Riccardi Andrea: sul web

Riccardi Andrea: sui social network

Riccardi Andrea: la rassegna stampa

change language
sei in: home - news contattinewsletterlink

Sostieni la Comunità

  
6 Novembre 2001

Khartoum (Sudan) - Iniziata la distribuzione degli aiuti alle famiglie colpite dall'alluvione

 
versione stampabile

La delegazione della Comunità che si è recata in Sudan nel mese di ottobre, ha iniziato la distribuzione degli aiuti di emergenza alle famiglie colpite dall'alluvione. Il ringraziamento del vescovo di Khartoum, mons. G. Zubeir Wako.

 


Dal 19 al 25 ottobre una delegazione della Comunità di Sant’Egidio si è recata a Khartoum per portare aiuti di emergenza ad un gruppo di famiglie rimaste senza casa a causa dello straripamento del fiume Nilo avvenuto lo scorso settembre.

Il progetto è nato a seguito di una richiesta dell’Arcivescovo di Khartoum, Gabriel Zubeir Wako, rivolta alla Comunità nei primi giorni di Ottobre. Gli aiuti della Comunità sono destinati a 2.370 famiglie residenti in alcune aree della capitale e del nord Sudan, lungo il corso del Nilo.

L’abitudine di costruire case nelle vicinanze del Nilo è molto diffusa in Sudan, a causa della migliore qualità del terreno e del clima in prossimità del fiume. Inoltre, vista la natura desertica del paese, in prossimità del fiume è più facile approvvigionarsi di acqua ed avviare coltivazioni. Negli ultimi anni, però, le piene e gli straripamenti del fiume si sono fatti particolarmente frequenti, cosa che ha portato un gran numero di famiglie a trovarsi senza casa.

In occasione dell’ultima alluvione, circa 10.000 persone sono rimaste senza casa e si sono sparsi in molti dei quartieri periferici di Khartoum edificando piccole baracche o soltanto tende di fortuna, anche lontane dai pozzi d’acqua e completamente prive di servizi igienici.

Nonostante si tratti di posti così disagiati, molte persone, per essere sicure che la propria baracca non venga abbattuta, hanno deciso di costruire su terreni appartenenti a privati e devono anche pagare l’affitto ai proprietari del terreno che occupano. Per questo, non è difficile vedere dei terreni recintati con dentro una o più baracche.

Abbiamo visitato alcune di queste aree, in particolare quella del popoloso quartiere di Kalakala nella periferia sud di Khartoum e ci siamo potuti rendere direttamente conto della difficoltà della vita di queste persone che vivono in rifugi di fortuna, in condizioni climatiche tipicamente desertiche, caratterizzate da un caldo soffocante durante il giorno e da un freddo pungente durante la notte.

Abbiamo incontrato molte di queste famiglie: la maggior parte provengono dal sud del paese da cui erano scappate qualche tempo fa per sfuggire alla guerra civile. Durante il nostro soggiorno in Sudan abbiamo avviato il progetto di aiuti di emergenza in collaborazione con l’ufficio per la Promozione Umana della Diocesi di Khartoum.

Con i responsabili dell’ufficio abbiamo visitato alcuni dei luoghi in cui verranno inviati i nostri aiuti, abbiamo effettuato le ordinazioni del materiale, e verificato i campioni del materiale che costituirà l’aiuto di emergenza.

Ogni famiglia riceverà un telo di plastica di grandi dimensioni per coprire la tenda o la baracca, alcune coperte, dell’olio e del grano, oltre a contenitori per il trasporto dell’acqua e del sapone. Questi aiuti permetteranno a ciascuna famiglia di affrontare con minore difficoltà il primo periodo, in attesa di trovare soluzioni più definitive.

La Comunità si è anche fatta carico delle spese di trasporto e di immagazzinamento del materiale. Gli aiuti verranno distribuiti a cura di alcune parrocchie della Diocesi di Khartoum entro il 10 novembre. Per quella data tutte le famiglie avranno ricevuto l’aiuto della Comunità.

Oltre al contenuto del progetto, che risponde a bisogni primari di una popolazione piuttosto ampia, sia Mons. Zubeir che i responsabili degli aiuti umanitari della Diocesi di Khartoum, hanno apprezzato la prontezza con cui la Comunità ha messo a disposizione i fondi e la rapidità con cui si è potuto avviare il progetto.

Si è trattato, infatti, di un progetto di emergenza autentico, che è riuscito a rispondere in maniera molto efficace al bisogno di una popolazione in tempi brevissimi.

Fabio Riccardi

 

Lettera di ringraziamento del vescovo di Khartoum

 

To the Community of Sant'Egidio

October 25, 2001


Subject: Thanks for the help granted


Sisters and Brothers,

On my arrival to Khartoum I was surprised and overjoyed to meet Dr. Fabio, Fr. Angelo and Ms. Marcellina here. Now at their departure, I wish to send you this note through them.

My whole Archdiocese is extremely grateful for the swift action your Community has taken to respond to our request for funds to enable us to provide emergency food and shelter for the people who were affected by the floods of August. Your generosity of granting US. $ 50,000.-- for this purpose and in so short a time, has captured our admiration and appreciation.

Thanks so much for the great act of generosity and solidarity with our suffering people. I echo the thanks of the people who will directly benefit from this help, and for my entire diocese for your quick action without too much ado.

May God bless your efforts and particularly your closeness to your brothers and sisters in need. 
Yours Sincerely,

 

GABRIEL ZUBEIR WAKO
Archbishop of Khartoum


 LEGGI ANCHE
• NEWS
25 Aprile 2017
BERLINO, GERMANIA

Giovani, Africa e dialogo interreligioso al centro del lungo colloquio a Berlino tra Andrea Riccardi e Angela Merkel

IT | EN | ES | DE | FR | PT
24 Aprile 2017
BUKAVU, REPUBBLICA DEMOCRATICA DEL CONGO

In Congo Sant'Egidio celebra la Pasqua liberando alcuni giovani prigionieri dal carcere di Bukavu

IT | ES | FR | PT | NL | RU | HU
5 Aprile 2017
BENIN

Andrea Riccardi alle Comunità del Benin: un paese crocevia di etnie può insegnare il gusto di vivere insieme

IT | DE | NL
2 Aprile 2017
TOGO

Sant'Egidio, un popolo di amici sulla strada, con i poveri: la visita di Andrea Riccardi alle Comunità del Togo

IT | ES | DE | FR | NL
20 Marzo 2017
ROMA, ITALIA

Concluso a Roma il convegno dei rappresentanti delle Comunità di Sant'Egidio dell'Africa e dell'America Latina

IT | EN | ES | DE | FR | PT | CA | NL
9 Marzo 2017
MAPUTO, MOZAMBICO

Cibo e rose nel carcere femminile di Ndlavela in Mozambico, dove la povertà è fatta anche di abbandono

IT | ES | DE | PT
tutte le news
• STAMPA
22 Aprile 2017
L'Osservatore Romano

Senza arrendersi alla disumanità

20 Aprile 2017
SIR

Corridoi umanitari: Caritas Italiana e Comunità di Sant’Egidio in Etiopia per aprire il primo canale dall’Africa

14 Aprile 2017
Sette: Magazine del Corriere della Sera

Il mercato della fede tra sette, miracoli e promesse di soluzione dei problemi quotidiani

28 Marzo 2017
La Civiltà Cattolica

La corruzione che uccide

18 Marzo 2017
Radio Vaticana

Telemedicina: nuova frontiera per la cooperazione in Africa

17 Marzo 2017
Sette: Magazine del Corriere della Sera

Andrea Riccardi: Le politiche sulle migrazioni devono partire dai giovani africani che usano Internet e il cellulare

tutta la rassegna stampa
• NO PENA DI MORTE
31 Ottobre 2014

Inaugurata a Bukavu la campagna "Città per la vita"

12 Ottobre 2014
All Africa

Africa: How the Death Penalty Is Slowly Weakening Its Grip On Africa

20 Settembre 2014

Ciad: il nuovo codice penale prevede l'abolizione della pena di morte

20 Settembre 2014
AFP

In Ciad rischio criminalizzazione gay, ma abolizione pena morte

vai a no pena di morte
• DOCUMENTI

Libia: L'accordo umanitario per il Fezzan firmato a Sant'Egidio il 16 giugno 2016

Burkina Faso - La Paix est l'avenir: Rencontre des religions pour la paix

Comunicato stampa contro i linciaggi in Mali

The Goal of a DREAM

Dichiarazione dell'Unione Africana sul Patto Repubblicano firmato a Bangui

Jean Asselborn

Discours du Vice-Premier ministre, ministre des Affaires étrangères Grand-Duché de Luxembourg Jean ASSELBORN

tutti i documenti
• LIBRI

Eine Zukunft für meine Kinder





Echter Verlag
tutti i libri

FOTO

1411 visite

1362 visite

1387 visite

1330 visite

1322 visite
tutta i media correlati