Riccardi Andrea: sul web

Riccardi Andrea: sui social network

Riccardi Andrea: la rassegna stampa

change language
sei in: home - news contattinewsletterlink

Sostieni la Comunità

  
20 Ottobre 2011 | EL SALVADOR

Alluvioni in Centro America - In El Salvador, decine di migliaia di sfollati. Gli interventi della Comunità di Sant'Egidio

 
versione stampabile

Da più di una settimana, la pioggia incessante continua a cadere sul Centro America. Nel piccolo El Salvador, la quantità di acqua supera il livello già impressionante dei precedenti disastri che avevano danneggiato il paese, come l'uragano Mitch nel 1999.

Straripano fiumi, le case di alcune zone povere, costruite sulle rive dei fiumi senza fondamenta, non resistono. La gente le abbandona per rifugiarsi in luoghi sicuri: scuole, case comunali e chiese. Si stima che sono state colpite più di 150.000 persone, con circa 32.000 rifugiati. Il conto dei morti, tra cui anche bambini, purtroppo sale di ora in ora. Il governo ha dichiarato lo stato di calamità nazionale, e si spera che le piogge cessino presto.

Nel disastro si è risvegliato uno spirito di solidarietà. La Comunità di Sant’Egidio in El Salvador ha raccolto cibo e indumenti e soprattutto acqua potabile nei supermercati e nelle parrocchie, per portare cibo e sollievo in 5 centri di accoglienza per i “desplazados”.
La località di Ateos, all’ovest del paese, è stata isolata per 3 giorni, perché il ponte, accesso principale al paese è stato spazzato via dal fiume: oltre 600 persone –tra cui molti bambini- sono state accolte in locali dalla parrocchia e del Municipio. Lì ricevono, in questi giorni di emergenza, un pasto caldo preparato da un gruppo di giovani studenti, che cucinano il cibo raccolto dalla Comunità di Sant'Egidio e altre associazioni.
 
A Guadalupe la Zorra, dove molti dei bambini sono sostenuti dal programma di adozioni a distanza della Comunità di Sant’Egidio, in uno dei rifugi improvvisati, vegnono assistite circa 300 persone, le cui case sono state inondate, che hanno perso le loro povere cose.
 
Nel quartiere della prima Scuola della Pace della Comunità, il Bambular, molte famiglie, che vivono sulle pendici di un burrone, sono a rischio di inondazione e per la loro sicurezza si sono rifugiate nei locali della scuola. Ma non manca loro la compagnia della Comunità e il cibo, ogni giorno. Si sono organizzati: le madri a turno cucinano per tutti il cibo provvisto da Sant’Egidio: un segno della solidarietà cresciuta in questi anni di amicizia, anche in mezzo al dolore.
 
A San Martin, quartiere in cui la violenza delle “maras” non ha tregua, le pareti di terra e fango minacciano di cadere sulle case. Ci siamo conosciuti durante l’emergenza dell’uragano “Ida” e l'amicizia si è rafforzata soprattutto nella certezza da parte delle famiglie di avere nella Comunità di Sant'Egidio un punto di riferimento sicuro in cui porre la loro fiducia.
 
A Santo Tomas, nella periferia di San Salvador, la situazione di confusione non permette di organizzare aiuti, ma la Comunità ha portato cibo, amicizia e allegria con giochi e feste a centinaia di bambini, che in queste situazioni di smarrimento sono i primi a soffrire. Infatti, il nome di Sant'Egidio, in El Salvador, è quello di una pace possibile in mezzo alla tempesta, della certezza di avere amici che, in momenti così drammatici, danno speranza e amore.

 


 LEGGI ANCHE
• NEWS
14 Novembre 2016
BRUXELLES, BELGIO

Prosegue l'impegno di Sant'Egidio per l'Iraq: oggi a Bruxelles una Giornata di Studio con il Comitato per la Riconciliazione

IT | ES | DE | FR | PT
31 Ottobre 2016
BAGHDAD, IRAQ

Sant'Egidio in Iraq: aiuti umanitari e dialogo nazionale e interreligioso per superare la crisi

IT | EN | ES | DE | FR | PT | RU
29 Agosto 2016
ABIDJAN, COSTA D'AVORIO

Con gli occhiali nuovi alla Scuola della Pace di Abidjan

IT | ES | DE | FR | PT | CA
8 Luglio 2016
MALAWI

Nel campo profughi di Luwani, dove sono migliaia di mozambicani, arrivano gli aiuti di Sant'Egidio Malawi

IT | EN | ES | DE | FR | PT | CA | RU
4 Luglio 2016
LIBIA

Aiuti umanitari in Libia dopo l'accordo firmato a Sant'Egidio: consegnato il primo container di medicinali

IT | EN | ES | DE | FR | PT | CA | HU
10 Giugno 2016
ECUADOR

Sant'Egidio invia aiuti umanitari alla popolazione sfollata dal terremoto in Ecuador

IT | ES | FR
tutte le news
• STAMPA
16 Novembre 2016
Münstersche Zeitung

"Grazie mille, Papa Francesco"

2 Novembre 2016
Il Sole 24 ore - Sanità

Connessi al Centrafrica

31 Ottobre 2016
Vatican Insider

Iraq, Sant’Egidio: servono aiuti umanitari e dialogo per superare la crisi

2 Agosto 2016
kath.ch

«Wer willkommen geheissen wird, radikalisiert sich kaum»

21 Giugno 2016
Huffington Post

La riunificazione della Libia passa (anche) dal Fezzan

7 Aprile 2016
Domradio.de

"Mauer und Stacheldraht nicht die Lösung"

tutta la rassegna stampa
• EVENTI
28 Settembre 2016 | SAN SALVADOR, EL SALVADOR

Preghiera in ricordo di William Quijano, giovane dalla Comunità di Sant'Egidio ucciso per il suo amore per i poveri

tutti gli Incontri di Preghiera per la Pace
• DOCUMENTI

Libia: L'accordo umanitario per il Fezzan firmato a Sant'Egidio il 16 giugno 2016

Intervento di Jaime Aguilar, della Comunità di Sant'Egidio di San Salvador

Jean Asselborn

Discours du Vice-Premier ministre, ministre des Affaires étrangères Grand-Duché de Luxembourg Jean ASSELBORN

Jaime Aguilar

Premio Colombe d'Oro 2010 - Testimonianza di Jaime Aguilar

Janeth Marlene Zetino

Premio Colombe d'Oro 2010 - Testimonianza di Janeth Marlene Zetino

Matteo Zuppi

Dieci anni della Comunità di Sant’Egidio con l’Albania: Intervento di Don Matteo Zuppi

tutti i documenti
• LIBRI

Mgr Oscar Romero





DDB
tutti i libri

FOTO

151 visite

464 visite

186 visite

529 visite

260 visite
tutta i media correlati
APPROFONDIMENTI

SOLIDARIETA’ CON LE VITTIME DELL'EMERGENZA UMANITARIA IN CENTRO AMERICA:

AIUTACI ANCHE TU!

DONAZIONE ONLINE
causale "Alluvioni in Centro America"


oppure

c/c bancario e postale
807040
Comunità di S.Egidio-ACAP Onlus
IBAN: IT67D076010

3200000000807040
SWIFT:
BPPIITRRXXX

Per Natale, regala il Natale! Aiutaci a preparare un vero pranzo in famiglia per i nostri amici più poveri