida memoria diretta – ha fatto maturare la convinzione che la guerra è la madre di ogni povertà. La Comunità ha allora voluto coltivare la speranza che la pace sia sempre possibile, trovando le vie per realizzarla. Gli strumenti ‘semplici’ delle imprese di pace di Sant’Egidio sono il dialogo, il contatto umano, la forza persuasiva della gratuità nonché il metodo individuato da un grande diplomatico della Chiesa, Angelo Roncalli, divenuto poi Papa con il nome di Giovanni XXIII: “Cercare quello che unisce e mettere da parte quello che divide”.

La Comunità ha saputo interpretare il desiderio di pace di popoli letteralmente ostaggio della guerra. Più volte è stato ricordato nel corso della serata il caso forse più noto: il Mozambico. In questo scenario, Sant’Egidio ha avuto un ruolo di mediatore ufficiale.

La firma della pace a Roma, proprio nella sede della Comunità, il 4 ottobre 1992, chiuse chiuso un conflitto di 16 anni tra il Frelimo e la Renamo, costato un milione di morti. Il Sindaco Flavio Zanonato, ricordando anzitutto il legame di Padova con il Mozambico e in particolare con la città Beira, ha richiamato l’attenzione sul racconto dei primi contatti instaurati dalla Comunità all’inizio degli anni ottanta. Ne ha sottolineato un tratto essenziale: lo sforzo verso il mutuo riconoscimento delle parti in lotta, oltre ogni rigidità ideologica. Lo stile della mediazione poi, improntato alla costruzione della fiducia tra le due delegazioni, come membri della grande famiglia mozambicana, ha mostrato, a parere del Sindaco, la capacità della Comunità di creare un equilibrio in cui ambedue le parti trovarono soddisfazione.

E’ la guerra a fare notizia, non la pace. Si tratta di un’affermazione forse banale, che tuttavia pone un interrogativo ineludibile. Lo ha ricordato il direttore del Mattino di Padova, Omar Monastier, riferendosi ai meccanismi dell’informazione, che in maniera talvolta perversa enfatizzano immagini e racconti di dolore e morte, mentre trovano difficilmente rilievo le ‘buone notizie’. Ne trova conferma il relativo risalto che la stampa ha dato alle recenti iniziative di Sant’Egidio verso una transizione pacifica delle crisi in Guinea Conakry e in Niger, che, al contrario, rappresentano importanti passi verso la stabilizzazione di una vasta e strategica regione africana.


 LEGGI ANCHE
• NEWS
18 Ottobre 2017

A un mese dall'Incontro delle religioni a Münster, le Strade di Pace hanno attraversato 4 continenti

IT | ES | DE | FR | RU
4 Ottobre 2017
ROMA, ITALIA

La Conferenza sui 25 anni della pace in Mozambico: il modello italiano che ha dato speranza all'Africa

IT | EN | DE | PT
4 Ottobre 2017

25 anni di pace in Mozambico: storia di un paese in uscita dalla guerra e dalla povertà

IT | EN | ES | DE | PT | ID
15 Marzo 2017

La forza disarmata della pace, il nuovo libro di Andrea Riccardi in libreria

IT | PT
20 Ottobre 2015

Vescovi da ogni parte del mondo insieme a Sant'Egidio in preghiera per la pace in Colombia e nel mondo

IT | ES | DE | FR | PT | RU
29 Maggio 2015

"Olivier Clément, uno spirituale europeo" da giugno in libreria

tutte le news
• STAMPA
3 Aprile 2017
Vatican Insider

La forza disarmata della pace

2 Aprile 2017
La Vanguardia

La Michelin de los pobres

22 Settembre 2016
Agencia Latinoamericana y Caribeña de Comunicación

Sed de paz en La Habana

14 Luglio 2016
AlfayOmega

Las periferias y el futuro del cristianismo

2 Marzo 2016
La Vanguardia

Sant Egidi presenta ‘la guía Michelin de los pobres’

2 Marzo 2016
El Punt

Sant Egidi reclama pisos per allotjar 1.400 sense llar

tutta la rassegna stampa
• EVENTI
7 Dicembre 2017 | GENOVA, ITALIA

Presentazione del libro ''Alla Scuola della Pace'' a Genova

23 Novembre 2017 | NAPOLI, ITALIA

Napoli: presentazione del libro ''Alla Scuola della Pace''

15 Novembre 2017 | BARCELLONA, SPAGNA

Andrea Riccardi presenta a Barcellona il libro ''Periferie, crisi e novità per la Chiesa"

tutti gli Incontri di Preghiera per la Pace
• DOCUMENTI

''Entente de Sant'Egidio'': Accordo politico per la pace nella Repubblica Centrafricana

Libia: L'accordo umanitario per il Fezzan firmato a Sant'Egidio il 16 giugno 2016

Appello di Pace 2016

Guida DOVE Mangiare, dormire, lavarsi - Roma 2016

Nuclear Disarmament Symposium on the 70 th anniversary of the atomic bomb. Hiroshima, August 6 2015

tutti i documenti