Riccardi Andrea: sul web

Riccardi Andrea: sui social network

Riccardi Andrea: la rassegna stampa

change language
sei in: home - news contattinewsletterlink

Sostieni la Comunità

  
28 Novembre 2011 | KIEV, UCRAINA

Fame nel mondo. I Giovani per la Pace ricordano l'Holodomor, la carestia che colpì il paese negli anni Trenta e le attuali crisi alimentari nel mondo

 
versione stampabile

XXI secolo: si muore ancora di fame?

memoria del holodomor: solidarietà con i paesi che soffrono la fame


Il 25 novembre alla vigilia del Giorno nazionale di memoria delle vittime del Holodomor, la grande carestia che colpì l’Ucraina negli anni 1932-1933, giovani universitari e delle scuole superiori di Kiev, convocati dal movimento “Giovani per la Pace” della Comunità di Sant’Egidio, hanno promosso l’iniziativa “XXI secolo: si muore ancora di fame?”, in memoria delle vittime del Holodomor e allo stesso tempo come segno di solidarietà con i paesi che oggi soffrono la fame.  

 

I partecipanti all’incontro si sono riuniti per riflettere sul non facile tema della fame in Ucraina e nel mondo intero; nel corso dell’incontro, oltre ad alcune relazioni, sono stati proiettati documentari con testimonianze di persone che negli anni Trenta in Ucraina hanno conosciuto la sofferenza della fame e di persone che oggi continuano a soffrirne soprattutto in Africa. Un importante contributo all’iniziativa è stato dato dall’intervento in videoconferenza di Kpakilé Felemou della Comunità di Sant’Egidio, che ha offerto una testimonianza sulla situazione dei paesi africani colpiti oggi dalla carestia e dalla malnutrizione. È la prima volta che in Ucraina si realizza un’iniziativa pubblica sul tema della fame in Africa con la partecipazione di un autorevole testimone.

La morte per fame è una delle più vergognose manifestazioni della storia dell’umanità, dal momento che praticamente in tutti i casi la fame dei popoli è un evento che si può prevenire o arrestare. Nel nostro mondo globalizzato non si può restare indifferenti nell’impotenza sapendo che vicino a noi uomini e donne continuano a soffrire e a morire per la fame. La tragedia di un uomo che lentamente muore di fame non conosce confini nazionali, non conosce divisioni per motivi razziali, religiosi o di status sociale. Quando un uomo muore di fame, è un dramma che resta sulla coscienza di tutta l’umanità.

La memoria degli eventi più tragici nella storia del nostro paese, di cui sono rimaste vittime milioni di persone innocenti, nostri connazionali, interpella i giovani ucraini a far loro un nuovo senso di  responsabilità e di solidarietà particolare verso chi ancora oggi continua a soffrire e a morire per la fame. In questo senso l’iniziativa si è conclusa con il lancio di una campagna di solidarietà a favore delle popolazioni colpite dalla carestia e dalla fame in Kenia.   

     


 LEGGI ANCHE
• NEWS
14 Novembre 2016
BRUXELLES, BELGIO

Prosegue l'impegno di Sant'Egidio per l'Iraq: oggi a Bruxelles una Giornata di Studio con il Comitato per la Riconciliazione

IT | ES | DE | FR | PT
31 Ottobre 2016
BAGHDAD, IRAQ

Sant'Egidio in Iraq: aiuti umanitari e dialogo nazionale e interreligioso per superare la crisi

IT | EN | ES | DE | FR | PT | RU
29 Agosto 2016
ABIDJAN, COSTA D'AVORIO

Con gli occhiali nuovi alla Scuola della Pace di Abidjan

IT | ES | DE | FR | PT | CA
8 Luglio 2016
MALAWI

Nel campo profughi di Luwani, dove sono migliaia di mozambicani, arrivano gli aiuti di Sant'Egidio Malawi

IT | EN | ES | DE | FR | PT | CA | RU
4 Luglio 2016
LIBIA

Aiuti umanitari in Libia dopo l'accordo firmato a Sant'Egidio: consegnato il primo container di medicinali

IT | EN | ES | DE | FR | PT | CA | HU
10 Giugno 2016
ECUADOR

Sant'Egidio invia aiuti umanitari alla popolazione sfollata dal terremoto in Ecuador

IT | ES | FR
tutte le news
• STAMPA
16 Novembre 2016
Münstersche Zeitung

"Grazie mille, Papa Francesco"

2 Novembre 2016
Il Sole 24 ore - Sanità

Connessi al Centrafrica

31 Ottobre 2016
Vatican Insider

Iraq, Sant’Egidio: servono aiuti umanitari e dialogo per superare la crisi

2 Agosto 2016
kath.ch

«Wer willkommen geheissen wird, radikalisiert sich kaum»

21 Giugno 2016
Huffington Post

La riunificazione della Libia passa (anche) dal Fezzan

7 Aprile 2016
Domradio.de

"Mauer und Stacheldraht nicht die Lösung"

tutta la rassegna stampa
• DOCUMENTI

Libia: L'accordo umanitario per il Fezzan firmato a Sant'Egidio il 16 giugno 2016

Jean Asselborn

Discours du Vice-Premier ministre, ministre des Affaires étrangères Grand-Duché de Luxembourg Jean ASSELBORN

Matteo Zuppi

Dieci anni della Comunità di Sant’Egidio con l’Albania: Intervento di Don Matteo Zuppi

Piero Bestaggini

Progetto AIDS in Mozambico: un programma per il rafforzamento generale della sanità e per la lotta all'AIDS. Relazione di Piero Bestaggini

tutti i documenti

FOTO

534 visite

186 visite

543 visite

151 visite

464 visite
tutta i media correlati

Per Natale, regala il Natale! Aiutaci a preparare un vero pranzo in famiglia per i nostri amici più poveri