Riccardi Andrea: sul web

Riccardi Andrea: sui social network

Riccardi Andrea: la rassegna stampa

change language
sei in: home - news contattinewsletterlink

Sostieni la Comunità

 
5 Ottobre 2011 | GENOVA, ITALIA

Consegnati 200 diplomi dalla Scuola di Lingua e Cultura Italiana: cultura e studio per vivere insieme

 
versione stampabile

Sabato 1° ottobre nell’auditorium del Museo del mare di Genova si è svolta la festa dei diplomi della Scuola di Lingua e Cultura Italiana della Comunità di Sant’Egidio.

Quest’anno circa 200 studenti hanno ricevuto l’attestato a conclusione di un percorso di studi, articolato su più livelli.

Alla cerimonia sono intervenuti il presidente della Fondazione Cultura, Luca Borzani, l’assessore regionale all’immigrazione, Enrico Vesco, e la professoressa Angela Testi, della facoltà di economia dell’Università di Genova.

Prima della consegna dei diplomi, e delle numerose foto di rito, alcuni studenti hanno preso la parola per un breve saluto.

A scuola ho conosciuto tante persone – ha detto Juan Carlos, boliviano -   in comune abbiamo il bisogno e il desiderio di imparare la lingua del paese che ci ospita per poter vivere bene in Italia e poi tornare nel nostro paese d’origine più ricchi… non solo in denaro, ma in esperienza e in cultura”.

Il tema della ricerca di una vita insieme è stato il filo conduttore di ogni intervento.

La voglia di imparare e di conoscerci – ha detto Svitlana, studentessa ucraina - ha fatto trovare una strada comune, che oggi mi sento di dire ha tolto tante divisioni e differenze, ha portato più amicizia tra noi. Amare  la cultura e lo studio, in fondo, è lavorare per la convivenza e la vita insieme”.

Infine Assane, che viene dal Senegal,  ha ricordato come la convivenza debba essere uno lo sforzo comune di un’intera città, senza distinzioni, perché “il nostro destino è vivere insieme, come si è detto nell'Incontro tra le religioni a a Monaco di Baviera”.

La presenza di studenti provenienti da tutti i continenti, dal Sudamerica come dall’Europa, dall’Asia come dalle diverse aree geografiche dell’Africa, ha ricordato che la scuola in questi anni ha rappresentato una porta aperta e una casa ospitale, in cui costruire un pezzo importante del futuro delle nostre città.

Mettiamo al primo posto nel nostro vocabolario la parola convivenza – ha concluso Marina Luppi, parlando a nome della scuola della Comunità di Sant’Egidio - conosciamone bene il significato e usiamola come mezzo e come fine del nostro essere, del nostro vivere e del nostro sapere”.

 

 

 

 

ALTRE IMMAGINI  
   
   


 


 LEGGI ANCHE
• NEWS
25 Agosto 2016
VILLA LITERNO, ITALIA

Memoria di Jerry Masslo, nell'anniversario della sua uccisione, nel 1989

15 Agosto 2016

Mediterraneo, un mare di ponti: tre giorni di incontri tra giovani italiani e nuovi europei in Puglia

IT | FR
10 Agosto 2016
VENTIMIGLIA, ITALIA

Accoglienza è ... insegnare il francese ai migranti alla frontiera di Ventimiglia. Lo fanno i Giovani per la Pace di Genova

IT | FR | HU
9 Agosto 2016
CATANIA, ITALIA

Mare, giochi e integrazione: giovani dalla Sicilia e dal mondo danno il via a #tregiornisenzafrontiere

9 Agosto 2016
NAPOLI, ITALIA

Estate in Campania fa rima con solidarietà: la proposta di Sant'Egidio che fa bene a chi aiuta e chi è aiutato

8 Agosto 2016
CATANIA, ITALIA

#tregiornisenzafrontiere: la grande festa estiva dell'integrazione dei giovani della Sicilia e del mondo

IT | FR | HU
tutte le news
• STAMPA
11 Luglio 2016
La Provincia Pavese

Pavia. Canti, balli e cibo dopo il digiuno. Si festeggia la fine del Ramadan

20 Giugno 2016
Città Nuova

Un sistema di integrazione. Tre domande a Daniela Pompei

9 Giugno 2016
Gazzetta del Sud

Riccardi: «Senza Mediterraneo non c'e Europa»

5 Giugno 2016
Il Secolo XIX

La vita dei migranti raccontata a duemila ragazzi delle scuole

19 Aprile 2016
Vatican Insider

“I profughi? Non basta accoglierli, bisogna inserirli”

18 Aprile 2016
Gazzetta del Sud

I "profughi di Francesco" già a scuola d'italiano

tutta la rassegna stampa
• DOCUMENTI

Corso di Alta Formazione professionale per Mediatori europei per l’intercultura e la coesione sociale

Omelia di S.E. Card. Antonio Maria Vegliò alla preghiera "Morire di Speranza". Lampedusa 3 ottobre 2014

Omelia di S.E. Card. Vegliò durante la preghiera "Morire di speranza"

Nomi e storie delle persone ricordate durante la preghiera "Morire di speranza". Roma 22 giugno 2014

Le vittime dei viaggi della speranza - grafici

Le vittime dei viaggi della speranza da gennaio 2013 a giugno 2014

tutti i documenti
• LIBRI

Trialoog





Lannoo Uitgeverij N.V

Dopo la paura, la speranza





San Paolo
tutti i libri

FOTO

1120 visite

1084 visite

1060 visite

1138 visite

1099 visite
tutta i media correlati